“Bambino paura” è il fumetto d’esordio per Simone Rastelli in arte JUTA

“Bambino paura” è il fumetto d’esordio per Simone Rastelli in arte JUTA
La calma di un paesino di provincia viene interrotta dall’arrivo di una troupe cinematografica. È lì per girare un film horror ambientato tra i ruderi di un vicino castello abbandonato che – secondo la leggenda – è infestato dagli spiriti.

Crescere è normale. E la normalità è un incubo.

JUTA – BAMBINO PAURA (Rizzoli Lizard)

La calma di un paesino di provincia viene interrotta dall’arrivo di una troupe cinematografica. È lì per girare un film horror ambientato tra i ruderi di un vicino castello abbandonato che – secondo la leggenda – è infestato dagli spiriti. Per la gente del luogo è un evento senza precedenti, ma la cosa diventa ancora più grossa quando il regista sceglie come attore protagonista Giulio, un bambino del posto. Di colpo, il ragazzino si ritrova gli occhi puntati addosso: tutti non fanno altro che parlare di lui. C’è chi lo tormenta per farsi l’ennesima foto insieme, chi ne parla male sui social e chi invece – suggestionato dalle atmosfere cupe del film – comincia a temere che Giulio abbia dei poteri malefici. In questo suo esordio concreto e pulsante, Juta ha realizzato una storia di grande intensità, che restituisce anche ai lettori disillusi il brivido più autentico e indimenticabile: la paura di crescere.

JUTA (all’anagrafe Simone Rastelli) è nato a San Marino nel 1991 e vive a Milano, dove lavora come grafico e illustratore. Ha collaborato con “Vice Italia” e alcuni dei suoi fumetti sono pubblicati sul sito spezzoni.com. Questo è il suo primo libro.

Juta_Bambino_paura_72dpi

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su