Bane: Conquista – Vol. 3 (Dixon, Nolan, Wright)

Bane: Conquista – Vol. 3 (Dixon, Nolan, Wright)
Si conclude la miniserie “Bane: Conquista” con un volume in cui Chuck Dixon e Graham Nolan mandano il villain di Santa Prisca in una missione suicida: il risultato non soddisfa del tutto.

Bane_conquista_3_cover_BreVisioni Dopo gli eventi del precedente volume di Bane: Conquista, il criminale muove guerra al cartello criminale internazionale Kobra, decidendo di rapire l’infante che venerano, nume tutelare delle proprie attività illegali, con l’aiuto di un esercito personale.
Il mietitore, la storia in 4 parti che conclude la miniserie di , rappresenta forse il momento migliore dei 12 albi complessivi di cui è composta. Il racconto è infatti coeso e serrato, la lettura scorre veloce e i momenti action sono ben giostrati. Il problema è che oltre a questo c’è poco altro: la trama non offre grandi spunti e viene condotta a suon di inseguimenti e scontri fisici, senza nessun particolare approfondimento. Questa eccessiva leggerezza nel gestire la narrazione penalizza il risultato finale, davvero dimenticabile. Le ultime pagine, con il confronto dialettico tra Bane e e la piccola fiammella di umanità mostrata dal villain di di Santa Prisca, sembrano voler andare in controtendenza a queste impressioni, ma l’idea, appena accennata, non è sufficiente a lasciare il segno.
I disegni di Graham Nolan, sulla falsariga di quanto osservato nel primo e secondo volume, conservano uno stile rétro a tratti piacevole ma che in alcuni passaggi mostra un po’ la corda, risultando statici e poco coinvolgenti, nonostante la fluidità nella costruzione delle tavole.
Bane: Conquista si connota quindi come un progetto ameno, incapace di lasciare il segno nella mitologia batmaniana: una lettura d’evasione senza troppe scosse.

Abbiamo parlato di:
Bane: Conquista – Vol. 3
Chuck Dixon, Graham Nolan, Gregory Wright
Traduzione di Erminio Spadaro
RW-Lion, dicembre 2018
96 pagine, brossurato, colore – 9,95 €
ISBN: 9788833048604

Bane_conquista_3_immagine_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su