L’X-Factor di Carmine Di Giandomenico

Intervista a uno degli autori italiani più famosi e apprezzati in America, Carmine Di Giandomenico, che recentemente è stato incaricato, insieme a Peter David, del rilancio della storica testata mutante...
Articolo aggiornato il 21/04/2015

nasce il 13 aprile 1973. Inizia la sua carriera nel 1995 disegnando la miniserie Examen nel 1995 sceneggiata da DanieleL'X-Factor di Carmine Di Giandomenico Brolli. In seguito, in collaborazione con lo scrittore Alessandro Bilotta, realizza Giulio Maraviglia, Romano, La Landa degli aviatori e La Dottrina. Tra il 2004 e il 2005, per la Saldapress, scrive, sceneggia e disegna Oudeis, una rivisitazione onirica dell’Odissea di Omero. Nel 2005 inizia la sua collaborazione con la Marvel Comics, per la quale realizza numerosi numeri di What if su personaggi come Capitan America e Wolverine. Nel 2006 in collaborazione con il co-sceneggiatore Zeb Wells, realizza la miniserie da lui ideata e sceneggiata “Battlin’ Jack Murdock“, le origini del famoso personaggio Daredevil viste attraverso gli occhi del padre. Insieme a Greg Pack crea quel piccolo capolavoro che è “Magneto: Testament“, dove viene narrata l’infanzia trascorsa nei campi di concentramento del noto mutante Magneto. Dal 2009 si dedica alle due miniserie di Spider-man Noir,  lo Spider-man degli anni 30 e, sempre nel 2010, illustra Iron Man #500, che segna il ritorno del super villain Il Mandarino nella serie regolare. Nel 2011 è tra gli autori del numero commemorativo Fantastic Four #600 che vede il ritorno della Torcia Umana dalla morte. Tra i suoi ultimi lavori (tutti per la Marvel Comics con la quale ha firmato un contratto in esclusiva fino a settembre 2014) ricordiamo “The Ultimates”, Punisher War Zone e l’ormai imminente rilancio della storica testata “X-Factor” insieme a Peter David. In Italia ha disegnato un episodio per il Dylan Dog Color Fest 2 per la Sergio Bonelli Editore.

È appena uscito in edicola, dopo quattro anni dall’edizione da libreria, Magneto: Testament. Dopo tutto questo tempo, cosa pensi di questo tuo lavoro?
Che cosa penso di Magneto: Testament? Penso sia uno dei rari momenti d’incontro tra il fumetto d’intrattenimento con quello autoriale. Attraverso il carisma di un personaggio come Magneto si offre l’opportunità di far conoscere un capitolo oscuro della nostra storia, che non dovrebbe essere mai dimenticato visto il periodo storico che stiamo vivendo. Ne vado orgoglioso non tanto per il fatto di averlo disegnato, ma perché mi è stata data l’opportunità di poter raccontare tematiche delicatissime come il razzismo, la persecuzione e l’olocausto, con la speranza che quanto scritto da Greg Pack induca a un momento di riflessione.

L'X-Factor di Carmine Di Giandomenico

Ti piacciono le edizioni realizzate da Panini?
Sulle scelte editoriali della Panini non metto bocca. Non sono io il redattore o il pianificatore finale delle scelte editoriali. Comunque sia, penso che il lettoreL'X-Factor di Carmine Di Giandomenico italiano medio sia soddisfatto per il rapporto qualità prezzo. Anche se, potendo fare una sorta di “What if” dove io rivesto il ruolo di redattore, avrei arricchito il volume con gli studi delle pagine e una bella intervista a Greg, per venire incontro alle esigenze del lettore e anche per il soggetto storico del racconto. Credo che un’edizione in bianco e nero che richiamasse i filmati dell’Istituto Luce dell’epoca si potesse pensarla, in modo da dare più forza e valore alla trama scritta da Greg. Ripeto è una mia visione personale che non si sposa con il sistema di commercializzazione moderna.

Questa miniserie e Devil: Battlin’ Jack Murdock, rappresentano i tuoi primi lavori di un certo rilievo negli USA: oggi cosa cambieresti, soprattutto nella seconda, della quale sei anche co-autore dei testi?
Non cambierei nulla. Aggiungerei solo una nota nella quale si chiarisce che non sono solo autore dei testi, ma anche sceneggiatore e “ideatore” della trama di Battlin’ Jack Murdock, giusto per evitare confusione.
Mentre per Magneto Testament posso raccontare un aneddoto su una mia piccola idea grafica riguardo l’estetica di Magneto. L’idea partiva dal passaggio narrativo in questione: Magneto resta solo, esce dal bosco vivo ma sconvolto dopo avere assistito a un episodio veramente duro. In seguito viene catturato e deportato al campo di concentramento. L’idea in questione era che, nel risalire il fosso che lo conduceva fuori dal bosco, Magneto si ritrovava con i capelli bianchi per colpa del forte shock emotivo subito. Un modo per ricollegarsi all’iconografia classica data al personaggio nelle sue origini raccontate molto tempo prima su Classic X-men. La mia idea non fu accettata, ma poco importa per lo spessore della trama.

L'X-Factor di Carmine Di GiandomenicoSei in esclusiva con la Marvel, e stai lavorando a X-Factor con Peter David. Che cosa puoi dirci di questa nuova serie? Riprende le tematiche della precedente? Come ti trovi?
Sì, sono in esclusiva Marvel fino a settembre 2014. Adesso sto lavorando con Peter David su X-Factor e mi sto divertendo nonostante i tempi di consegna sempre stretti.
Quello che mi da orgoglio in questo progetto, è che sarà un rinnovamento totale della serie, dove ho ideato i costumi e le tecnologie che utilizzeranno. Mi sono divertito veramente tanto nel reinterpretare stilisticamente i costumi, utilizzando riferimenti al periodo artistico del 1300/1400 che ho poi modificato per funzionare anche in epoca moderna. Quando realizzo storie cerco sempre di inserire (se la storia lo permette e se lo sceneggiatore è disposto ad ascoltare) questi rimandi alla mia cultura artistica. Questo metodo di lavoro cerco di applicarlo sempre, in modo da poter offrire anche il mio supporto e dare alcuni suggerimenti che diano uletriore forza e valore alla trama.
Suggerimenti proposti e accettati anche con progetti italiani. Per esempio attribuendo il nome “La Smorfia” al protagonista de “La Dottrina”, invece che “Maska” come pensato all’inizio, e inserendo dei numeri al posto delle onomatopee per dare un tocco più italiano. Non disegno solo le indicazioni che mi vengono fornite per una trama, ma cerco di viverla e, se possibile, dare anche il mio contributo con piccoli dettagli per donargli maggiore incisività. Naturalmente quando è possibile. (1)

Progetti per l’Italia?
Al momento nessuno.

L'X-Factor di Carmine Di Giandomenico

Come si è evoluto il tuo metodo di lavoro, negli ultimi anni? È cambiato qualcosa?
Il mio modo di lavorare è cambiato come sono cambiati i tempi. Utilizzo il metodo classico o digitale secondo le esigenze di mercato. Che il mio stile si sia evoluto o involuto sarà il lettore a deciderlo.

Insegni alla scuola di Pescara. Come vedi le giovani leve?
All’Accademia del fumetto di Pescara insegno ancora, anche se negli ultimi due anni, per via del mio coinvolgimento in molti progetti, ho dovuto allentare la mia presenza. Le giovani leve che incontro ogni anno hanno sempre una motivazione di base che è la passione per i loro personaggi preferiti. Quello che noto oggi è una loro incertezza e paura nel voler investire su se stessi. Questo non è un problema dell’accademia, ma della struttura sociale dalla qualeL'X-Factor di Carmine Di Giandomenico provengono e dalle condizioni della vita quotidiana con tutte le problematiche che ne derivano. Un problema che abbiamo tutti. Ci sono però casi dove molti riescono a coronare il proprio sogno, sopratutto quando capiscono che è tutto nelle loro mani.

Non pensi che le decine di scuole, che sfornano decine di “diplomati” ogni anno, creino delle illusioni? Quando spazio c’è per centinaia di nuovi autori, in Italia, e volendo nel mondo? Centinaia… ogni anno, dico!
Dipende da come si pone e presenta una scuola. Io posso solo parlare per l’Accademia di Pescara, dove siamo molto chiari sul fatto che i corsi servono per apprendere le basi creative di questo mestiere. Non abbiamo mai giocato con promozioni del tipo “uscite da qui e lavorerete”. Mai fatto. Perlomeno questa è la realtà che vivo. Cerchiamo di far capire quanta fatica ci sia dietro a questo lavoro e percorso artistico, in modo che la selezione tra chi vuole continuare e inseguire la propria predisposizione e da chi si rende davvero conto cosa vuol dire questo lavoro, avvenga in maniera naturale. E non vincoliamo nessuno con nessun contratto, in maniera di essere liberi di decidere se abbandonare o proseguire il corso. Ripeto parlo per la mia realtà, per le altre non posso certo giudicare. Poi per il problema della disoccupazione di cui mi chiedi alla fine, beh… domanda difficile. È un problema enorme che non riesce a risolvere neanche il nostro governo. Non saprei, forse l’unico consiglio che posso dare è di provare l’auto produzione abbinata a una visibilità attraverso il web.

 

 


Note:
  1. Alessandro Bilotta ci chiede di poter replicare alle affermazioni di Di Giandomenico. Riportiamo le sue parole:
    In riferimento all’intervista di Francesco Settembre a Carmine Di Giandomenico pubblicata il 7 gennaio 2014, Alessandro Bilotta intende precisare che le idee narrative e di contenuto che Di Giandomenico attribuisce a sé riguardo “La Dottrina” sono invece state elaborate da Bilotta stesso, in quanto autore del fumetto e come dimostrato dal testo originale della sceneggiatura. 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio