Dampyr #266: un Maestro della Notte come padre

Dampyr #266: un Maestro della Notte come padre
Inizia la miniserie-nella-serie, in quattro parti, che racconta le origini del Dampyr e il debutto è tutto dedicato a suo padre, il Maestro della Notte Draka.

dampyr_266_coverNella magica notte di Praga, in una altrettanto magica birreria, un boccale di birra del Ruscello del Diavolo condiviso a un tavolo tra tre personaggi che per natura dovrebbero odiarsi, ma che invece i secoli hanno finito per vedere alleati, è il pretesto per l’inizio del racconto delle origini del Harlan Draka.
traspone nella contemporaneità della serie il meccanismo narrativo del racconto intorno al fuoco, visto tante volte su (e non solo), sostituendo il falò con una birra e i pard con tre comprimari d’eccezione della saga dampyriana, ma il risultato resta lo stesso: una avvincente storia dal passato, raccontata da uno dei protagonisti della stessa, il Maestro della Notte Draka, padre di Harlan.
È esattamente in occasioni come questa che l’enorme, certosino ed efficace lavoro di continuity costruito in oltre vent’anni di storie dà prova della sua coesione ed efficacia. In questa circostanza Boselli lavora di fino e in modo tutt’altro che banale, andando a esplicitare nelle pagine eventi, legami e relazioni sottintesi in molti dei 265 numeri della serie, non contraddicendosi bensì legando fili di trama e illuminando da nuove angolazioni fatti già narrati, che in questo modo acquisiscono nuovo valore.
A mettere su carta questo lavoro narrativo sono chiamati  Rossi e , le teste di ponte che fanno da apripista agli altri disegnatori-pilastri della testata che vedremo nei prossimi tre albi della saga.
Rossi e Andreucci sono ormai arrivati a una sintesi stilistica impressionante, nella quale il lavoro per sottrazione che entrambi fanno sul loro segno crea vignette dal dettaglio impressionante. L’omogeneità tra le cifre autoriali dei due dà poi luogo a una estrema compattezza visiva delle tavole, nelle quali il “cambio di pennino” è praticamente invisibile, regalando al racconto per immagini una fluidità totale.
Un inizio col botto, dunque, per una saga che possiamo definire “ Secret Origins” e che dovrebbe diventare una pietra miliare nella storia del personaggio.

Abbiamo parlato di:
Dampyr #266 – Nel nome del figlio
, ,
Editore, maggio 2022
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 4,40 €
ISSN: 977159000204010266

dampyr_266_int

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su