Il cane strabico (Davodeau)

Il cane strabico (Davodeau)
Parigi, il Louvre, l’arte. Ma… c’est quoi, l’Art? Cerchiamo di scoprirlo nel nuovo fumetto dell’autore francese.

5438729_1532493_BreVisioni Difficilmente qualcuno penserebbe mai di proporre un proprio disegno perché venga esposto al Louvre, eppure è proprio questo l’originale spunto alla base della nuova graphic novel di Étienne Davodeau che, francese nel midollo, ci mostra sempre con estrema perizia scorci della cultura di cui è intriso.
Ce lo ha dimostrato nell’incontro fra un fumettista e un viticoltore ne Gli ignoranti e lo fa oggi raccontando una nuova sfaccettatura della sua Francia nella sua prima commedia, Il cane strabico.
Fabien fa il guardiano al Louvre, e ha una relazione con Mathilde, la cui famiglia di imprenditori di provincia – caricaturalmente semplice quanto grezza e chiassosa – vorrebbe far valutare il quadro di un avo trovato nel granaio,  “Il cane strabico” appunto, per capire se è una crosta o un capolavoro. Fabien propende per la prima ipotesi ma per non offendere i fratelli dell’amata scatena una commedia degli equivoci basata sull’esposizione dell’opera fra le sale stesse del museo più famoso di Francia.
Un volume dall’umorismo sotteso, fine e sottile anche nella domanda che pone al lettore fra le righe: quali opere meritano di essere esposte? Chi lo decide? In base a cosa? E cos’è, in fondo, l’Arte?
Dai personaggi perfettamente delineati alla grafica in bianco e nero, come quella dei taccuini di chi si esercita direttamente nei grandi musei, il volume – pubblicato in collaborazione con le edizioni del Louvre –  si muove metaforicamente fra le sale dell’edificio mostrando le folle adoranti davanti alle opere che qualcuno ha scelto di esporre.

Abbiamo parlato di:
Il cane strabico
Étienne Davodeau
001 edizioni, aprile 2016
144 pagine, brossurato, bianco e nero – 18,90 €
ISBN: 8897846513

canedavodeau04_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su