Il tramonto dell’infanzia: Plutona

Per diventare adulti non serve essere supereroi! Jeff Lemire e Emi Lenox con Plutona esplorano in maniera originale il tema della fine dell'infanzia.

Il tramonto dell’infanzia: PlutonaCinque adolescenti che vivono in un contesto urbano e sociale disagiato trovano in un bosco vicino alla loro scuola il cadavere di una supereroina, Plutona. Attorno a questo unico evento imbastisce un intreccio che meriterebbe di entrare in un manuale di scrittura creativa per la sapienza con cui, con assoluta economia di azione e scene sensazionalistiche, lo sceneggiatore induce nel lettore un crescendo emotivo esasperante e appagante al tempo stesso.

Il tema, assai comune, dell’adolescenza come conclusione dell’età infantile e iniziazione alla consapevolezza della propria mortalità è rivitalizzato da Jeff Lemire che, con una metafora lineare, sostituisce la morte di un supereroe a quella di un parente prossimo. Il racconto delle reazioni dei cinque ragazzi alla scoperta della morte, alienati dal contesto che li circonda non solo in quanto adolescenti, ma anche in quanto emarginati sociali, è dunque ciò che riempie le pagine di Plutona.

Il volume autoconclusivo trova nello stile di Emi Lenox pieno riscontro alla trama: il tratto simula consapevolmente un’espressione grafica imperfetta, immatura, per così dire adolescenziale, come se fosse uno dei ragazzi ad aver disegnato le tavole.
L’effetto si nota particolarmente nella resa dell’anatomia dei personaggi, che a volte appaiono bidimensionali, quasi senza peso, e non caratterizzati sessualmente.

La chiave di volta su cui convergono gli sforzi dei due autori è la ricercata simmetria delle gabbie delle vignette che presentano i cinque personaggi all’inizio e di quelle che ne mostrano il destino alla fine del volume: partiti da una condizione di uguale crisi nella ricerca di una propria identità, ciascuno dei protagonisti reagisce diversamente alla morte ed è accomunato agli altri soltanto dalla drammatica irruzione del cadavere di Plutona nelle loro vite.

Il tramonto dell’infanzia: Plutona

Ciascuno dei personaggi deve infatti riempire un vuoto affettivo causato dall’assenza di un adulto di riferimento: nessuno di loro ha entrambi i genitori in casa e ognuno sostituisce il vuoto con qualcosa che soffoca la loro sofferenza. Tutti i dialoghi, che suonano efficacemente naturali e adeguati a personaggi molto giovani, sono sempre perfettamente legati alla trama anche nelle situazioni più banali: gravitano attorno al tema portante dell’opera, costituendo un indispensabile elemento unificante che impedisce al lettore di perdere il senso più profondo delle vicende narrate, senza tuttavia suonare didascalici.

La morte di Plutona significa pertanto la definitiva rivelazione di un tradimento generazionale: non solo gli adulti non sono perfetti ma neanche i supereroi, il cui campione, Plutona, smaschera con la sua morte tutta la propria debolezza.
A questa morte, i cinque adolescenti trovano delle risposte ma non una soluzione. Nessuno di loro infatti sa come diventare un adulto e al tempo stesso ciascuno scopre a suo modo che non è possibile diventare quei supereroi che gli adulti erano ai loro occhi fino a poco tempo prima.

Persino Plutona, infatti, è lontanissima dall’immagine del supereroe classico: nella vita reale è una cameriera di un diner che non riesce a trovare abbastanza tempo per sua figlia, davanti alla quale sembra quasi che il corpo della madre patisca più gli effetti dello stress da superlavoro che i colpi dei supernemici.
Jeff Lemire sfrutta dunque il mito americano del supereroe per restituire un drammatico affresco moderno nel quale uomini e donne, assorbiti e risucchiati dal lavoro o dal mondo esterno, non possono più assicurare la crescita emotiva dei loro figli, nonostante si affannino a difendere per loro il mondo che hanno costruito.

Abbiamo parlato di:
Plutona
Jeff Lemire, Emi Lenox
Traduzione di Caterina Marietti
, Novembre 2016
152 pagine, cartonato, colori – 19,00 €
ISBN: 9788865437520

Plutona è disponibile in formato digitale su Verticomics.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio