Non più Ben Solo: l’ascesa di Kylo Ren

Non più Ben Solo: l’ascesa di Kylo Ren
Panini Comics pubblica "L’ascesa di Kylo Ren", volume in cui Charles Soule e Will Sliney esplorano il passato di Ben Solo.

kylo copertinaPrima di diventare Kylo Ren era Ben Solo, ma la sua vita non era semplice. Il volume L’ascesa di Kylo Ren, edito da , che raccoglie i quattro capitoli della miniserie sceneggiata da  per i disegni di Will Sliney, cerca di spiegare il perché.

Il fumetto si rivolge soprattutto agli appassionati: quelli che desiderano conoscere vita, morte e miracoli della galassia lontana lontana possono trovare qualche informazione in più sui Cavalieri di Ren e sugli allievi di Luke Skywalker (menzionati e apparsi di sfuggita nelle pellicole Il risveglio della ForzaGli ultimi Jedi e L’ascesa di Skywalker); mentre coloro che si interessano esclusivamente ai personaggi principali possono approfondire la figura di Kylo Ren, la cui caratterizzazione è qui abbastanza solida ed esaustiva.

D’altra parte, il lettore occasionale attratto dalla bella copertina di Clayton Crain potrebbe rintracciare nella mini pochi elementi intriganti, a meno che non si accontenti di una trama piuttosto semplice, prevalentemente d’azione, che si sviluppa su pianeti remoti. Per lui sarebbe difficile, o meglio impossibile, cogliere i riferimenti ad altre storie e a vari personaggi che Soule inserisce en passant, dimostrando ancora una volta di avere a cuore l’esplorazione e l’espansione del franchise.

Al di là dei particolari, bisogna rilevare che L’ascesa di Kylo Ren è  uno dei pochi racconti prodotti da  a essere ambientato dopo i fatti della trilogia originale e che, forse, può avvicinarsi maggiormente a un pubblico giovane, che abbia conosciuto  con i film proiettati tra il 2015 e il 2019. Allora la scelta di svelare almeno una parte del passato di Ben Solo è spiegabile anche in questo senso: un ragazzino che vive le difficoltà della crescita e dell’assunzione di responsabilità, seppur con modalità straordinarie, fa breccia nelle simpatie degli adolescenti più facilmente rispetto a ormai anziani cavalli di ritorno.

Purtroppo, per mettere l’accento sul protagonista, Soule sacrifica l’antagonista, Ren, che resta poco più che una comparsa. Dietro il design accattivante si cela un volto anonimo, un individuo privo di background: chi è? Com’è arrivato a indossare la maschera? L’auspicio è che l’autore torni sul luogo del delitto con un’altra miniserie, per dire qualcosa in più sul villain, magari nuovamente in coppia con Sliney.kylo int 2

Il disegnatore riproduce fedelmente le fisionomie di Kylo Ren, Luke Skywalker e Snoke basandosi sui volti degli interpreti cinematografici, mentre fa un po’ di fatica quando deve dare spessore psicologico ai character introdotti nei fumetti. Alcune smorfie appaiono eccessive e rischiano di creare l’effetto opposto a quello desiderato, visto che, invece di evidenziare il pathos, lo smorzano.
Al netto di queste sbavature, la prova è convincente, a partire dalle costruzioni e dai paesaggi raffigurati: il villaggio in cui abita Ben, l’orto botanico assassino di Snoke, l’avamposto Jedi che ricorda le chiese rupestri della Cappadocia sono luoghi esotici e affascinanti.kylo int
Nel rappresentare le scene d’azione l’artista punta su pose plastiche e vignette di ampio respiro, soluzioni efficaci per trasmettere l’intensità dei combattimenti, ulteriormente ravvivati dalla colorazione di Guru-eFX, attenta ai riflessi e ai bagliori delle spade laser.
Infine, grazie alla sinergia tra matite e tinte, l’occhio resta appagato anche dalle sequenze notturne e dai campi larghi che aprono una finestra sulle tante rotte dell’universo di Guerre Stellari.

Abbiamo parlato di:
L’ascesa di Kylo Ren
Charles Soule, Will Sliney
Traduzione di Luigi Mutti
Panini Comics, 2020
104 pagine, brossurato, colori – 13,00 €
ISBN: 9788891279064

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su