Con Valeria si espande The Barbarian King

Con Valeria si espande The Barbarian King
Secondo spin off per l’universo narrativo che Leviathan Labs dedica al Conan di Howard. Cei e Borallo portano in scena Valeria, la piratessa guerriera.

Valeria_copLa serie The Barbarian King, edita da  e ispirata alle opere Robert Ervin Howard, si arricchisce di un nuovo capitolo. Non il proseguimento della cruda avventura del cimmero (qui la recensione dell’ultimo episodio), ma un nuovo spin-off dedicato a Valeria, la piratessa guerriera che comparve per la prima volta in Red Nails, ultimo romanzo scritto da Howard prima di morire. Una figura amata dagli appassionati anche per la sua presenza nel cult di John Milius (scritto con Oliver Stone il Barbaro, del 1982, nel quale però la Valeria interpretata da Sandahl Bergman muore, contrariamente a quanto accade nel libro.

Nella storia scritta da Marco Cei, disegnata e colorata da Ramiro Borrallo (autore anche della copertina), sono trascorsi anni da quando Valeria venne salvata da Conan. E il tempo non è stato clemente con la piratessa, che si spoglia subito dagli stigmi dell’eroina perfetta e invincibile. Valeria ha perso la sua bellezza e non sembra aver guadagnato in furbizia. Al contrario è ben consapevole di non avere più l’aspetto di un tempo e di essere meno veloce (proprio lei, che era l’unica più rapida di Conan). La fama che accompagna le sue gesta la conduce però ad accettare una traversata in mare pericolosa, da Zingara a Vanaheim, sulle tracce di una reliquia.

La storia di Cei, che inizia in medias res e alterna flashback al tempo presente per poi riannodare la trama nel finale, pone Valeria davanti a situazioni e scelte complicate, in un doveroso stile sword and sorcery. Un’escalation di nemici, e di amici potenzialmente letali, reintroduce nel mondo di The Barbarian King antichi antagonisti come Ymir, il signore della guerra, la cui prole è composta da giganti del gelo e da un’unica ragazza, la semi dea Atali. Quest’ultima avrà probabilmente un ruolo non secondario, insieme a Valeria, all’interno del vasto universo di The Barbarian King.

Lo sceneggiatore è scaltro proprio nel legare la narrazione di Valeria alle vicende della serie principale: se all’inizio la guerriera è all’oscuro della follia di Conan (che ha sterminato la famiglia e abbandonato il regno all’anarchia), col procedere della storia viene a conoscenza delle sorti del Re caduto e i suoi scopi si modificano fino a confluire nell’incipit di una trama orizzontale che va ben oltre quella dello spin-off.Valeria_tav

Il finale aperto, che promette un nuovo incontro fra Valeria e il Cimmero, è più che benvenuto anche per lo spessore del personaggio, che Marco Cei sviluppa bene dal punto di vista psicologico. La piratessa della confraternita rossa è coraggiosa e sarcastica, sfregiata in volto ma indomita e testarda nell’animo, pur non essendo più una ragazzina. Queste peculiarità, oltre che con le abilità in combattimento, vengono portate alla luce anche con le riflessioni della protagonista, affidate a didascalie che aggiungono profondità al personaggio.

Il segno che tende al cartoonesco di Borallo contribuisce a rendere più leggera l’avventura di Valeria, rispetto alle visualizzazioni decisamente cruente viste nei volumi dedicati al Re caduto. Le figure appaiono morbide, gli sfondi e soprattutto gli interni sono particolareggiati così come mostri e creature oscure. Le numerose battaglie risultano dinamiche al punto giusto e a volte concluse da vignette a tutta pagina, come nel caso di una devastante valanga nel secondo dei quattro capitoli. I colori spaziano dai verdi malsani o acidi di alcuni interni, agli azzurri del cielo e del mare, fino ai bianchi della neve in montagna, mai troppo candida.   

Dopo il primo spin-off Salomè, Valeria si conferma un ottimo prodotto, per narrazione e per disegni. Con l’aggiunta di questo capitolo, e in attesa del quinto volume dedicato a e di un altro spin-off su Zenobia, la serie The Barbarian King dimostra una gestione oculata della continuity in grado di comporre un affresco omogeneo e coerente del futuro (rispetto ai libri di Howadr) dell’Era Hyboriana.

Abbiamo parlato di:
Valeria – The Barbarian King Spin-off
Marco Cei, Ramiro Borallo
Leviathan Labs, 2022
118 pagine, brossurato, colori – 15,00€
ISBN: 9791280137579

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *