Classici a fumetti: Anna dai capelli rossi - il graphic novel

Classici a fumetti: Anna dai capelli rossi – il graphic novel

Quando Matthew e Marilla Cuthbert decidono di adottare un ragazzo orfano che possa aiutarli a gestire la loro fattoria di famiglia non hanno idea di quale bizzarro “problema” li stia attendendo: capelli rosso fuoco, tanta vivacità e un’immaginazione inarrestabile, l’undicenne Anne Shirley prende letteralmente d’assalto la fattoria Green Gables. Le disavventure di Anne portano un po’ tenerezza e di romanticismo nella quotidianità di tutte le persone che incontra e con cui si confronta: la sua amica del cuore, Diana Barry; la pettegola della città, la signora Lynde; e un ragazzino bello e irriverente, Gilbert Blythe. La storia di Anne è un racconto, più che di eventi concreti, di crescita emotiva e di relazioni che si evolvono e costituisce un vero e proprio romanzo di formazione ambientato a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, con quelle caratteristiche che rendono questo genere letterario così profondo e denso di significato.

Anna dai capelli rossi – Il graphic novel è un adattamento a fumetti dell’omonimo romanzo di Lucy Maud Montgomery, pubblicato dalla casa editrice Il Castoro il 7 novembre 2019. L’opera risulta fedelissima al testo di partenza, che peraltro negli ultimi mesi ha conosciuto un nuovo slancio grazie anche alla serie televisiva distribuita da Netflix. «Lo spirito di Anne rivive intatto nel frizzante adattamento di Mariah Marsden, ed è delizioso osservare le illustrazioni della protagonista Anne, mentre si muove nei paesaggi paradisiaci di Brenna Thummler. Insieme Marsden e Thummler sono riuscite a evocare tutta la magia e la bellezza di Green Gables.» Questo è il giudizio di Brian Selznick, autore e illustratore di L’invenzione di Hugo Cabret e La stanza delle meraviglie, e risulta difficile non essere d’accordo con lui: il fumetto possiede illustrazioni davvero piacevoli e graziose e anche la storia è sviluppata in maniera soddisfacente e molto fedele al romanzo. Inoltre, ha il pregio di riuscire ad avvicinare con assoluta efficacia i lettori più giovani al grande classico della Montgomery, che ormai viene affrontato in età più avanzata.

L’intreccio è lineare e costante, senza alcuna divisione in capitoli. In certi punti la narrazione procede però in molto veloce: il romanzo originale è piuttosto lungo e denso e per condensarlo nelle pagine di questo fumetto è stato necessario effettuare dei tagli evidenti. Nonostante questo la caratteristica principale del romanzo, ovvero l’evoluzione delle relazioni tra i personaggi, è ben indagata e trattata con la giusta attenzione.

La lingua adoperata è semplicissima e molto scorrevole, in linea con il periodo storico e con l’essenzialità dei personaggi e dei fatti raccontati. Lo stile iconico delle due autrici cattura in modo efficace l’essenza di Anne e delle sue emozioni fluttuanti e fa rivivere alla perfezione l’epoca storica in cui la vicenda è ambientata (spiccano, a questo proposito, gli abiti e le acconciature). C’è un uso attentissimo della prospettiva e dello spazio bianco nelle tavole. Molto spesso sono posizionate, dopo degli episodi salienti, delle pagine di grande respiro del paesaggio naturale nelle varie stagioni che riescono a cadenzare il passare del tempo con brio ed eleganza. Anche le espressioni dei volti sono molto curate e l’uso della tavola cromatica è gentile e calibrato: questa caratteristica riesce a catturare le molteplici emozioni di un personaggio come Anne, sempre in volo con la fantasia.

Qualche nota sulle autrici:

Brenna Thummler è cresciuta nel nord-ovest della Pennsylvania, dove ha sviluppato un grande amore per i paesaggi naturalistici, il burro di arachidi e, soprattutto, il disegno. Diplomata al Ringling College of Art and Design, dopo la laurea ha svolto lavori editoriali e pubblicitari per il «New York Times», il «Washington Post», Razorfish ed Empathic Films LLC. Anne of Green Gables è stata la sua prima graphic novel e non sarà di certo l’ultima visto che per l’autunno 2018 è prevista l’uscita di un nuovo lavoro dal titolo Sheets. In quei rari momenti in cui non disegna, ama ballare, fare musica, preparare torte al formaggio o trascorrere il tempo con spiriti affini. 

Mariah E. Marsden si è laureata specializzandosi nello studio del folklore e della narrativa. La sua attenzione si concentra particolarmente sulle dinamiche della narrazione orale e ha indagato i modi in cui il potere creativo è condiviso tra artista e pubblico attraverso espressioni ritualizzate. La sua attuale ricerca si sviluppa sulle narrazioni personali, storie di corteggiamento, folklore femminile, la regione di Ozark (dove ha anche organizzato un festival di narrazione informale) e l’appropriazione del folklore nei media moderni. Mariah Marsden ha conseguito il suo MFA in Creative Writing & Media Arts ed è co-autrice di Anne of Green Gables: A Graphic Novel. Ha conseguito la laurea in teoria della letteratura attraverso l’Oxford Honors Program presso il William Jewell College.

Abbiamo parlato di:
Anna dai capelli rossi – Il graphic novel
Mariah E. Marsden e Brenna Thummler
Editrice Il Castoro, novembre 2019
230 pagine, brossurato, colore – € 15,50
ISBN: 9788869665288
Età: 9+