“Tumulto”, il nuovo fumetto di Alice Milani e Silvia Rocchi

On the road su due ruote nell’ex Jugoslavia alla ricerca di se stesseo: lo straordinario graphic novel pittorico di Alice Milani e Silvia Rocchi.

Comunicato stampa

Tumulto di e

"Tumulto", il nuovo fumetto di Alice Milani e Silvia RocchiEris edizioni è orgogliosa di presentare Tumulto, in uscita a settembre 2016, l’incredibile graphic novel a quattro mani di Alice Milani e Silvia Rocchi, un lavoro di stupefacente intensità pittorica e di chiaro valore artistico e stilistico. Le due autrici, che collaborano da anni all’interno del collettivo di autoproduzioni a fumetti La trama, sono riuscite a fondere perfettamente i propri stili e le proprie sensibilità estetiche al punto da creare un melange perfetto e regalare al panorama fumettistico italiano un’opera grafica di notevole forza espressiva. Questo graphic novel infatti è stato pensato, sceneggiato e disegnato interamente da entrambe. Ma è impossibile distinguere le due autrici all’interno di ogni singola tavola.

Questa storia di finzione on the road nasce dall’esperienza autobiografica di un viaggio in moto nell’ex Jugoslavia. Quindi su due ruote, scambiandosi la guida, su strade impervie e sotto qualsiasi tempo, le due protagoniste sbaragliano ogni stereotipo di genere, regalando due ritratti femminili forti, atipici, due giovani donne in viaggio verso se stesse e la Drina, due motocicliste con un passato da musiciste punk, alla ricerca di quel tipo di riappacificazione con se stesse fondamentale per affrontare il futuro a testa alta.

Il punk e il rock’n’roll non solo sono un ricordo passato ma una passione, come quella per “l’olio motore”, attraverso la quale incontrarsi con persone molto diverse. Come spiega Eugenio Berra nella prefazione

«I personaggi in cui si imbattono lungo la strada […] presi uno a uno ben riflettono tensioni e speranze in cui è immerso il presente di questi paesi: il limbo di una transizione infinita. C’è chi, specie tra gli uomini, cerca rifugio nel rancore, in un passato (quello jugoslavo) spesso idealizzato, o semplicemente nell’emigrazione e altri che nonostante tutto continuano a coltivare aspirazioni»

regalando ai lettori uno spaccato fedele di un territorio che vive ancora tra i fantasmi della guerra. I panorami e i paesaggi tratteggiati sapientemente delle due autrici restituiscono tutta la carica emotiva della storia e dell’esperienze che stanno vivendo le due protagoniste, l’esplosione di colori e la loro densità intensificano atmosfere ed emozioni che creano una narrazione a sé di incredibile potenza visiva.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio