“L’ultimo terrestre” di Gipi vince e convince alla 68a Mostra del Cinema di Venezia

Il film debutto di Gipi "L'ultimo terrestre", pluripremiato dalla critica a Venezia, affronta il giudizio del pubblico. Nelle sale dal 9 settembre in 50 copie, il lungometraggio cerca di fare...
Articolo aggiornato il 27/05/2015

"L'ultimo terrestre" di Gipi vince e convince alla 68a Mostra del Cinema di VeneziaReduci dalla sbronza di premi ricevuti dal film “L’ultimo terrestre” di , urge fare il punto, rapidamente, sull’uomo e sull’autore. Il lungometraggio, in concorso alla 68a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, ha vinto:
il Premio Arca Cinema Giovani
segnalazione al Premio Pasinetti come migliore opera prima (come migliore opera prima dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani)
il Premio Fondazione Mimmo Rotella

È difficilissimo riassumere la quantità di cose che Gipi è stato in grado di fare in solo metà di una vita. Studia al Liceo Artistico di Lucca, ma all’epoca è piccolo e punk e non capisce o trova stupide le consegne degli insegnanti che gli chiedono di sognare mentre lui vuole imparare come fare. A diciotto anni segue un corso di disegno con Andrea Pazienza e capisce come guardare le cose davvero e cosa voglia dire dedicarsi al disegno e alla scrittura con tutto sé stesso. Per sua stessa ammissione comincia a fare sul serio solo dopo i trent’anni, quando inizia a raccontare storie e a dedicarle ai suoi compagni di vita adolescente nella natia Pisa.

"L'ultimo terrestre" di Gipi vince e convince alla 68a Mostra del Cinema di VeneziaPubblica per la Coconino tutti i suoi libri e già con i primi (Esterno notte, 2003; Appunti per una storia di guerra, 2004) comincia a vincere premi: il Premio Micheluzzi, il Gran Premio Romics, il Premio della giuria a Lucca, il Premio Goscinny, fino ad arrivare nel 2006 a vincere il premio di Angoulême per il miglior libro con Appunti di una storia di guerra che lo consacra all’estero e in Italia.
Ma di altro ha già fatto molto, oltre a dedicarsi alla sua passione per la musica (ha sempre desiderato diventare una rock star): contribuisce con vignette satiriche a Cuore, disegna per Il Manifesto, Lo Straniero, comincia una stretta collaborazione con le pagine culturali di Repubblica e pubblica periodicamente strisce a fumetti per Internazionale, oltre a insegnare disegno in scuole e accademie.

Probabilmente uno dei segreti del suo successo è il modo schietto di porsi, e a riguardo è famosa la sua prima apparizione televisiva nel 2008 alle Invasioni Barbariche di Daria Bignardi (potete vederla qui), dove racconta senza filtri i suoi problemi intimi, confluiti anche in Lmvdm (La mia vita disegnata male, 2008), il rapporto con la madre e la politica.
Per La 7 realizzerà, successivamente, anche la sigla animata del nuovo programma della Bignardi L’era glaciale (che potete vedere qui), continuando a battere tutte le strade possibili della comunicazione.

"L'ultimo terrestre" di Gipi vince e convince alla 68a Mostra del Cinema di VeneziaCon i suoi fidi compagni di viaggio, infatti, aveva anche già studiato come mettere in scena in teatro la sua personale visione delle “piccole cose” della vita, ovvero la trasposizione di due storie a fumetti: S. e La mia vita disegnata male. Entrambe le storie sono state adattate per essere narrate (con accompagnamento musicale) a teatro con la partecipazione dello stesso autore. Qui potete trovare una recensione di Essedice, traduzione teatrale della prima.

Nel 2000 aveva fondato la Santa Maria Video e da allora ha realizzato alcuni esilaranti cortometraggi, a indicare la sua vicinanza di lunga durata al mondo del cinema, che recentemente ha dichiarato aver sempre amato moltissimo. I corti sono tutti visibili sull’omonimo blog: santamariavideo.blogspot.com. Suggeriamo di vederne qualcuno perchè assolutamente irresistibili.

E se il cinema è sempre stata la sua vera vocazione, non stupisce che l’anno scorso Gipi, ormai fumettista riconosciuto e apprezzato nel mondo, abbia ricevuto da Domenico Procacci della Fandango la proposta di dedicarsi al soggetto e alla regia di un film. "L'ultimo terrestre" di Gipi vince e convince alla 68a Mostra del Cinema di VeneziaGipi ha poi deciso di trarlo, invece che da un suo fumetto, da Nessuno mi farà del male di (Canicola).
A luglio è stato annunciato che L’ultimo terrestre era uno dei tre film italiani in concorso alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia. Parte una intelligente campagna di marketing virale che strizza l’occhio all’annuncio dell’arrivo degli alieni di Orson Welles e viene creato un sito con spezzoni di film e dietro le quinte. L’anteprima dell’8 settembre a Venezia ha raccolto buone critiche; qualche voce fuori dal coro però ha indicato nell’autore l’incapacità di abbassarsi al livello del pubblico e non riuscire, nonostante ottime intuizioni a livello di inquadrature mai fini a se stesse, a “fare film”; il pubblico pare invece abbia gradito senza grossi commenti negativi.

Cosa farà Gipi da grande? Oggi racconta di stare pensando al soggetto, suo, inedito, del prossimo film e che raccontare per immagini, con montaggio e musica (i.e. cinema) è il punto naturale di arrivo del suo percorso di narratore. Se il fumetto perderà un ottimo autore c’è il rischio che il cinema italiano trovi un nuovo grande regista, un rischio molto concreto.

 

Riferimenti:
"L'ultimo terrestre" di Gipi vince e convince alla 68a Mostra del Cinema di VeneziaIl sito della 68 a Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia: www.labiennale.org/it/cinema/mostra/
La pagina ufficiale del film: www.ultimoterrestre.it/
Il teaser: www.youtube.com/watch?v=yGzOdf7T3w0&feature=player_embedded
Il trailer ufficiale: www.youtube.com/watch?v=xpqkNoQyaaQ
Il blog di Gipi (Gianni Pacinotti): giannigipi.blogspot.com/
I corti di Gipi (Gianni Pacinotti): santamariavideo.blogspot.com/
Il marketing virale: durante la trasmissione “La zanzara” su Radio24 il conduttore Giuseppe Cruciani parla con il pubblico degli alieni (qui: www.youtube.com/watch?v=LcnbQ87jUkU) (scena inserita nel film)
Il Tg3 annuncia lo sbarco degli alieni. qui: www.youtube.com/watch?v=nsw3Y6hz5Ao&feature=related

Lospaziobianco segue con attenzione le vicende artistiche di Gipi fin dal 2004; di seguito i link alle varie interviste e recensioni dedicate all’autore ed ai suoi libri:

Recensione Esterno Notte: www.lospaziobianco.it/673-Esterno-notte
Intervista a Gipi 2004: www.lospaziobianco.it/1144-Esternare-arte-intervista-Gipi-prima-parte
www.lospaziobianco.it/1145-Esternare-arte-intervista-Gipi-seconda-parte

Intervista a Gipi: www.lospaziobianco.it/1596-Appunti-storia-Gipi
Recensione Appunti per una storia di guerra: www.lospaziobianco.it/1743-Appunti-storia-guerra
Recensione Gli Innocenti: www.lospaziobianco.it/2036-Innocenti
Brevisione Hanno ritrovato la macchina: www.lospaziobianco.it/12431-ritrovato-macchina
Recensione Hanno ritrovato la macchina: www.lospaziobianco.it/2618-Baci-Dalla-Provincia-2-Ritrovato-Macchina
Articolo su Appunti per una storia di guerra: www.lospaziobianco.it/4867-Baci-dal-Podere-Tozzi-Gipi-confronto
Brevisione Baci dalla provincia: www.lospaziobianco.it/12831-Graphic-Novel-6-Baci-dalla-provincia
Intervista a Gipi: www.lospaziobianco.it/2909-chiacchierata-Gipi-aspettando-S
Recensione S.: www.lospaziobianco.it/2931-S-ovvero-intreccio-malinconico-circolare-dei-ricordi
Recensione LMVDM: www.lospaziobianco.it/4520-Mia-Vita-Disegnata-Male-LMVDM

Un ringraziamento particolare a Mauro Uzzeo, narratore, scrittore per vari medium e tanto altro (fra le varie cose ha collaborato agli effetti visivi al film di Gipi); qui il link al suo interessante blog: www.nontistavocercando.it/chi-e-mauro-uzzeo/

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio