“Poesia e fumetto. Il Vitto”, premio per giovani fumettisti

“Poesia e fumetto. Il Vitto”, premio per giovani fumettisti
L'Associazione "Amici di Vitto" in memoria di Vittorio Mietta, giovane poeta e amante del fumetto scomparso precocemente, indice la prima edizione di un concorso, aperto a tutti i giovani tra i 18 e i 32 anni, che prevede la realizzazione di una storia breve a fumetti ispirata a una delle...

Comunicato stampa

Il Vitto – Premio “Vittorio Mietta”
Un concorso dedicato ai fumettisti, per trasformare in disegni le poesie di Vittorio.

…..… anche se la sete è inappagabile
continuo a camminare
sognando fontane.

"Poesia e fumetto. Il Vitto", premio per giovani fumettisti_Notizie Due erano le grandi passioni di Vittorio Mietta, autore dei versi riportati qui sopra: la poesia e il fumetto.
Dalla combinazione di queste passioni, il 31 ottobre 2019 prende avvio la prima edizione del concorso per fumettisti o aspiranti tali Il Vitto, lanciato dalla famiglia e dagli amici per portare avanti il suo ricordo e mantenere viva la sua arte.
A partire da una sua poesia selezionata, Mille e una notte, i partecipanti dovranno realizzare una breve storia autoconclusiva. Non ci sono vincoli stilistici o tematici (la poesia varrà solo come ispirazione), se non la lunghezza massima di 8 tavole.

La partecipazione al concorso è gratuita e aperta ai ragazzi dai 18 ai 32 anni.
I lavori dovranno pervenire dal 30/11/19 entro e non oltre il 10/01/2020.

I quattro vincitori avranno la possibilità di accedere a un workshop tenuto dall’autore Sergio Gerasi e l’autore dell’opera migliore riceverà un premio in denaro di € 500.
Le opere selezionate dalla giuria verranno esposte all’interno di una mostra a Pavia, in data da definirsi, e pubblicate in un volume.

Per informazioni sulle modalità di partecipazione, leggere il bando di concorso e scoprire qualcosa di più su chi era Vittorio: www.ilvitto.it/. Facebook: Il Vitto – Premio Vittorio Mietta.
Per informazioni: info@ilvitto.it.

Mille e una notte
di Vittorio Mietta

Mille e una notte seduti a ascoltare
il silenzio in silenzio riempiendo il bicchiere
Mille e una notte aggrappati al bancone
come alle bande di una nave
con gli occhi stanchi
pronti a avvistare
le increspature
sull’orizzonte ciò che si muove
Mentre il naso di gatta
guida la flotta ubriaca
traccia la rotta
disegna nell’onda la strada
Fende il fiato che puzza di vino
polena di nave
il naso aquilino
fascio di luce che annuncia il mattino
Fende la luce che annuncia il mattino
si allontana tra i tavoli con passo indeciso

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su