Gianluca “Borg” Borgogni immagina “Lo Spazio Bianco”

Gianluca “Borg” Borgogni immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos’è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata all'illustratore e fumettista Gianluca "Borg" Borgogni.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è  Gianluca “Borg” Borgogni con la sua  illustrazione “Lo Spazio Bianco”. Buona visione.

Lo Spazio Bianco

“Sono una persona che si spaventa da sola molto facilmente, per suggestioni e sensazioni autoindotte, e intendo quindi declinare la mia idea di Spazio Bianco a quella dell’orrore.
So di non star per dire una cosa così originale, ma da sempre tra le cose che più mi spaventano c’è il deflagrare – all’interno di luoghi ordinari, familiari e apparentemente rassicuranti – di un qualcosa di insolito e spaventoso, come fosse una crepa che incide la superficie del conosciuto.
Spazi bianchi, lindi ad una prima occhiata, che brulicano sotterranei di figure e pulsioni innominabili che si svelano in attimi di fortissima tensione e paura, quasi a deriderci.
Creature osservate di sfuggita in lampi d’incubo ad occhi aperti, che fanno capolino in anfratti o in angoli conosciuti, talvolta ripugnate da loro stesse e che tentano malamente una copertura.  Il titolo di questo disegno è “Lo Spazio Bianco”:  mostra i pochi metri che mi separano dall’entrata di camera mia per andare a dormire. Procedere oltre, però, pare impossibile.” – Gianluca Borg Borgogni

 

Dettagli di Spazio Bianco

Gianluca “Borg” Borgogni

Gianluca Borgogni, detto “Il Borg”, vive e lavora a Laterina (Arezzo). Dopo aver frequentato l’Istituto Statale D’Arte “Piero della Francesca” di Arezzo, s’iscrive alla Scuola Internazionale di Comics di Firenze, indirizzo “Illustrazione”. E’ un illustratore (per la didattica e i prodotti commerciali) e occasionalmente si dedica alla pittura. Da qualche anno realizza anche fumetti, iniziando dalla strip umoristica e dalla rievocazione storica per poi approdare al suo spazio più congeniale: quello del perturbante e dell’orrore.
Folle amante della nona arte, si occupa assieme al collettivo “Varchi Comics” dell’omonima fiera annuale del fumetto e del fantastico che ha sede a Montevarchi (AR) nel mese di Marzo, ormai giunta con successo all’undicesima edizione. Forse ancor più del fumetto, ama la pittura, il cinema, la pesca e bighellonare con gli amici. Da poco è uscito il suo ultimo lavoro – scritto dallo sceneggiatore, insegnante e saggista cinematografico Roberto Donati – “L ’Abisso è Ovunque”, edizioni Weird Book. Una tetra follia prima pensata, scritta, disegnata e completata per chi l’ha concepita e poi pubblicata, e che sta dando insperate soddisfazioni per l’accoglienza dei lettori.

Leggi la nostra recensione de L’Abisso è Ovunque

CONTATTI

https://www.instagram.com/gianluca_borg_borgogni/
https://www.facebook.com/donatiborg/

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Exit Popup for Wordpress