Di diavoli, fantascienza e mezze lune: intervista a Declan Shalvey

Di diavoli, fantascienza e mezze lune: intervista a Declan Shalvey
Abbiamo intervistato Declan Shalvey, artista irlandese ospite a Lucca 2018 presso lo stand Saldapress, dove ha presentato il nuovo volume di Injection, realizzato su testi di Warren Ellis. Abbiamo parlato con lui del suo lavoro, delle sue opere e dei suoi sogni (infernali).

Declan_Shalvey_2013_Interviste è un artista irlandese che da molti anni si è affermato nel mercato statunitense. Dopo il folgorante esordio con Hero Killers (testi di Andy Winter e vincitore di un Eagle Award), l’artista ha iniziato a lavorare per BOOM!Studios, fino ad approdare alla . Qui ha realizzato numeri di Thunderbolts (con Jeff Parker), Venom (con Rick Remender) e soprattutto Moon Knight con Warren Ellis, che gli è valso un enorme successo di pubblico e critica. La fortunata collaborazione con lo scrittore inglese è continuata su Injection, serie creator owned realizzata per .
Ospite a Lucca Comics, l’artista ci ha parlato del suo lavoro, delle sue ispirazioni, del rapporto con Ellis e del suo amore per il diavolo (di Hell’s Kitchen).

Ciao Declan e grazie per il tuo tempo. Partiamo con una domanda sulle tue fonti di ispirazione: Il tuo disegno è caratterizzato da un segno pulito e sintetico e da una costruzione della tavola molto variegata e piena di invenzioni. Ogni volta che leggo un tuo albo vedo grandi influenze dell’arte europea. Ho ragione? Chi ha influenzato di più il tuo modo di raccontare per immagini?
In realtà no! (ride). Vengo dall’Irlanda e per via della barriera linguistica ho letto più che altro fumetti inglesi e statunitensi. Comunque mi piacciono molto Goran Parlov, che è croato, e J.P. Leon, un americano. Comunque mi piacciono molti artisti diversi, di solito non i tipici disegnatori di fumetti di supereroi. Da piccolo mi piaceva moltissimo Jim Lee, ma ora ho cambiato i miei interessi. Adesso impiego più tempo a studiare fumettisti francesi o italiani, perché in fondo sono europeo e qui posso trovare molta più innovazione, mentre negli Stati Uniti a volte il disegno è un po’ ripetitivo.

Moon-Knight_DeclanShalvey_Interviste Sei anche attivo come copertinista, quali sono le caratteristiche che deve avere una buona copertina? Prediligi l’attinenza alla storia dell’albo o una rappresentazione maggiormente iconica e staccata dal contenuto?
Sicuramente cerco di dare una rappresentazione iconica, quando possibile. Non sempre posso farlo, ma quando lavoro sulla cover per una serie cerco sempre di dare una ben precisa identità perché ogni mese ci sono dozzine di fumetti sugli scaffali e quindi devi essere in grado di farti riconoscere. Quindi cerco di essere iconico, di lavorare su spazi e composizioni più che sui dettagli della storia dell’albo. Alcune persone preferiscono mettere un sacco di dettagli, di oggetti, ma io cerco sempre di operare per sottrazione e far arrivare l’immagine ai lettori in maniera più diretta. Cerco sempre un simbolo: la luna crescente per Moon Knight, il teschio per il Punitore, la stella per il Soldato D’Inverno. Queste cose colpiscono gli occhi.
Le variant sono anche più divertenti. Per esempio, ne ho fatta una per Daredevil, un personaggio che amo. Ma in quella storia il protagonista era Kingpin. Quindi Kingpin domina la scena, Daredevil è un po’ più piccolo, in una tipica posa da supereroe, e il laccio del suo bastone va attorno al collo di Kingpin: questa è una soluzione di graphic design interessante, perché gioca con la composizione dell’illustrazione.

Quali sono gli strumenti che preferisci nel tuo lavoro quotidiano? Usi molto il disegno digitale o solo per le rifiniture finali?
Non mi piacciono molto i disegni in digitale. Ci sono molti strumenti incredibili, ma a me piace la consistenza, i piccoli errori che vanno oltre il disegno perfetto e ripulito. Quindi l’arte in digitale non mi esalta, anche se ci sono alcune opere molto belle e molto complesse fatte con queste tecniche. Io mi sono impegnato a disegnare solo su carta, poi scannerizzare e colorare al computer. Mi piacciono i piccoli incidenti felici che possono avvenire sulla carta, mi piace lavorare con quelli perché mi forzano a trovare soluzioni alternative. Se lavori già sapendo quale sarà l’effetto finale, per me tutto diventa noioso. Mi piacciono l’energia e la spontaneità.

