Beastars vol.1 (Itagaki)

Beastars vol.1 (Itagaki)
Gli animali antropomorfi di Paru Itagaki diventano metafora della convivenza con il diverso, complicata dal difficile processo di maturazione del protagonista, un lupo gentile e affabile. Il tutto condito in un'atmosfera noir che rende intensa la narrazione.

Beastars_cover_BreVisioni Quella di Beastars di Paru Itagaki non è solo l’ennesima variazione sul tema degli animali antropomorfi, ma l’idea, portata alle estreme conseguenze, di un mondo in cui ad essersi evoluti non sono solo i primati, ma tutti gli animali. Da questa premessa, il mangaka descrive la vita in un tipico campus liceale giapponese dove gli studenti sono divisi in due grandi gruppi, carnivori ed erbivori, con i primi che hanno dovuto adattare la propria dieta per escludere qualunque tipo di carne dal loro fabbisogno quotidiano.
La storia inizia con la morte violenta nella prima scena di un alpaca, Tem, probabilmente ad opera proprio di un carnivoro. Tra i sospettati c’è il lupo Legoshi, peraltro uno dei migliori amici di Tem. Con queste premesse è evidente l’intento di Itagaki di utilizzare Beastars per costringere il lettore a riflettere sul tema della diversità e sulle difficoltà di una convivenza pacifica e rispettosa, complicata anche dai dubbi della crescita ben rappresentati proprio dal protagonista, Legoshi, che ha la sensazione di essere preda sempre di più degli istinti della sua natura lupesca. Il mangaka, infatti, per tenere alta l’atmosfera noir, semina il dubbio sulla presunta innocenza del lupo, a cui viene affiancato Louis, cervo rosso determinato e con un carattere più da predatore che da preda.
Infine, se nella composizione della pagina Beastars poco aggiunge alla grammatica tipica del manga, stilisticamente il tratto di Itagaki ricorda lo Sherlock Hound di metà anni 80 del XX secolo.

Abbiamo parlato di:
Beastars vol. 1
Paru Itagaki
Traduzione di Giacomo Calorio
, marzo 2019
208 pagine, brossurato, bianco e nero – 9,90 €
ISBN: 9788891287311

beastars_omicidio_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su