Antonello Cosentino immagina “Lo Spazio Bainco”

Antonello Cosentino immagina “Lo Spazio Bainco”
Cos'è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata al fumettista e illustratore Antonello Cosentino.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite speciale di questa puntata è  con la sua  illustrazione “Sospensione”. Buona visione.

Sospensione

Lo Spazio Bianco per me è sempre stato sinonimo di tempo, rappresentato da una sottilissima closure fra una vignetta e l’altra, quella sottile striscia bianca è uno degli elementi più importanti di una pagina a fumetti. L’ho sempre immaginata come la sospensione del tempo fra un’azione e un’altra, dove può accadere di tutto, anche perdersi –

Sospensione

, classe 1992. Alla fine del corso di studi presso la Scuola del Fumetto di Palermo fonda insieme ad alcuni suoi colleghi , piccola realtà di autoproduzioni. Ha all’attivo pubblicazioni sul web per : “The Pretender“, “Wake Up“, “Frikis” e “MADALA“. Nel 2016 ha esordito in cartaceo con “ Killer”, per  . Successivamente ha lavorato per (“The Blackening“), (“Doomsday Machine“), Evoluzione Publishing (“Marassa“) e il suo ultimo lavoro è stato per Mad Cave Studios (“Over The Ropes“).

CONTATTI
FACEBOOK
INSTAGRAM

96377966_937225246741365_953707143163281408_n

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su