Quando la narrativa incontra la divulgazione: Costellazioni – Le stelle che disegnano il cielo di Lara Albanese

Quando la narrativa incontra la divulgazione: Costellazioni – Le stelle che disegnano il cielo di Lara Albanese

Il settore della divulgazione per bambini e ragazzi sta vivendo un momento di straordinaria vivacità: aritmetica e geometria, biologia ed etologia, geologia e astronomia, grandi invenzioni ed esperimenti empirici, biografie di uomini e donne di scienza, sono solo alcuni degli argomenti affrontati nei libri divulgativi dedicati ai lettori più piccoli. Questi volumi, contraddistinti da un’alta precisione scientifica, sono spesso curati con altrettanta perizia anche dal punto di vista grafico e illustrativo e, in tal modo, riescono a unire al rigore della materia il fascino delle figure dei libri per bambini. Infatti, le illustrazioni colorate, i testi brevi e il linguaggio di immediata comprensione aiutano i piccoli lettori a muovere i primi passi alla scoperta del mondo che li circonda.

Senza ombra di dubbio uno dei temi più amati è lo spazio cosmico. Esistono decine di opere che parlano del cielo, del sole, delle stelle, dei pianeti, delle navicelle spaziali e degli astronauti; di solito si tratta di libri con esperimenti e spunti per attività che hanno lo scopo di mettere in pratica i concetti acquisiti. Nella maggior parte di questi testi le spiegazioni sono esaustive e suddivise per punti o accompagnate da immagini che ne descrivono i passaggi fondamentali.

Un esempio molto particolare di libro sul tema dello spazio è l’ultima fatica di Lara Albanese, fisica e appassionata divulgatrice scientifica, dal titolo Costellazioni – Le stelle che disegnano il cielo, pubblicato da Editoriale Scienza, da sempre all’avanguardia in questo ambito della letteratura per l’infanzia. All’interno dell’opera, la divulgazione e la narrativa si incontrano per mostrare anche ai più piccoli il fascino ancestrale delle stelle: l’autrice, celebre per la sua brillante capacità di fondere gli aspetti più scientifici dell’osservazione degli astri con gli antichi racconti nati nei secoli dalla contemplazione del cielo, mette in campo numerosi concetti e dati astronomici che ben si mescolano ai miti e alle storie delle sedici costellazioni descritte.

Il libro è così strutturato: due brevi capitoli, Il cielo stellato e Lo zaino dell’esploratore celeste, introducono le prime nozioni sull’osservazione del cielo e sulle modalità di riconoscimento delle stelle, dando già preziosi consigli sulle semisfere e sui movimenti terrestri, segreti imprescindibili per chi desidera diventare un vero esploratore. Infatti, per ammirare la volta celeste, non servono grandi strumenti, bastano occhi curiosi e attenti, una bussola, un taccuino, una torcia e una mappa del cielo.

Nelle pagine successive, Lara Albanese ci mostra otto mappe – due per ciascuna stagione, a rappresentare il quadrante nord e il quadrante sud –, e procede con l’approfondimento della struttura e della storia di ogni costellazione. Si comincia dall’Orsa Maggiore e dall’Orsa Minore di cui, oltre all’aspetto scientifico, viene esaminato anche quello legato ai miti greci, romani e dei nativi americani: il mito di Callisto e Zeus, quello dei sette buoi e l’intrigante interpretazione secondo cui il Piccolo Carro, ovvero l’Orsa Minore, che in autunno appare capovolta, si rovesciò mentre trasportava dei colori, che cadendo sulla Terra tinsero le foglie degli alberi di rosso.

Il percorso dell’opera prosegue poi con Cassiopea, composta da cinque stelle luminose disposte a formare una W o una M a seconda del periodo dell’anno e dell’ora di osservazione, con Orione e la sua cintura di tre stelle, e ancora con Cane Maggiore, Boote, Corvo, Cigno, Lira, Aquila, Pegaso, Auriga. Inoltre, risulta molto interessante l’approfondimento sulle costellazioni legate ai segni zodiacali, che distingue in maniera efficace e limpida ciò che rientra nel campo della scienza da ciò che è invece parte dell’astrologia.

Un ulteriore elemento che rende estremamente affascinante Costellazioni sono le tavole realizzate da una grandissima illustratrice come Desideria Guicciardini. Le sue matite colorate dai tratti delicati e sognanti non solo interpretano, ma rendono viva l’anima di ogni costellazione: le illustrazioni a tutta pagina, posizionate sempre a sinistra e talvolta – in formato ridotto – inserite qua e là nel testo, sono ariose, dalle tinte calde e dalla cromia contrastante. Cassiopea e Pegaso sono forse le più suggestive, Lira e Cigno le più incantevoli e le Orse le più giocose. Nel complesso costituiscono un evidente valore aggiunto e rendono questo volume ancora più accattivante agli occhi dei piccoli lettori, che resteranno a bocca aperta nello scoprire che le costellazioni si illuminano al buio.

In definitiva, l’opera di Lara Albanese risulta essere una novità davvero imperdibile per tutti gli amanti di questo ambito scientifico e non solo, grazie alla cura nei particolari, alla maestria nelle illustrazioni e al taglio semplice, originale e coinvolgente con cui è stata realizzata.