Olivia Munn: “Bryan Singer lasciò il set di X-Men: Apocalisse per dieci giorni”

Olivia Munn: “Bryan Singer lasciò il set di X-Men: Apocalisse per dieci giorni”
L'attrice parla per la prima volta dei problemi sul set con il regista Bryan Singer durante la lavorazione della pellicola.

In una intervista concessa in esclusiva a Variety, l’attrice ha parlato brevemente della sua esperienza sul set di , film sui mutanti Marvel dove interpretò il ruolo di Betsy Braddock alias Psylocke, raccontando alcuni particolari circa il regista e la sua “erratica” direzione della pellicola targata Fox.

Mesi prima dell’inizio della produzione, due cause legali sostenevano che Singer aveva abusato sessualmente di due ragazzi minorenni, accuse che in seguito furono respinte ma dipinsero un ritratto del cineasta come una figura edonista nel settore dello spettacolo con un’etica del lavoro abbastanza discutibile.

La Munn ha dichiarato che il regista sparì dal set di X-Men: Apocalypse a Montreal per volare a Los Angeles per circa 10 giorni per affrontare un “problema alla tiroide”, lasciando la produzione in difficoltà.

Quando abbiamo girato “X-Men”, non avevo mai lavorato a un film così grande prima d’ora. Non sapevo cosa fosse giusto o sbagliato, ma sapevo che era strano che Bryan Singer potesse andarsene e dire che aveva un problema alla tiroide.
Invece di andare da un medico a Montreal, che è una città di altissimo livello in cui lavorare, disse che doveva andare a Los Angeles. E se ne è andato per circa 10 giorni dicendo “Continuate. Continuate le riprese”. Eravamo sul set, e ricordo c’era una grande scena che avremmo dovuto girare, e tornati da pranzo uno degli assistenti di Bryan ci mostrà un telefono cellulare con un messaggio di testo.
C’era un messaggio agli attori: “Ehi ragazzi. Adesso sono occupato. Ma andate avanti e iniziate a girare senza di me.” E noi tutti abbiamo pensato “OK”. Non ho mai pensato che nulla di tutto ciò fosse normale, ma non mi rendevo conto che anche altre persone pensavano che non fosse normale. E le altre persone che pensavano che non fosse normale erano persone di alto livello, persone che prendevano decisioni sull’opportunità di assumere questa persona. Ma questa persona è stata autorizzata a continuare. Fox gli diede poi da realizzare “Bohemian Rhapsody”, e poi sappiamo tutti cosa è successo.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su