• EnglishEnglish
  • Folkore, ironia, azione: benvenuti nel mondo di Juni Ba

    Folkore, ironia, azione: benvenuti nel mondo di Juni Ba
    Nato in Senegal, residente in Francia, Juni Ba si è fatto strada nell'industria statunitense con le sue copertine, la sua graphic novel Djeliya e la sua nuova serie Image Monkey Meat.

    Ambientazioni fantastiche che attingono a piene mani dal folklore dell’Africa occidentale, un pungente senso dell’ironia che fa incursione nella satira e uno stile iperdinamico che fonde l’immaginario africano con stile statunitense (uno per tutti, Mike Mignola): questa è la ricetta del successo di , giovane artista che si sta facendo strada nel mercato statunitense come uno degli autori più freschi e interessanti di questi tempi. Dopo la sua prima acclamata Djeliya (, per noi True Believers uno dei migliori fumetti del 2021) e un numero crescente di copertine per Marvel,DC, Image e IDW, a partire dal 2022 ha fatto il suo debutto alla Image con la serie Monkey Meat.
    Lo abbiamo raggiunto per chiedergli dei suoi primi passi, dei suoi lavori e delle sue ispirazioni.

    Wolverine coverCiao Juni e benvenuto su Lo Spazio Bianco. Prima di tutto, vorrei che ti presentassi al nostro pubblico: come hai deciso di fare fumetti e qual è stato il fumetto che ti ha fatto innamorare di questo medium?
    Ciao! Sono un fumettista del Senegal, cresciuto con una dieta ricca di fumetti, manga e cartoni animati, e alla fine ho deciso che fare fumetti era una scelta di carriera fattibile! Attualmente vivo in Francia e di solito lavoro con aziende del calibro di DC, Marvel, Image e IDW come copertinista o scrittore/illustratore. Per quanto riguarda la tua seconda domanda, onestamente è difficile da dire. Penso che il fumetto più vecchio che ho sia una copia di Spirou, un’icona belga e uno dei personaggi più riconoscibili del fumetto franco-belga. Quindi penso di dover dire quello!

    Quali sono stati i tuoi primi passi in questo mondo, sia nei tuoi studi prima che nella tua vita lavorativa poi?
    Dopo 5 anni di scuola d’arte in Francia, mi sono unito agli sforzi del collettivo panafricano Kugali che ha pubblicato alcune delle mie prime cose. Ho anche lavorato in una società di videogiochi per un anno, e ho pubblicato un fumetto autoprodotto in Francia. Col tempo ho iniziato a raccogliere attenzione su internet e le offerte per disegnare copertine e cortometraggi hanno iniziato ad accumularsi!

    Quali sono state le principali influenze sul tuo stile e sul tuo modo di raccontare una storia?
    A parte i fumetti, penso che i film e la televisione siano un’enorme influenza. In questo momento posso dire che molto di quello che sto facendo è influenzato dalle cose con cui sono cresciuto. Cartoni animati, spettacoli, film, libri, persino la musica. Monkey Meat, per esempio, è un’opera nata dall’ascolto dei Gorillaz in adolescenza.

    Quali sono gli strumenti che preferisci nel tuo lavoro?
    In questi giorni è tutto digitale! Aiuta molto il flusso di lavoro, a finire velocemente e ad ottenere un certo look che è più difficile da produrre su carta.

    Ci sono dei fumetti del tuo paese d’origine, il Senegal, che hai letto da bambino e che hanno avuto un impatto sulla tua arte?
    Purtroppo nessuno. Non avevo accesso ad essi. Ne ho sentito parlare ma non sono mai riuscito a trovarne una copia stampata da nessuna parte. Se non mi sbaglio, la prima rivista di fumetti in Senegal (almeno nella mia vita credo) è stata fatta solo circa due anni fa.

    Sicuramente il tuo paese e la cultura africana hanno avuto un forte impatto sul tuo lavoro, che ruota sempre intorno al folklore ma anche all’attualità del continente africano. Quindi abbiamo un misto di storie del passato e del presente: come sei arrivato a creare questo mix equilibrato?
    Penso che sia il risultato dei media con cui sono cresciuto. Mi riferisco a spettacoli in tv dagli USA o dal Giappone che usavano molto folklore locale o straniero per creare storie. Ho iniziato a osservare meglio africane e ho pensato che sarebbe stato divertente usarle come ispirazione con i personaggi, i concetti e le idee che facevano parte della cultura locale quotidiana.

    Dark Blood coverHai scelto di puntare tutto su questo importante e affascinante bagaglio culturale, cosa piuttosto rara se si guarda al mercato internazionale dei fumetti mainstream ma soprattutto a quello statunitense. Eravate consapevoli del rischio? E quali sono state le ragioni che vi hanno spinto a raccontare queste storie e a concentrarvi su questi temi?
    Onestamente è divertente perché sospetto che la gente si aspetti una risposta sulla falsariga di “era importante per me come africano mostrare la nostra cultura al mondo” ecc. ma la verità è che ho solo pensato che sarebbe stato divertente! Solo per me stesso, davvero. Non avevo bisogno di dimostrare nulla. Volevo solo divertirmi e trattarlo come una sfida personale. È diventato un punto d’orgoglio quando ho iniziato a realizzarlo, perché capisco la pressione, ma non tratto il desiderio di rappresentazione come una forza trainante nel mio lavoro. È stato un problema quando ho cercato di pubblicarlo in Francia. La maggior parte delle reazioni sono state del tipo “non sappiamo come venderlo”. Ma è un sintomo di un problema più grande con il mercato francese che non vuole uscire dalle proprie abitudini.

    L’ironia gioca un ruolo enorme nelle tue storie: in Monkey Meat sei in grado di parlare dello sfruttamento umano e ambientale creando allo stesso tempo una storia d’azione; in Djeliya l’esilarante riunione di villaggio è una sintesi dello stallo politico che paralizza tutte le decisioni, nel tuo paese come altrove. Quando ha capito che l’ironia poteva essere un’arma potente nelle sue storie?
    Ho semplicemente pensato che fosse divertente! Se mi fa ridere, va nella storia. Non c’è un processo di pensiero più profondo che cercare di trovare situazioni che rappresentino al meglio l’idea che voglio trasmettere, e si scopre che molte cose nel mondo reale sono già divertenti. C’è anche un aspetto allegorico in certi disegni e archetipi, che tocca qualcosa che la gente capisce a livello intimo, e io ne approfitto.

    djeliya-9781952203244_hrVorrei parlare di Djeliya: come hai sviluppato questa storia e come è stata la tua collaborazione con ?
    Djeliya è nata mentre cercavo di capire quale storia potesse avere luogo nel mondo e nell’estetica che stavo sviluppando, basata sulle influenze dell’Africa occidentale. Mi piacevano molto i vari aspetti di molte storie, e avevo solo bisogno di organizzarle intorno ad un tema centrale. Ho trovato quel tema quando ho trovato l’icona del Djeli. Tutto è modellato intorno ad essa. Ho fatto girare il libro in Francia per due anni, poi ho deciso di mettermi in contatto con gli americani e vedere se erano interessati. TKO è stata la prima scelta, e si sono buttati subito sull’affare! Sono stati molto professionali, molto efficaci e mi hanno dato assoluta libertà, il che è stato incredibile. Devo molto al loro editore Sebastian Girner.

    In Djeliya ci sono tre personaggi chiave, ovvero il principe Mansour Keita, Djeliya Awa Kouyatè e Mbam il Santo. I tre incarnano alcuni archetipi non solo della cultura africana del passato, ma anche del tempo presente. Puoi parlarci di loro e della loro genesi?
    Sono archetipi del racconto popolare che trovano eco nel mondo reale anche adesso. Governanti, figure religiose dalla grande influenza e narratori le cui parole possono avere un impatto sul mondo. Questo è qualcosa di presente nel tempo, quindi ho pensato che sarebbe stato interessante far ruotare la storia intorno a questi tre poli di influenza sociale. Perché ognuno di loro vuole il potere? Chi lo merita di più? Cosa ne farebbero? Queste sono domande interessanti per la storia con un’applicabilità diretta al mondo.

