Parliamo di:

In arrivo “Storie di un’attesa” di Sergio Algozzino

Uscirà il 12 maggio in libreria Storie di un’attesa, ultimo romanzo a fumetti di Sergio Algozzino, per la collana Prospero’s Books.
Articolo aggiornato il 23/09/2017

Comunicato Stampa

In arrivo "Storie di un'attesa" di Sergio AlgozzinoUscirà il 12 maggio in libreria Storie di un’attesa, ultimo romanzo a fumetti di Sergio Algozzino, per la collana Prospero’s Books. L’opera è un intreccio di racconti e tempi diversi che mette in evidenza, con immagini di raro impatto visivo, il valore della riflessione, della pausa, nel dilatarsi di tempi in cui i protagonisti si frenano, ragionando sul valore della “sospensione”. L’autore si divide fra tre piani narrativi differenti, raccontando di un principe palermitano dell’Ottocento che organizza la sua partenza per la Terrasanta, due persone che, all’inizio del secolo scorso, si sfidano a una partita a scacchi per corrispondenza, e un giovane degli anni Novanta che si ritrova ad attendere la sua ragazza.
In archi temporali che paiono indefiniti e dilatati, tutti i personaggi dell’ultimo graphic novel  ripercorrono lunghi tratti del passato, che da eventi apparentemente estranei li hanno portati fino a lì. Per restituire la sensazione, l’autore ricorre a figure cruciali per la storia psicologica dei protagonisti, con un’aura di sacralità che rende memorabile il percorso narrativo, in grado di restituire, pagina dopo pagina, l’immenso valore dell’attesa.

è ormai un habitué della nostra casa editrice. Inizia la sua attività su Fandango e Piccoli Brividi di Panini Comics, e divide il lavoro tra Italia e Francia. Fra il 2008 e 2009 pubblica Ballata per Fabrizio De André, Pioggia d’estate e Comix show, tutti per la 001 Edizioni. Dal 2010 scrive e disegna L’etrangèr, e nel 2012 suo è uno dei cinque racconti che compongono Hellzarockin’. Nel 2013 pubblica Dieci giorni da Beatle. Del 2014 è Memorie a Sbit, raccolta di racconti a metà tra diario e romanzo di formazione. Dal 2012 tutte le sue opere sono pubblicate da Tunué, per cui è co-ideatore della rivista Mono.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio