Dylan Dog #409 – Ritorno al buio (Chiaverotti, Dall’Agnol, Cattani)

Dylan Dog #409 – Ritorno al buio (Chiaverotti, Dall’Agnol, Cattani)
Torna Mana Cerace, l'uomo del buio, e torna il suo creatore Claudio Chiavarotti, nel primo episodio di una trilogia nella serie.

ritorno_al_buio-dylan_dog_409_coverClaudio Chiaverotti torna sulle pagine del mensile dopo oltre 200 numeri e assieme a lui Mana Cerace, pronto a seminare morte in una Londra alle prese con un gigantesco black out. L’incedere è frenetico anche se non confuso e, nonostante questo, si crea una certa atmosfera cupa e tragica che predispone al finale con apprensione, mano a mano che la minaccia dell’Uomo Nero diventa più concreta e potente, nonostante la trama presenti snodi piuttosto forzati e affrettati.
Questo albo è sostanzialmente l’introduzione di una miniserie in tre capitoli all’interno della serie e in questo senso svolge adeguatamente il compito di alzare la tensione e preparare il campo per un secondo episodio nel quale possiamo immaginare che la carneficina continui senza sosta. Il tono generale è quello di un B-movie, caciarone e teso verso il finale di sangue e violenza, ma manca quella raffinatezza e ironia che caratterizzano il protagonista e questo non può che essere un difetto non da poco.
Piero Dall’Agnol, che disegnò la prima apparizione di Mana Cerace, qui chinato da , lascia da parte il suo lato più sperimentale e sintetico per abbracciare il nero, una oscurità che diventa pagina dopo pagina più invadente e opprimente. Il risultato finale sembra un piccolo passo verso quello stile che aveva sulle pagine de Il buio. Il volto di Dylan non è sempre omogeneo e qua e là qualche dettaglio può far storcere il naso, ma nella maggior parte dei casi questo passa in secondo piano rispetto alla convincente atmosfera delle tavole.

Abbiamo parlato di:
#409 – Ritorno al buio
Claudio Chiaverotti, Piero Dall’Agnol, Francesco Cattani
, ottobre 2020
98 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,90 €
ISSN: 977112158004700409

ritorno_al_buio-dylan_dog_409_interno

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su