Bao pubblica “La mia cosa preferita sono i mostri”

Bao pubblica “La mia cosa preferita sono i mostri”
"La mia cosa preferita sono i mostri" è un romanzo grafico fiume, nato dopo anni di creazione solitaria mentre l'autrice era convalescente da una grave malattia. Un'opera che rispetta i codici primigeni della Nona Arte, ma ne reinventa il linguaggio in modo davvero unico e spontaneo.

Il romanzo grafico di debutto di è un giallo, un dramma familiare, un epico racconto storico, un thriller psicologico, su mostri reali e immaginari, ambientato nel tumultuoso scenario politico della Chicago nei tardi anni ’60 e raccontato mediante un diario fittizio che si rifà all’iconografia dei b-movie dell’orrore e ai pulp magazine di mostri.

 è lieta di annunciare l’uscita di La mia cosa preferita sono i mostri, il di .

Illustrato in uno stile visivo che è un autentico caleidoscopio virtuosistico, combinando sequenze di vignette e illustrazioni, è un’opera rivelatrice di potentissima originalità.

Karen Reyes ha dieci anni, vive a Uptown Chicago, con la made e il fratello Deeze. Ama l’arte, i giornalini horror e i vecchi film di mostri. Un giorno torna a casa da scuola e apprende che la vicina è morta. Suicidio, dicono, ma Karen non ci crede.

Siamo nel 1968, nel pieno della contestazione, e questa storia la leggiamo dal diario scribacchiato, scarabocchiato e illustrato di Karen. I misteri sono fuori e dentro casa, perché più Karen cerca di capire cosa sia successo alla sua vicina, Anka, una sopravvissuta dell’Olocausto nazista, più comprende che c’è un terribile segreto del passato che tormenta suo fratello Deeze.

 debutta con questo straordinario primo capitolo di due di un romanzo grafico-fiume che le è valso un successo internazionale e il plauso di luminari come , e . L’edizione BAO, fedelissima all’originale di Fantagraphics, è costata centinaia di ore di calligrafia, di adattamento e di impaginazione meticolosa. Un capolavoro annunciato, una nuova evoluzione del potenziale del linguaggio del Fumetto.

La mia cosa preferita sono i mostri è disponibile in libreria da 12 aprile 2018.

L’autrice

 è cresciuta a Chicago durante i turbolenti anni ’60 e ci vive ancora. È palesemente una devota fan di tutto ciò che è mostruoso e terrificante. In una vita precedente, Emil faceva l’illustratrice e scolpiva giocattoli per un ampio numero di clienti. Si è laureata all’Art Institute of Chicago. Nel 2010 ha ricevuto la fellowship Toby Devan Lewis per le arti visive. La mia cosa preferita sono i mostri, pubblicato in Italia da , è il suo primo, ma non ultimo, romanzo. 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su