Black Adam: errori e pressioni di Dwayne Johnson in nuovo report

Black Adam: errori e pressioni di Dwayne Johnson in nuovo report
Un dettagliato report svela nuovi dietro le quinte dei rapporti tra l'attore e la Warner, e il futuro di Ezra Miller come Flash.

Secondo quanto riportato da Variety, lo scorso aprile, ovvero poco dopo la fusione tra Warner Bros. e Discovery, l’attore  avrebbe proposto direttamente al CEO  un piano pluriennale per uno scontro / in cui i due franchise si sarebbero incrociati, creando una resa dei conti tra i due personaggi, come sostenuto da alcune fonti alla rivista di spettacolo.

Hiram Garcia, ex cognato di Johnson, e il produttore Beau Flynn, spingevano anche loro per portare la Warner su un diverso percorso per quanto riguardava i film . Altre fonti hanno confermato l’incontro, ma hanno minimizzato qualsiasi conversazione sul futuro di Black Adam.

Sebbene la mossa dell’attore sia avvenuta durante quello che si può definire una sorta di “vuoto di potere” successivo alla fusione appena avvenuta, proprio mentre Walter Hamada e Toby Emmerich si preparavano a lasciare la major, la cosa avrebbe innervosito non poco la dirigenza interna.

Alla fine, i nuovi co-presidenti di Warner Bros., Michael De Luca e Pam Abdy, avrebbero approvato un cameo di per Black Adam, poi effettivamente avvenuto come noto, nonostante Emmerich già nel 2018 aveva intenzione di cercare un nuovo attore per il ruolo di Superman.

Il flop di Black Adam avrebbe fatto affondare qualsiasi piano per l’anti-eroe, ponendo ufficialmente fine alla carriera di Cavill come l’uomo d’acciaio. Quest’ultimo si sarebbe separato dalla sua manager, ex moglie di Johnson, Dany Garcia, anche se una fonte afferma che la cosa non è collegata alla questione di Superman, e la donna sarebbe rimasta un consigliere strategico dell’attore.

Nel frattempo, la relazione tra la major e Johnson si stava già esaurendo, soprattutto perché la star avrebbe spinto per ricevere un credito di produzione per il film di animazione DC League of Super-Pets, nonostante abbia fatto poco per promuoverlo. Lo stesso Johnson avrebbe insistito per un tequila bar alla premiere di Black Adam a New York per promuovere la sua bevanda alcolica Teremana, nonostante il film fosse classificato PG-13.

La rivista inoltre sottolinea, per quanto riguarda i piani di e , che i due avrebbero in mente un ripristino ampio ma non generale. E dato che è rimasto fuori dai guai da quando ha iniziato il trattamento per la sua salute mentale, alcuni dirigenti sono disposti a continuare a lavorare con l’attore nel ruolo di Flash. Gunn e Safran, secondo Variety, avrebbero il pieno sostegno della dirigenza di WBD.

L’articolo sottolinea inoltre che il piano dei due co-presidenti sarà svelato molto presto, e si tratterebbe per il momento di un piano interconnesso della durata di tre anni, che non includerebbe Superman e .

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *