Il documentario FUMETTI VERTICALI gratis online

Il documentario FUMETTI VERTICALI gratis online
Per #iorestoacasa è stato reso disponibile online il documentario FUMETTI VERTICALI.

Gli ideatori del documentario FUMETTI VERTICALI si uniscono alle iniziative #iorestoacasa e rendono disponibile online l’intero documentario, sperando sia spunto di riflessioni e discussioni.

FUMETTI VERTICALI – Dall’edicola alla rete
Fumetti verticali è un documentario di circa un’ora che indaga su come sia cambiato il mondo del fumetto grazie all’arrivo del personal computer, di internet, e dei social network. È diviso in in 6 capitoli, ognuno dei quali descrive uno specifico argomento: il pre-internet, il disegno digitale, la diffusione dei web comics, l’uso dei social network come trampolino di lancio, metodi alternativi di finanziamento (crowdfunding, patreon etc…), il futuro del fumetto. Non è presente la voce narrante, perché sono gli intervistati stessi a costruire la narrazione e l’andamento del documentario, talvolta in disaccordo tra loro. A fare da filo conduttore del tutto sono le grafiche accattivanti che mostrano una città moderna e avanzata, ma con un gusto ancora legato al passato.

Tra gli intervistati Zerocalcare, Sio, Igort, Alice Milani, Cristina Portolano, Leo Ortolani, Mario Gomboli, Michele Foschini, Ritardo, Silvia Rocchi, Ratigher, Serena Schinaia, Matteo Stefanelli, Roberto Recchioni, Giacomo Bevilacqua.

Fumetti Verticali su Facebook: https://www.facebook.com/FumettiVerticali/
Fumetti Verticali su Instagram: https://www.instagram.com/fumettiverticali_documentario/

Crediti

Regia: Daniel Oren
Soggetto e sceneggiatura: Daniel Oren
Montaggio: Daniel Oren
Motion graphic: Filippo Cattaneo
Content editor: Francesco Pierucci
Sound design: Alessio Zanin
Color: Endrit Muhametaj
Responsabile di distribuzione: Mario Nuzzo
Traduzione inglese: Andrea Lanzetta
Nazionalità: italiana
Anno di produzione: 2019
Durata: 62’30”

Fumetti Verticali è dedicato alla memoria di Federico Memola: amico e fumettista straordinario recentemente scomparso.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su