Parliamo di: /

Il ritorno di Legends of Tomorrow, le contraddizioni di Iron Fist

Uno sguardo alla seconda stagione di DC's Legends of Tomorrow e all'imminente serial Netflix su Iron Fist. Ancora, uno sguardo alle novità dell'animazione.
Articolo aggiornato il 22/09/2017

DC’s Legends of Tomorrow

Nei giorni scorsi ha avuto inizio negli USA la seconda stagione di DC’s Legends of Tomorrow, il serial sul gruppo di eroi e criminali che viaggiano nel tempo. Intervistato da Variety, il produttore esecutivo Marc Guggenheim ha parlato della nuova stagione e delle sfide che saranno affrontate narrativamente per rendere lo show migliore, soddisfacendo al tempo stesso il pubblico di appassionati.

Abbiamo sentito che il nostro concept per lo scorso anno – con la data del 2061 in cui tutto il mondo è sotto il dominio di Vandal Savage, insieme con la morte della famiglia di Rip [Rip Hunter ndr] – avesse gettato questa sorta di cappa sopra la serie che impediva ai nostri personaggi di fare ciò che sanno fare meglio. Esaminando la scorsa stagione, e guardando a ciò che ha funzionato e a cosa non ha funzionato, ci siamo impegnati a trovare un concept che ci permettesse di avere più divertimento, e di sentirci più leggeri.

Oh Dio, è così liberatorio. Lo show ha beneficiato enormemente dal nuovo concept. Abbiamo riprogettato lo show per fare tutto nel modo migliore, ed è diventato uno spettacolo molto più divertente da scrivere e produrre, e penso che il divertimento si percepisca sullo schermo.
Una delle cose che abbiamo stabilito l’anno scorso è che le leggende sono un team incredibilmente disadattato di aspiranti eroi. Il nostro obiettivo è quello di presentare storie in cui il team può ancora salvare vite e la situazione, nonostante tutto questo.

Il ritorno di Legends of Tomorrow, le contraddizioni di Iron Fist

Parlando della comparsa della Justice Society of America nella nuova stagione, Guggenheim ha sottolineato che la decisione di includere questo storico gruppo di eroi nel serial è arrivata dopo una conversazione con .

Questa scelta è avvenuta attraverso una conversazione che ho avuto con il presidente e CCO di DC Comics Geoff Johns, alla fine della scorsa stagione. Abbiamo avuto l’idea di porre fine alla stagione 1 facendo vedere un altro Waverider [navicella temporale usata da Rip Hunter ndr] precipitare davanti alle leggende, e un altro supereroe uscirne. Stavamo cercando di capire quale supereroe dall’universo DC avremmo potuto utilizzare – questo è come la nostra partnership con DC funziona – ci sono delle persone incaricate di dire “questo personaggio è disponibile, questo personaggio non è disponibile” – e Geoff ha suggerito Rex Tyler , e questo era particolarmente emozionante, perché è lui che ha suggerito che Rex dicesse “sono Rex Tyler della Justice Society of America.” sono andato da Greg Berlanti, e ha immediatamente accettato l’idea.

Parlando in seguito dei personaggi che potrebbero affascinare di più il pubblico, il produttore ha stilato un suo personale elenco, evidenziando in seguito anche la presenza della Legion of Doom, che include al suo interno personaggi provenienti da e .

Ci siamo tutti davvero innamorati di Obsidian (Dan Payne, Lance Henriksen). Con gli effetti visivi disponibili, quel personaggio ha davvero, senza giochi di parole, preso il volo. Un sacco di volte, con questi show di supereroi, non si conosce appieno il potenziale del personaggio fino a quando non li vedi nella loro completezza. È stato davvero realizzato tutto alla perfezione per Obsidian, e questo ha aggiunto un’altra dimensione al personaggio.
Una cosa che ci ha sorpresi, e che non era in origine nei programmi, è stato guardare fuori dalla nostra tana e realizzare che ci sono un sacco di personaggi straordinari che sono stati introdotti tra “The Flash” e “Arrow”, personaggi che sono davvero fantastici e interpretati da grandi attori. Questo è stato sufficiente per trovare il team di Legends e così è stato anche per Legion of Doom. Ciò dimostra quanto ricco sia diventato questo universo. Ci ha dato la possibilità di introdurre tutti questi eroi e questi antagonisti, e di farli interpretare da incredibili attori. Siamo molto fortunati.

Il ritorno di Legends of Tomorrow, le contraddizioni di Iron Fist

In un’altra intervista, questa volta rilasciata a CBR, a parlare della seconda stagione è stato l’attore , che nello show riprende il ruolo del Professor Stein alias l’altra metà del supereroe Firestorm. Garber ha in primo luogo parlato dell’interazione delle Leggende con la JSA.

Siamo uniti con tutto un altro gruppo di persone, dove c’è un enorme concorrenza tra di loro. Questo è stato stabilito in questa stagione, e poi ci sono delle ripercussioni. Tutto ciò ha cambiato la vita di tutti, davvero. Ora abbiamo a che fare con un gruppo più ampio di cattivi. Tutti stanno lavorando insieme per salvare di nuovo il mondo. L’interazione con la JSA è una cosa abbastanza divertente di questa nuova stagione.

Parlando della dinamica tra il suo personaggio e Jefferson (Franz Drameh) il nuovo Firestorm, Garber ha sottolineato che tra i due ci sono alti e bassi.

C’è ancora competizione. Hanno sempre cura l’uno dell’altro, ma si tratta di un legame più profondo. Questo è molto più evidente in questa stagione rispetto alla precedente.
In misura maggiore, è solo una questione data dal fatto che io sono la persona più anziana, e che Jefferson è molto più giovane. C’è un aspetto personale nel nostro rapporto che è fondamentale per il nostro show, e per me come attore, che adoro. Mi piace anche che Stein sia diventato improvvisamente consapevole del fatto che non può essere così esperto come pensa di essere. Vedere la prepotenza e l’arroganza di Stein è qualcosa di divertente.

Entrando nello specifico delle storyline che saranno affrontate nello show, Garber ha evidenziato alcuni episodi che a suo dire faranno divertire molto il pubblico, rivelando anche il ritorno della versione giovanile del Dr. Stein.

Li trovo tutti impegnativi e tutti interessanti. Eravamo negli anni ’40 in un night club nazista… Nel prossimo episodio, saremo a Chicago con Al Capone. È divertente dal punto di vista visivo, ma non ho un episodio favorito. Ho letto gli script e ho pensato: “Oh, come posso farlo?”
Imparerete molto di più sul mio personaggio. Il giovane Stein torna in questa stagione! Ci sono ripercussioni da quell’incontro [Stein incontrò il suo sé più giovane in un episodio ambientato nel 1975 ndr] che sono abbastanza importanti. Proprio quando Stein pensa di fare la cosa giusta, si rende conto che ha un effetto che forse non è così buono come inizialmente sperava.

Marvel’s Iron Fist

Intervistato nei giorni scorsi nel corso della New York Comic-Con, l’attore , che interpreta il ruolo di Danny Rand in Marvel’s iron Fist, ha avuto modo di descrivere dettagliatamente il protagonista del nuovo serial , facendo leva sulle contraddizioni del personaggio.

La cosa migliore di Danny Rand è che possiede queste enormi, enormi contraddizioni. Una metà di lui è … sta cercando di essere un super-artista marziale e un guerriero, e l’altra metà è come un filo in perenne tensione, soffre di un trauma, è crivellato di PTSD [Sindrome Post-Traumatica ndr]. Così hai queste due contraddizioni che sono costantemente in lotta tra di loro.
L’altra contraddizione è che ha trascorso un po’ di tempo in Oriente, ma lui viene da una famiglia occidentalizzata, in modo tale che questi due lati convivano insieme. Soprattutto quando torna a New York, lui mette in dubbio l’etica aziendale un bel po’, perché vede attraverso le cose. È innocente ed è puro. Non ha mai vissuto in questo mondo molto materialista, del cane-mangia-cane in cui improvvisamente si ritrova. Quindi ci sono un sacco di contraddizioni con cui giocare. È molto divertente per un attore essere coinvolto in tutto questo.

Non posso davvero dire molto, perché la Marvel potrebbe uccidermi sul posto – ha dichiarato Finn riferendosi alla storia delle origini del personaggio dei fumetti, dove è tornato per vendicarsi dell’assassino di suo padre – Quello che posso dire è sì, avete ragione – ci sono delle contraddizioni nel personaggio, e questo è ciò che lo rende veramente reale e davvero divertente da interpretare.

Quando inizia lo show, si pensa qualcosa del tipo ‘Chi cazzo è questo tizio?’ E anche lo stesso Danny non conosce se stesso. È un’anima perduta. Ha perso i suoi genitori quando aveva dieci anni,  ha vissuto in un monastero in condizioni molto dure per quindici anni … È turbato. È un personaggio molto turbato, e sta facendo domande che ogni ragazzo di venticinque anni, chiederebbe:’ Chi sono io? Qual è la mia ragione qui? Lui è Iron Fist, e questa è una responsabilità che sta cercando di affrontare. La maggior parte dello show riguarda Danny che sta cercando di capire quale sia il suo posto nel mondo, chi è, da dove viene, con chi è in sintonia con cosa egli si identifica.

Il ritorno di Legends of Tomorrow, le contraddizioni di Iron Fist

Borrowed Time

Ha esordito nei giorni scorsi su Vimeo il cortometraggio animato “Borrowed Time”, il racconto struggente di uno sceriffo perseguitato dai ricordi di un tragico incidente, che ha vinto diversi premi, tra cui quello di miglior corto d’animazione al Festival di St. Louis, il Gran Premio della Giuria al Festival di Nashville che secondo alcuni analisti dovrebbero portarlo dritto dritto verso la nomination agli Oscar.
I co-registi Andrew Coats e Lou Hamou-Lhadj hanno realizzato il cortometraggio negli ultimi cinque anni, mentre lavoravano a progetti Pixar per il grande schermo come Brave Inside Out e The Good Dinosaur.

In America, l’animazione è in gran parte diventata sinonimo di film per bambini, mentre nel resto del mondo è celebrata come un mezzo che può essere utilizzato per raccontare una storia – ha dichiarato Coats – Riteniamo che questa differenza culturale limita il potenziale pubblico e la gamma dei temi dell’animazione americana, ed è una grande parte del motivo per cui abbiamo scelto di fare ‘Borrowed Timé”.

Dopo aver lavorato in film per famiglie con un sacco di cuore e commedia, abbiamo voluto fare qualcosa al di fuori della nostra zona di comfort: un serio dramma d’azione. Sapevamo che sarebbe stata una sfida enorme per noi – ha aggiunto Hamou-Lhadj.

Il ritorno di Legends of Tomorrow, le contraddizioni di Iron Fist

Cinebrevi

Warner Bros. Consumer Products e DC Entertainment hanno incaricato la società con sede in Belgio Leomil per realizzare una gamma di abbigliamento ispirata al franchising DC Super Hero Girl.
La nuova collezione comprenderà t-shirt a manica lunga e corta, top con cappucci, pantaloni da jogging, leggings, camicie da notte, pigiami, costumi da bagno, gonne, canottiere, tute e abiti, nonché una serie di calzature.
La linea di abbigliamento di Leomil sarà disponibile tra i rivenditori europei in nel secondo e nel terzo trimestre 2017, con la gamma di calzature il cui lancio globale sarà previsto per l’estate 2017.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio