Cartoomics 2018: intervista a Cristiana Fumagalli

A Cartoomics 2018 abbiamo intervistato Cristiana Fumagalli, autrice molto attiva nell'ambito delle autoproduzioni con fumetti quali "Parental Control" e "L-Drama": abbiamo parlato con lei del suo approccio alla narrazione e dei temi che è solita trattare.

Cristiana Fumagalli, brianzola classe ’91, è un’autrice indipendente autodidatta. Inizia a scrivere e disegnare subito dopo la fine della scuola nel 2010 e affina progressivamente le sue capacità di disegnatrice e sceneggiatrice. Presenza costante nell’ambito delle fiere e delle autoproduzioni, Arte Sghimbescia raccoglie le sue opere che ama definire bislacche. I fumetti su cui sta lavorando sono Parental Control e L-Drama.

Abbiamo intervistato Cristiana Fumagalli a 2018: un’occasione per parlare delle sue opere e in generale del fumetto LGBT in Italia.

Le abbiamo chiesto innanzitutto quali sono state le autrici che più l’hanno influenzata. Fumagalli si è ispirata in particolare a Julie Maroh, Alison Bechdel e in Italia a Frad, Salvatore Callerami e a molti altri che parallelamente a lei stanno compiendo un percorso di evoluzione nell’illustrazione del fumetto di genere.

Alla domanda sulle sue attuali produzioni Cristiana ci ha risposto spiegandoci come Parental Control affronti sotto la chiave di lettura del genere magico i problemi dell’adolescenza e della scuola. L-Drama invece riguarda tavole autoconclusive su situazioni classiche nelle relazioni lesbiche.

Abbiamo poi parlato con l’autrice delle difficoltà nel passare dal formato digitale a cartaceo. Cristiana ci ha spiegato dei problemi legati alle differenze di formato e alle scelte legate al colore.

L’autrice brianzola ci ha parlato poi dei rischi di aggressione verbale sui social network, dove l’anonimato consente a chiunque commenti gratuiti e sgradevoli. Infine con l’annuncio di un romanzo grafico ispirato ai temi e alle questioni di L-Drama per l’edizione 2019 di Cartoomics, abbiamo salutato Cristiana dandole appuntamento per l’anno prossimo.

Di seguito la nostra video-intervista:

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio