Dylan Dog #397 – Morbo M (Barbato, Roi)

Dylan Dog #397 – Morbo M (Barbato, Roi)
Esiste una cura per il misterioso Morbo M? A tre mesi dall'arrivo della meteora Paola Barbato e Corrado Roi mettono in moto l'indagine dell'Indagatore dell'incubo nell'interessante Dylan Dog #397, edito da Sergio Bonelli Editore.
dylan_dog_397_cover-e1570564369488_BreVisioni
©

Con forza evocativa cita il poster della serie TV Chernobyl per realizzare la copertina di #397, inedito autunnale pubblicato da Sergio Bonelli Editore, nel quale lo studio della malattia, il Morbo M eponimo, e l’isteria di massa si fondono, mentre l’avvento della meteora si fa imminente, diventando coprotagonista invisibile dell’albo.
La sceneggiatrice inserisce brevi sequenze d’azione in una trama in cui prevalgono i dialoghi e il viaggio per luoghi pregni di miseria: se le poche battute di spirito presenti si rivelano deboli, ben più efficace è il messaggio di speranza che, seppur non originale, sostiene l’episodio insieme alla curiosità suscitata dalla vera natura della malattia. Affiancato a più riprese nella sua indagine da un ex ispettore Bloch coraggioso e risoluto, Dylan è intimamente combattuto e oscilla da un convincimento a un altro, mantenendo costante la sua profonda sensibilità, talvolta intaccata da una vena di paternalismo.
Il compito di visualizzare i sintomi dell’infezione, con deformazioni di corpi e di volti, spetta a che spesso incide le figure, sia fisse che in movimento, su sfondi bianchi e vuoti da sporcare con il nero pesante delle ombre. Oltre che ai riquadri scontornati, l’artista ricorre all’asimmetria per disporre alcune vignette lungo le tre strisce della gabbia, conferendo alle tavole un senso di dinamismo che asseconda ideologicamente il cambio di punto di vista, repentino ma giustificato, del protagonista.

Abbiamo parlato di:
Dylan Dog #397 – Morbo M
Paola Barbato, Corrado Roi
Sergio Bonelli Editore, ottobre 2019
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,90 €
ISSN: 977112158000990397

dyd-morbo-e1570564446816_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su