    La Djeli Awa Kouyatè, colei che racconta e consiglia il principe, ha un ruolo fondamentale nella storia, lei dà il titolo principale alla tua opera. Questa scelta mi sembra abbastanza emblematica: possiamo considerare questo libro anche come una riflessione sul potere della narrazione e del linguaggio?
    Penso di sì. Il Djeli è il narratore. Mi relaziono maggiormente con questa posizione, e penso che, una volta che ho deciso di fare il libro su questo personaggio, tutto è andato al posto giusto. É stato molto facile trovare il filo conduttore dopo aver trovato questo fulcro. e come sono usate per manipolare il mondo sono è un tema che trovo molto interessante.

    DJELIYAOltre a questi pensieri, questo lavoro mostra anche il divertimento che hai avuto nel creare potenti scene d’azione e nel giocare con l’immaginario afrofuturista. Ci sono autori che hanno ispirato quest’ultimo aspetto del tuo lavoro? Non solo scrittori, ma forse anche artisti meno conosciuti in e negli Stati Uniti.
    La cosa divertente è che non sapevo nulla di questo sottogenere quando ho iniziato. Quindi non considero il mio lavoro afrofuturistico. Soprattutto perché non è americano e perché non riguarda il futuro. È una terra di fantasia che ho progettato basandomi sulla visione di terre di fantasia come quelle nei programmi di Cartoon Network, nei fumetti e nei manga. Quindi l’influenza dei creatori afrofuturistici è quasi nulla. Devo invece indicare autori come Chimamanda Adichie o Amadou Hampathé Ba, il cui lavoro influenza molto il mio, ma non necessariamente dove ci si aspetterebbe.

    Monkey Meat è una serie molto particolare, nata come webcomic, poi approdata alla come antologia. Come è stata accolta questa tua idea e qual è il leitmotiv di questa serie?
    Monkey Meat è un parco giochi! L’ho fatto per divertirmi, per fare storie che seguissero qualsiasi tema, idea e disegno che mi sentissi di fare. L’ambientazione è più che altro una scusa. Un posto per mostrare davvero tutto quello che voglio fare. È stato concepito al liceo e si è evoluto costantemente man mano che crescevo e affinavo le mie capacità. L’ho portato alla Image una volta che ero abbastanza sicuro che valesse la pena di mostrarlo al mondo su una piattaforma mainstream. In realtà non ne sono ancora sicuro, ma è fatta!
    MonkeyMeat1coverMa l’idea generale è che c’è questa corporazione che vende barattoli di carne di scimmia a tutto il mondo. Operano da un’isola che possiedono e governano come il loro piccolo paese. È piena di stranezze soprannaturali e mostruosità nate dagli esperimenti dell’azienda che hanno incasinato l’ecosistema. Ed è una distopia iper capitalista dove tutto può succedere. Il protagonista del secondo numero è un ragazzo che ottiene poteri da una lattina di soda e li usa per vendicarsi dei criminali, mentre l’eroe del terzo è un mago che lavora come fattorino, che deve attraversare un ponte sorvegliato da un troll, e quella storia riguarda il trauma. Tutto è possibile ed è per questo che è divertente per me, e divertente per chi lo legge. E l’accoglienza è stata fantastica! La gente è entusiasta, le piattaforme dicono che è già uno dei migliori fumetti dell’anno. Sono lusingato! Soprattutto considerando che è solo una cosa divertente che ho fatto perché qualcuno ha deciso di lasciarmelo fare.

     Per ora, la miniserie sarà composta da 5 numeri: prevedi già un seguito, o magari una storia più grande ambientata nello stesso universo?
    Oh, è un concetto che può andare avanti all’infinito se lo voglio. Finché ci sono storie che ho voglia di metterci dentro, lo farò. Spero solo che la Image me lo lasci fare.

    Grazie mille Juni per essere stato con noi!

    Intervista realizzata via e-mail nel febbraio 2022

    Juni Ba

    Juni BaNato nel 1989 in Senegal, è un fumettista, autore di Djeliya con TKO Studios e Monkey Meat con , nonché illustratore e scrittore per vari editori come DC, Marvel, IDW e altri. E’ fatto per l’80% di succo d’arancia, che alimenta la sua arte.
    Seguitelo su ArtStation, Instagram e Twitter.

    Clicca per commentare

    Rispondi

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Torna su