Wonder Woman Rinascita #6 (Rucka, Sharp)

Le strade della Principessa Diana e Steve Trevor si incontrano finalmente nella giungla dell'Urzari, ma il vero pericolo forse è altrove.
Wonder Woman Rinascita #6 (Rucka, Sharp)
– Le bugie, parte 3. copertina di .

In questo terzo capitolo dell’arco narrativo Wonder Woman: Le Bugie, e Liam Sharp congiungono il viaggio della Principessa Diana e la missione del commando guidato da Steve Trevor nel regno di Urzkartaga. Il racconto procede con largo uso di mestiere, che si manifesta tanto nella gestione del ritmo, tramite alternanza fra i vari scenari, quanto nella cura del dettaglio grafico e della dominante cromatica (a cura di Laura Martin).
Il punto è che tutta questa tecnica risulta in un racconto a bassissima densità: di fatto, i temi che caratterizzano (riscrittura del passato e della memoria, ruolo dell’amore), pur richiamati quasi in ogni scena, restano allo stato di trattazione stereotipata e didascalica, vedasi la contrapposizione fra Trevor e Cadulo o i commenti di Etta sulla relazione fra Diana e Trevor. Debole anche la caratterizzazione dei personaggi: dagli sguardi tutti uguali di Etta, Sasha e Diana (ridotta a Barbie dorata nel primissimo piano finale) ai dialoghi. L’albo chiude con un cliffhanger, che speriamo preluda a una svolta significativa non tanto nell’intreccio quanto nel confronto con la visione dell’iniziativa .
Nella seconda parte dell’albo si chiude la mini Poison IvyIl ciclo della vita e della morte di Amy Chu, Al Barrionuevo e Cliff Richards. Stavolta l’ospite d’onore è Swamp Thing, ma alla fine ciò che resta è qualche luogo comune e le tante pin up che hanno cadenzato le tavole.

Abbiamo parlato di:
Wonder Woman #6 (Superman l’uomo dacciaio #38)
Greg Rucka, Liam Sharp (WW); , Al Barrionuevo e Cliff Richards (PI)
Traduzione di Stefano Formiconi
RW Lion, Marzo 2017
48 pagine, spillato, colori – 2,95 €
ISBN: 9788893514977

Wonder Woman Rinascita #6 (Rucka, Sharp)
Wonder Woman Rinascita #6: Liam Sharp asseconda sempre al meglio lo script di Greg Rucka.
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio