Commenti per Comics Calling https://www.lospaziobianco.it/comicscalling GUFU SPACCA! Andrea Gagliardi rompe i Comics all'insegna di "calma, dignità e classe" Mon, 06 Jul 2020 08:02:18 +0000 hourly 1 Commenti su Make Mine Marvel! – Jack Kirby negli anni ’60 di Storytelling – John Byrne e la nascita degli Alpha Flight – Comics Calling https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/make-mine-marvel-jack-kirby-negli-anni-60/#comment-651 Mon, 06 Jul 2020 08:02:18 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=340#comment-651 […] in Canada e passare così ai supereroi di Dick Sprang, Steve Ditko, Jack Kirby (soprattutto quello degli anni 60 in Marvel) e Neal Adams: l’influenza di questi disegnatori – soprattutto degli ultimi due […]

]]>
Commenti su Off Topic – Mitsuru Adachi: lo Zen e la Closure di La costruzione di un Horror – Basketful of Heads – Comics Calling https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/off-topic-mitsuru-adachi-lo-zen-e-la-closure/#comment-641 Thu, 04 Jun 2020 19:20:29 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=660#comment-641 […] che delimiti un inizio o una fine e il tempo diventa assolutamente soggettivo (come visto anche QUI) e non facilmente misurabile. Il lettore vive la stessa esperienza, ha la stessa percezione dello […]

]]>
Commenti su Ritmo, tempo e armonia: la musica del Doomsday Clock di La costruzione di un Horror – Basketful of Heads – Comics Calling https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/ritmo-tempo-armonia-musica-del-doomsday-clock/#comment-640 Thu, 04 Jun 2020 09:22:23 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=210#comment-640 […] delle vignette e quello di gestire il tempo e il ritmo (in maniera analoga a quanto detto QUI) funzionalmente al pathos che si intende […]

]]>
Commenti su X-Force – O di come Rob Liefeld cambiò il mondo dei supereroi di Andrea Gagliardi https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/x-force-o-di-come-rob-liefeld-cambio-il-mondo-dei-supereroi/#comment-636 Thu, 28 May 2020 13:34:57 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=713#comment-636 In risposta a David Padovani.

Commento puntuale e arguto come sempre. Mi fa piacere sapere di aver quantomeno centrato l’obiettivo che mi ero proposto, ho visto tanti articoli su Liefeld dire sostanzialmente “sì, era scarso ma…” o cose del genere e volevo invece scrivere un pezzo che non avesse un sapore “giustificativo” ma che fosse centrato su quello che di fatto questo autore porta e portava sulle sue pagine e – di conseguenza – nel mondo del Fumetto.

]]>
Commenti su X-Force – O di come Rob Liefeld cambiò il mondo dei supereroi di David Padovani https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/x-force-o-di-come-rob-liefeld-cambio-il-mondo-dei-supereroi/#comment-635 Thu, 28 May 2020 09:10:05 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=713#comment-635 Spesso si parla del lavoro di Liefeld nel fumetto decontestualizzandolo, privando dunque l’analisi di un elemento di indagine importante, che ha come conseguenza – estremizzando – l’arrivare alla semplicistica conclusione: “Liefeld è un cane con la matita in mano!”
Il tuo pezzo, Andrea, ha il pregio di inquadrare l’autore nel clima da lui assorbito tanto negli anni della sua formazione che in quelli della sua esplosione sulla ribalta del mondo dei comics statunitensi. Dunque, lo spiegare il perchè Liefeld disegni in quel modo, a prescindere che il suo stile possa legittimamente piacere o meno.
Senza scordare che un’immagine, un’illustrazione, una tavola a fumetti (ma anche un film, una fotografia…) sono rappresentazioni, interpretazioni, sostituzioni. Un disegno non mostra la realtà, bensì rappresenta l’idea della realtà (realtà che può essere fittizia, narrativa) che ha negli occhi colui che lo realizza. Basterebbe questo, a prescindere da canoni di bello standardizzati, a dare valore a quel che Liefeld fece a inizio anni ’90: e la tua analisi lo spiega molto bene, Andrea.
E non dimentichiamoci anche del valore e delle legacy “narrative” lasciate da Liefeld (dando ovviamente a Fabian Nicieza quello che è di Nicieza): look come quelli di Cable e Cannonball sono ancora oggi iconici e punti di riferimento: personaggi come Deadpool sono diventati elementi fondanti dell’immaginario collettivo del fumetto (e poi del cinema) supereroico.

]]>
Commenti su L’Azione nei fumetti d’azione – Superman #20 di X-Force – O di come Rob Liefeld cambiò il mondo dei supereroi – Comics Calling https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/lazione-nei-fumetti-dazione-superman-20/#comment-633 Wed, 27 May 2020 18:32:23 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=633#comment-633 […] È negli anni ’80 che i manga cominciano a fare breccia nel mercato americano e i primi a subirne un’influenza decisiva sono proprio i giovani disegnatori che, come Liefeld, sono alla ricerca di nuove soluzioni da mettere nel proprio lavoro: se Frank Miller si fa rapire dalle inquadrature di Goseki Kojima per Lone Wolf & Cub, Liefeld è indubbiamente affascinato dalla “new wave” di mangaka che infarcisono le proprie tavole di retini e linee cinetiche. Esattamente come succedeva in Ken il Guerriero (allora pubblicato negli usa dalla Viz Comics come “Fist of the North Star”) anche in X-Force le dimensioni dei vari personaggi cambiavano a seconda della necessità e la maggior parte delle tavole veniva impaginata verticalmente in modo da evitare quella “stabilità” normalmente indotta dalla narrazione canonica orizzontale (l’abbiamo accennato QUI) […]

]]>
Commenti su Action – Quella volta che Superman salvò il fumetto americano di X-Force – O di come Rob Liefeld cambiò il mondo dei supereroi – Comics Calling https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/action-quella-volta-che-superman-salvo-il-fumetto-americano/#comment-632 Wed, 27 May 2020 09:44:18 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=459#comment-632 […] il lettore e viene utilizzata nel fumetto supereroico sin dalla sua nascita. Abbiamo già visto (QUI) come il Superman di Siegel e Shuster traesse gran parte della propria forza comunicativa dalla sua […]

]]>
Commenti su From Script to Panel – Cloak & Dagger di Andrea Gagliardi https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/from-script-to-panel-cloak-dagger/#comment-623 Sat, 14 Mar 2020 09:09:19 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=509#comment-623 In risposta a onofrio catacchio.

Sì, ho visto un po’ di sceneggiature Bonelli (infatti c’è un altro articolo della serie su Chanbara di Recchioni/Accardi) spesso però è dovuto al fatto che in Bonelli le sceneggiature sono scritte senza sapere il disegnatore che verrà assegnato alla storia. Per questo lo scrittore cerca di essere più rigoroso possibile.

]]>
Commenti su From Script to Panel – Cloak & Dagger di onofrio catacchio https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/from-script-to-panel-cloak-dagger/#comment-622 Sat, 14 Mar 2020 08:26:13 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=509#comment-622 Negli USA gli artisti hanno un ampio margine di “modulazione” dello script. In Italia la suddivisione del lavoro è molto più rigorosa. Di solito lo sceneggiatore realizza una sceneggiatura che descrive -in termini più o meno dettagliati- ciò che accade dentro le singole vignette. In alcuni casi, se il disegnatore ha la “stazza” necessaria o è un autore completo può prendersi delle libertà rispetto allo script (vedi Micheluzzi e Sclavi nello speciale realizzato per Dylan Dog)

]]>
Commenti su L’Azione nei fumetti d’azione – Superman #20 di Andrea Gagliardi https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/lazione-nei-fumetti-dazione-superman-20/#comment-616 Sat, 15 Feb 2020 11:45:55 +0000 https://www.lospaziobianco.it/comicscalling/?p=633#comment-616 In risposta a Marco D’Angelo.

Grazie mille Marco. Davvero: sul tema si potrebbe parlare a lungo visto che gli stili si sono adeguati ai tempi prendendo gradualmente influenze e strumenti da media diversi o da fumetti di paesi diversi. Più che di evoluzione dello stile di un singolo autore parlerei di evoluzione dell’ambiente linguistico stesso del fumetto.

]]>