Don Camillo a fumetti arriva a 20

Don Camillo a fumetti arriva a 20
ReNoir Comics porta in libreria e fumetteria un volume speciale per celebrare i dieci anni della collana "Don Camillo a fumetti".

Don Camillo 20_coverGli adattamenti di quattro racconti originali di , sceneggiati da e firmati da cinque delle migliori matite italiane danno forma al ventesimo volume della serie a fumetti, impreziosito dalla copertina di uno dei massimi illustratori del nostro Paese: Gabriele Dell’Otto.
Dell’Otto, infatti, è un grande appassionato dei personaggi di Guareschi.

Il mio rapporto con Don Camillo risale a quando avevo poco più di sette anni, quando vidi il primo film a lui dedicato. Mi trasmise qualcosa di bello, che all’epoca pensai essere soltanto legato all’umorismo del personaggio (dei personaggi): invece era qualcosa di più profondo, cioè che spesso i rapporti più veri sono quelli più complicati, che la vera amicizia non è perfetta ma che è tale solo quando sei disposto ad andare incontro all’altro.
Tutto questo naturalmente l’ho capito ora alla veneranda età di 46 anni, ma come un piccolo seme è rimasto lì sotterrato fino a che non è servito, e a quel punto è germogliato dando frutto. Se ho imparato qualcosa dalla poetica dei personaggi di Guareschi è che puoi anche discutere e non essere d’accordo con il tuo prossimo, ma prima devi saperlo ascoltare!

La banda, il racconto che dà il titolo al volume, è il passaggio di testimone tra due generazioni di musicisti, ispirati ai membri della famiglia Cantoni, che per oltre cento anni hanno incarnato la musica popolare nella Bassa. l racconto è disegnato per la prima volta da due autori, Tommaso Arzeno e Marco Villa, che si passano il testimone tra momenti in flashback e nel presente.
Eugenio Martani, inoltre, attuale direttore del Concerto Cantoni e del museo a esso dedicato, firma l’introduzione al libro, raccontando il rapporto tra Guareschi e la musica della Bassa.

In Ritorna il 1922 lo spettro del fascismo si rifà vivo nel borgo nella persona del “nero” Camoni. Ai disegni, Italo Mattone, presenza costante negli ultimi albi, che reinterpreta con personalità una delle vicende più famose di don Camillo, presente anche nel film Il ritorno di don Camillo.

Il bullo, invece, segna l’esordio per della disegnatrice Enza Fontana, che mette in scena le classiche beghe di paese tra parroco e sindaco, a partire dagli scherzi del Mericano sul posizionamento di una pesantissima statua ispirata all’Ercole Farnese che si trova a Brescello.

Infine , anche lui esordiente sulla collana ma già fumettista di esperienza, ha messo la sua matita al servizio di Mai Tardi, uno degli episodi più struggenti di Guareschi. Prendendo spunto da quello con suo padre, lo scrittore narra il rapporto conflittuale tra un genitore e un figlio, sempre più lontani anno dopo anno, finché la morte del primo non cancellerà qualsiasi possibilità di riconciliazione.

Chiude il volume una rassegna di omaggi che uniscono il mondo di Guareschi a quello di Giuseppe Verdi, realizzati da , , Roberto Lauciello, e Salvagno.
L’occasione è la raccolta fondi per i restauri della parrocchiale San Michele Arcangelo a Roncole Verdi, paese natale del compositore, nonché luogo in cui Guareschi si stabilì tornato nelle sue terre dopo gli anni milanesi e dove ancora oggi si trova l’archivio gestito dai suoi eredi.
La chiesa, in cui Verdi aveva imparato a suonare l’organo, è al momento inagibile: con questi omaggi, i disegnatori, noi, don Camillo, Peppone e tutto il Mondo Piccolo di Guareschi vogliamo provare a correre in aiuto del “vicino di casa”.
I disegni originali saranno battuti all’asta nei prossimi mesi, in presenza o online a seconda delle condizioni sanitarie. Per restare aggiornati, seguite i canali social di e il sito www.salviamolachiesadiverdi.it

Don Camillo a fumetti 20 è disponibile sul sito www.renoircomics.it e sarà in libreria, fumetteria e store online dal 30 giugno 2021.

Don Camillo a fumetti 20 – La banda
AA.VV.
ReNoir Comics, 2021
112 pagine, brossurato, bianco e nero – 12,90 €
ISBN 978-88-6567-245-7

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su