Le aspettative di Bloodshot, l’offensiva al femminile della Warner

Le aspettative di Bloodshot, l’offensiva al femminile della Warner
In questa puntata, le strategie Sony per "Bloodshot" e l'universo cinematografico Valiant e le strategie di promozione per le prossime pellicole al femminile Warner Bros./DC Comics: "Wonder Woman 1984" e "Birds of Prey".

Con la diffusione nei giorni scorsi del primo primo trailer di Bloodshot, la Sony in partnership con Cross Creek ha aperto ufficialmente la campagna promozionale della pellicola, che dovrebbe in qualche modo essere l’apripista dell’Universo Valiant al cinema.

Una campagna promozionale che si è aperta in forte ritardo, lasciando alla major una finestra molto ridotta per promuovere la pellicola (appena tre mesi). Un fattore questo che avevamo evidenziato in una precedente puntata della rubrica, in cui ipotizzavamo anche un possibile rinvio della data di uscita ufficiale, fissata per il 20 febbraio. All’uscita del trailer però la Sony ha confermato tale data scommettendo su un film che, al momento, viene venduto attraverso una preview che non accenna assolutamente alla nascita di un nuovo Universo cinematografico sulla falsariga di quelli Marvel e DC, e che pare perlopiù un action movie con pochi ingrediente supereroistici o, comunque, di natura fumettistica.

Anche la scelta della Sony di presentare il personaggio di Bloodshot con un aspetto normalizzato, sottolineando i cambiamenti e i poteri dell’alter ego di Ray Garrison solo interiormente e non esteriormente, pare essere stata presa per puntare il più possibile sul volto e il carisma di , più facilmente riconoscibile presso il grande pubblico. Non è escluso che alla fine del film il personaggio di Bloodshot possa assumere completamente le caratteristiche della sua controparte fumettistica, ma al momento questa resta una mera supposizione a cui solo la visione del lungometraggio potrà dare una risposta.

L’obiettivo principale della major, soprattutto dopo il passaggio del film di Harbinger alla Paramount, sembra infatti essere quella di costruire essenzialmente un nuovo franchise, lasciando in una spessa nebbia la progettazione di qualcosa di più ampio, così come la campagna promozionale stessa. E’ molto probabile infatti che il progetto di un universo condiviso sia ormai definitivamente morto e che quella di Bloodshot possa essere vista dalla Sony solamente come un modo per riprendersi dal recente insuccesso del reboot di Men in Black.

bloodshot1-e1571997608894_Nuvole di celluloide
Il trailer di Bloodshot rivela i cambiamenti fisici del personaggio solo interiormente a livello fisico, lasciando inalterato l’aspetto del protagonista rispetto alla sua versione a fumetti.

e Birds of Prey

Mentre il 2020 si annuncia un anno prettamente al femminile per quanto riguarda il genere supereroistico nel suo insieme, con ben tre pellicole in uscita, la Warner Bros. si sta già muovendo in campo promozionale, annunciando nei giorni scorsi che Wonder Woman 1984, atteso sequel sull’amazzone DC Comics, sarà presentato al Comic-Con di San Paolo in Brasile dove sarà inoltre diffuso il primo trailer della pellicola diretta da .

Alla stessa convention sarà inoltre presente l’intero cast di Birds of Prey, che proprio attraverso l’account twitter della pellicola con , ha annunciato la propria partecipazione, in quello che probabilmente sarà il luogo migliore per la rivelazione al pubblico di un nuovo trailer.

In questo senso, la major americana cercherà in tutti i modi di utilizzare al massimo il proprio megafono mediatico sulle due pellicole che, presentate assieme, certamente avranno la forza di primeggiare in quanto ad attenzione nei primi giorni di dicembre. Sarà anche possibile vedere in quale direzione si muoveranno le campagne promozionali dei due film: mentre per Wonder Woman 1984 assisteremo a una introduzione di quello che ci accompagnerà verso l’estate del 2020, per il lungometraggio con Harley Quinn avremo invece la conferma o comunque il modo di vedere una evoluzione (se ci sarà) della campagna marketing realizzata finora, e se questa andrà oltre il solo volto della Robbie, cercando di coinvolgere più attivamente anche le altre attrici del cast.

Tornando al sequel di Wonder Woman, è naturale pensare che una delle armi segrete che la major utilizzerà sarà non solo l’iconica presenza di Gal Gadot, ma anche e soprattutto la rivelazione delle prime immagini della villain Cheetah, interpretata da Kristen Wiig, specialmente se fatta attraverso il trailer che sarà diffuso ufficialmente.
Sarà soprattutto in quel frangente che vedremo e capiremo i primi effetti di una campagna promozionale che si annuncia, fin da ora, decisamente interessante.

barbara-minerva-e1571998205530_Nuvole di celluloide
Kristen Wiig nel ruolo di Barbara Minerva. L’aspetto di Cheetah sarà uno dei punti fondamentali della campagna promozionale del sequel su Wonder Woman.

Cinebrevi

La campagna marketing di compare tra le nomination in campo cinematografico per i Clio Entertainment Awards 2019. La premiazione si svolgerà il 21 novembre al Dolby Theatre di Hollywood.

La Safran Company di Peter Safran ha concluso nei giorni scorsi un accordo di produzione presso la Warner Bros e ha nominato presidente della produzione John Rickard, capo della Wrigley Pictures e produttore di Rampage.
L’accordo finalizzato va a inserirsi in una più vasta partnership che riguarda The Suicide Squad di , attualmente in produzione, e i prossimi The Trench, Aquaman 2 e Shazam! 2.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su