injection-001-000_Interviste Hai lavorato per la Marvel Comics e hai realizzato molti fumetti creator owned. Qual è la cosa migliore del lavorare in un ambiente come quello dei supereroi e quale quello che preferisci di case editrici come Image e Boom Studios?
Mi sento molto fortunato nel poter lavorare sia sui supereroi che in fumetti creator-owned. Penso che possano incastrarsi bene insieme, e inoltre i soldi che guadagno con i grossi lavori mi permettono di foraggiare progetti più piccoli. Ad esempio, ho scritto Deadpool vs Old Man Logan per la Marvel Comics e questo è successo solo perché prima ho scritto Savage Town per un editore più piccolo, quindi ho dato prova di poter scrivere per qualcun altro e perciò questi due mondi si sono sostenuti e influenzati a vicenda. Sono un fan dei fumetti, non mi interessa se sono di supereroi, se sono horror o se sono fumetti rosa. Penso che molti fumetti marvel siano molto buoni e ci sono molti scrittori e artisti, come Goran Parlov e Felipe Andrade, e la stessa cosa vale per gli editor. Penso di sapermi dividere bene in quello che mi piace. Per quanto riguarda la Image, la cosa che mi piace è che, qualsiasi cosa succeda, il progetto verrà portato avanti dallo stesso artista, quindi l’identità grafica del fumetto sarà sempre la stessa. È frustrante, da lettore, vedere il tratto cambiare ogni tre numeri. A me piacciono la costanza e la consistenza.

Oltre a sceneggiare Deadpool vs Old Man Logan, hai continuato nel compito di disegnatore per storie di altri sceneggiatori. Hai già in progetto di realizzare un fumetto interamente tuo? Dove ti sentiresti più a tuo agio nel proporlo, per la Marvel oppure preferiresti avere maggiore libertà creativa, magari all’interno dell’Image?
Sì, devo ammettere che penso molto a questa cosa, ne ho parlato anche con altri artisti e autori. Adesso sono occupato con Injection, prima devo finire quello e poi pensare al futuro. Penso che sarebbe più saggio fare prima un progetto completo alla Marvel e poi magare fare qualcosa alla Image. A volte aiuta fare un progetto del genere con una grande compagnia, così poi puoi essere preso sul serio quando farai qualcosa davvero per conto tuo. La Marvel sembra molto disponibile al fatto che io disegni e scriva una mia storia, perciò sono interessato a farlo. Ad, essere onesto, passeggiando per Lucca e vedendo così tante, bellissime graphic novel mi ha fatto pensare che forse dovrei fare una graphic novel breve. Ho realizzato Savage Town e adesso sto lavorando su un’altra storia pulp, quindi probabilmente farò qualcosa di nuovo, con uno stile diverso. Sono davvero molto contento nel sapere di avere un sacco di opportunità aperte di fronte a me.

Daredevil_Shalvey_Interviste Fra te e Warren Ellis c’è un’evidente intesa artistica (Moon Knight, Injection). La sua personalità ha influito sia sulla tua voglia di diventare anche scrittore sia sul tuo stile di sceneggiatura?
Onestamente, credo proprio di sì. Qualche tempo fa sono stato a cena con lui e mi ha detto senza mezzi termini che dovrei fare qualcosa di mio. Quando, qualche anno fa, ho realizzato una breve stori di Nick Fury per la Marvel gli ho chiesto aiuto per la parte scritta e lui mi ha dato un piccolo consiglio che è stato fondamentale. Anche leggere le sue sceneggiature è un’esperienza illuminante: molte persone potrebbero pensare che i suoi script siano eccessivamente descrittivi, ma in realtà è molto aperto e dà un sacco di informazioni utili. Quando ho scritto Deadpool vs. Old Man Logan ho provato a fare lo stesso, ad essere molto aperto con l’artista, e questa esperienza mi ha anche permesso di sviluppare una maggiore consapevolezza su alcune idee grafiche e visive. Lavorare con Warren ha fatto di me un migliore storyteller, senza dubbio.

C’è un sogno nel cassetto per il prossimo futuro? Una storia da realizzare, un personaggio con cui confrontarti?
Amerei farei Daredevil, ho sempre volute disegnarlo e scriverlo. Anche Batman: ho già realizzato alcune storie, ma mi piacerebbe fare qualcosa di più lungo sul personaggio. Anche gli X-Men, magari. Ma siccome non sono molto veloce e posso fare solo un certo numero di cose durante l’anno, devo essere selettivo, non posso dire sì a tutto ciò che vorrei fare. Ho parlato con C.B. Cebulski di un sacco di personaggi che vorrei realizzare, ma sicuramente non disegnerei tutti. Magari cover o altri progetti. Per adesso penso sia più saggio fare qualcosa di mio, ma sicuramente farei un’eccezione se mi proponessero Daredevil! (ride)

Grazie Declan e speriamo di rivederti presto in Italia!

Intervista realizzata dal vivo il 5 novembre 2018 a Lucca Comics and Games, traduzione di Emilio Cirri

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su