Dampyr #252 – La regina di Babilonia (Boselli, Longo)

Dampyr #252 – La regina di Babilonia (Boselli, Longo)
Mauro Boselli e Fabrizio Longo portano a compimento un altro dei tasselli fondamentali della saga dampyriana: lo scontro definitivo tra Harlan e Nergal.

dampyr_252_coverOgni qualvolta che torna alle sceneggiature della sua creatura , lo fa per portare avanti il sempre più complesso lavoro di continuity che ruota attorno alla serie. Stavolta fissa su carta un altro tassello importante di questa epopea a fumetti che ha ormai raggiunto oltre vent’anni di storie, arricchendosi progressivamente di sfumature legate a mitologia, folklore ed eventi storici.
Nonostante l’ordito narrativo diventi sempre più complicato e stratificato, è impressionante come il “centro continui a reggere”, come cioè lo sceneggiatore milanese abbia saldi in mente i vari fili che storia dopo storia ha aggiunto alla trama orizzontale della testata e quanto forte sia la coerenza interna che permette di richiamare eventi e personaggi passati e legarli alle nuove storie.
In questa avventura Boselli porta a compimento uno dei percorsi narrativi fondamentali di Dampyr, lo scontro con il suo antagonista Nergal, richiamando sulla pagina personaggi e accadimenti di varie storie precedenti. Se la necessità di chiarezza paga dazio in alcuni momenti al didascalismo, la parte finale dell’albo che alza progressivamente ritmo e inanella sorprese pagina dopo pagina, chiude in maniera efficace la saga del duca infernale, aprendo al contempo nuovi scenari futuri da esplorare.
Il segno di Fabrizio Longo, ricco di campiture e retinature nere che danno corpo alle vignette, è il più adatto per muoversi tra atmosfere infernali, notti e ambienti oscuri, riempiendo le tavole di dettagli senza rinunciare al dinamismo delle inquadrature anche nelle sequenze più dialogate.

Abbiamo parlato di:
Dampyr #252 – La regina di Babilonia
Mauro Boselli, Fabrizio Longo
Editore, marzo 2021
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,90 €
ISSN: 977159000200260252

Dampyr_252_int

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su