Il Medioevo contemporaneo di Pedrosa e Moreil

Il Medioevo contemporaneo di Pedrosa e Moreil
Cyril Pedrosa e Roxanne Moreil realizzano un'appassionante avventura ambientata nel Medioevo che rappresenta allo stesso tempo un'occasione per interrogarsi sui tempi presenti e immaginare un futuro diverso.

oro1_Recensioni Il primo volume de L’età dell’oro (il secondo ed ultimo sarà in libreria all’inizio del 2020) disegnato da e sceneggiato dall’autore insieme a Roxanne Moreil, esce in Italia per quasi in contemporanea con l’edizione francese di Dupois. Si intuisce fin dalle prime battute che la narrazione, ambientata durante il Medioevo, mira ad essere una lunga, complessa e appassionante saga, che si muove attraverso grandi spazi, paesaggi e fazioni in lotta, all’interno di un mondo che sembra destinato a subire intense trasformazioni.

La vicenda ruota intorno alla principessa Tilda che, legittima erede al trono dopo la morte del padre, viene esiliata dal regno a causa di un complotto architettato dalla madre con la complicità del  fratello minore. Grazie all’intervento di due fidati cavalieri, Tilda si salva dall’esilio e inizia le sue peregrinazioni per trovare alleati e riprendersi la corona.
Il viaggio di Tilda è l’occasione, per lei e i suoi cavalieri, di confrontarsi con diverse situazioni e personaggi; gli autori procedono su diversi livelli narrativi, dando voce anche agli strati più bassi della società. Infatti, mentre la principessa cerca il modo per riconquistare il suo regno, nella popolazione si sta facendo largo una nuova consapevolezza che parte dalla scoperta di un manoscritto antico: l’Età dell’oro, per l’appunto.
Questo Medioevo non è, dunque, solo un periodo di rivolte e turbolenze, quanto di cambiamento e di nascita di nuove idee: nelle sue peripezie, la principessa finisce per scoprire l’esistenza di una comunità di donne, che vive isolata e in pace, rappresentazione di un modello di uguaglianza e autogestione.

Il mito dell’Età dell’oro, a cui attingono Pedrosa e Moreil, risale all’epoca classica e attraversa la storia della letteratura: è Esiodo il primo a raccontare di un tempo di pace, precedente all’avvento di Zeus, in cui gli dei vivevano in equilibrio tra di loro, senza bisogno di combattere.

“C’è stato un tempo in cui valli e montagne non erano delimitate da muri. In cui gli uomini andavano e venivano liberamente dandosi per regole solo quelle che avevano scelto. Uniti nella disgrazia e nella felicità. A quei tempi gli uomini condividevano tutto, nei periodi di abbondanza e carestia, come fratelli.”

oro3_Recensioni

Ad una realtà così variegata corrispondono personaggi stratificati e in evoluzione che vengono svelati man mano che la storia va avanti: la stessa Tilda, che appare inizialmente come una figura positiva, la cui missione è di riportare la giustizia, rivela invece un lato oscuro e misterioso, ponendosi come un’antieroina che non riesce ad abbandonare il potere e a fare propria la causa del popolo.

A livello artistico, le scene disegnate da Pedrosa lasciano molto spazio all’uso del colore, in linea con i precedenti oro2_Recensioni lavori in cui le tonalità cromatiche sottolineavano i diversi momenti emotivi della storia. Nelle pagine de L’Età dell’oro, sulle tinte dominanti altre si innestano e si mescolano e il colore a volte delimita le forme, altre volte è usato come sfondo su cui apporre il disegno. Anche la composizione è trattata in modo molto originale: spesso, infatti, Pedrosa costruisce le scene lungo la doppia pagina, ritraendo più volte le stesse figure lungo il loro cammino, per mostrare visivamente la progressione dei momenti della storia. In questo, e coerentemente con l’ambientazione della vicenda, riprende le pale d’altare o gli arazzi medioevali, guardando ad artisti come Gentile da Fabriano, maestro del gotico internazionale, che nell’Adorazione dei Magi raffigura il viaggio dei tre re orientali ritraendone più momenti sulla tavola.
Un altro espediente usato da Pedrosa che lascia, a mio parere, completamente incantati è la rappresentazione delle città viste dall’alto, ispirate a Bruegel, veri e propri quadri corali che mantengono unità ma allo stesso tempo permettono di concentrarsi su singole scene e su singoli dialoghi tra i personaggi.

Diversamente dai precedenti lavori, cui aveva privilegiato toni più intimisti, Pedrosa, grazie anche alla collaborazione di Roxanne Moreil, realizza una saga epica di grande respiro artistico e di grande attualità nella scelta dei temi: l’impegno politico, il femminismo, la necessità di ristabilire un’uguaglianza sociale.
Tutto il lavoro di Pedrosa e Moreil ruota attorno al tema dell’utopia, di un ritorno a una leggendaria età dell’oro; la speranza di una rinascita lega l’epoca medioevale a quella contemporanea. Il Medioevo è considerato exemplum di evoluzione, in quanto ha dimostrato che anche l’epoca feudale, basata su una netta differenziazione tra dominatori e dominanti, è stata poi superata dal corso della storia.

Gli autori ribadiscono la necessità dell’immaginazione come primo passo verso il cambiamento. A partire da questo concetto la fusione magistrale di disegno e scrittura de L’Età dell’oro diventa il primo passo per la costruzione di un futuro diverso.

Abbiamo parlato di:
L’Età dell’oro #1
Cyril Pedrosa, Roxanne Moreil
Traduzione di Michele Foschini
Bao Publishing, 2018
228 pagine, cartonato, colori – 27,00 €
ISBN: 9788832731286

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su