Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de “La rivolta dei Sepoy”

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"
Incontriamo il disegnatore Bruno Brindisi per parlare con lui del volume "La rivolta dei Sepoy" in uscita il 14 dicembre per la collana da edicola Le Storie della Sergio Bonelli...
Articolo aggiornato il 15/04/2015

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"Nato a Salerno il 3 giugno 1964, il disegnatore pubblica i suoi primi lavori sulla rivista amatoriale “Trumoon” nel 1983. Disegna alcune storie erotiche per Blue Press e per Ediperiodici, poi collabora con le Edizioni Cioè e con la Acme. Esordisce come autore bonelliano nel 1990 per Dylan Dog, con l’episodio n. 51, “Il Male”. Per la Casa editrice Universo, nel 1992, disegna “Billiteri” (testi di Giuseppe De Nardo); nello stesso anno, realizza anche l’episodio di Nick Raider comparso sul primo Almanacco del Giallo (1993), intitolato “Occhio privato”, su testi di Claudio Nizzi, mentre debutta nella serie regolare con l’albo n. 61, “La lunga ombra”, sempre scritto da Nizzi. Nel 2002 firma il sedicesimo Tex Speciale. Nel 2005 realizza il primo numero della collana Brad Barron. Nel 2011 sono le sue matite a inaugurare la collana Color Tex. (Dal sito della )

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"Bentornato sulle nostre pagine virtuali. Parliamo del tuo ultimo lavoro, in uscita a dicembre, per la collana . Sicuramente hai saputo della preparazione della stessa molto tempo fa. sei stato contattato per verificare la tua disponibilità ad aderire al progetto oppure ti sei “offerto”?
Seppi del progetto più di due anni fa, me ne parlò Marcheselli durante un pranzo a quattr’occhi, l’idea di partenza lui la chiamò “la storia nel cassetto”, dando per scontato che tutti gli sceneggiatori ne avessero a bizzeffe. Andando a verificare scoprì però che nei cassetti c’era ben poco e quindi passò a commissionarle direttamente lasciando totale libertà. Gli “accoppiamenti” con i disegnatori vengono sempre decisi in redazione, e quindi fui chiamato a partecipare quando ci furono già alcune storie pronte, tra cui quella di Peppe De Nardo, mio vecchio pard. Ovviamente la cosa mi piacque e non ebbi problemi a dire di sì.

L’ultima volta che ti abbiamo avuto come gradito ospite sul nostro sito abbiamo parlato dello speciale Tex a colori. Nel frattempo hai realizzato anche il Diabolik 11 (1) e questo volume de Le Storie. Tu saresti un disegnatore di Dylan Dog… e infatti nel frattempo ne è uscito un altro (2) di Dylan da te disegnato. Dal west (“in costume”) all’India coloniale… quale altro momento storico o nuova ambientazione contemporanea (non metropolitana come DD o DK) ti piacerebbe ora affrontare?
Vorrei stare un po’ tranquillo su Dylan, se permetti!

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"
Tavola 5 (c) SBE

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"Quanto tempo ti ha preso la realizzazione del volume e, in percentuale, quanto lo studio grafico dei personaggi e ambientazioni?
Non saprei, dovrei mettermi a fare calcoli complicati, di sicuro lo studio dell’ambientazione e dei costumi fa “perdere” un bel po’ di tempo, col west è più facile e c’è più materiale. Dell’epoca ci sono solo pochi dagherrotipi, tra l’altro i luoghi e gli avvenimenti sono ben precisi, il quadro è storico, gli eventi reali. Un problema per esempio sono state le divise, con tutta la varietà degli accessori e pur avendo a disposizione qualche film e tutti i libri della Osprey ti assicuro che è un ginepraio, ogni battaglione, ogni corpo, ogni manipolo è diverso dall’altro, io non sono un esperto, mi ha dato una mano il mio amico Marco Napoli che pubblicamente ringrazio, ma sicuramente alla fine qualche grezza l’avrò fatta.

Lo hai realizzato contemporaneamente ad altri lavori oppure tutto di seguito? Ritieni che realizzare più lavori diversi contemporaneamente sia un modo di alleggerire lo stress lavorativo?
No, ho preferito mollare momentaneamente Dylan per dedicarmi totalmente ai Sepoy, troppe cose da tenere d’occhio, guai a non inchiostrare subito una tavola, troppi riferimenti, c’è il rischio di non ricordarsi più cosa si stava disegnando!

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"
Tavola 43 (c) SBE

Hai provato ad utilizzare qualche nuova tecnica differenziando in qualcosa il tratto/ inchiostratura/ utilizzo dei neri?
Ho ingrandito leggermente il formato e non ho usato la gabbia fissa a tre strisce, ci sono pochi neri, diciamo che l’ho pensata un po’ alla “francese”.

Esiste una guerra perenne fra disegnatori e sceneggiatori. Considerando che conosci lo sceneggiatore del volume personalmente da svariati decenni, questa “confidenza” ti ha dato licenza di forzare un po’ la mano “contro” il volere dello sceneggiatore o sei stato particolarmente rispettoso delle indicazioni?
No, sono stato abbastanza ligio, e del resto non c’era motivo di dissenso, tranne l’uso delle didascalie che io non amo e che spero abbiano un po’ ridimensionato nella revisione finale (che non ho visto).

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"
Tavola 44 (c) SBE

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"Abbiamo pubblicato, grazie alla gentile concessione dell’editore, alcune tavole in anteprima. Se te ne dovessimo chiedere una a te,  che ti ha maggiormente soddisfatto…
Guarda, ne ho scelte 5; quelle che mi piacevano di più. Poi, come sempre, quando mi riguardo, trovo da ridire su quasi tutto…

A chi ti sei ispirato e/o che criteri hai seguito per definire graficamente Jim e Elizabeth?
Jim era un problema, già il tipo Indiano ha dei tratti piuttosto europei, veniamo dallo stesso ceppo, e non potendo rendere il colore della pelle ho dovuto più giocare sui dettagli dell’abbigliamento o su occhi e baffi. In più Jim era un indiano biondo! Non mi sono ispirato a nessuno in particolare, maneggiando la documentazione ho fatto un po’ di schizzi finché non è venuta fuori una faccia convincente, stessa cosa per gli altri comprimari. Il padre Richard Donovan invece è vagamente ricalcato sulle fattezze di Sean Bean, su indicazione di Peppe.

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"
Tavola 86 (c) SBE

Ti sei divertito di più nel disegnare la parte del “gioco” sentimentale iniziale o la resa dei conti battagliera finale (nessuna delle due non vale come risposta!)?
Mi hai preso per un regista di fotoromanzi? Comunque disegnare scene di battaglia è troppo faticoso, quindi…la prima!

Hai in previsione/realizzati altri volumi per questa collana?
Per ora no, se frantumiamo ogni record di vendite posso pensarci!

Hai avuto modo di leggere qualche volume della serie Le Storie? Che ne pensi come avventura editoriale?
La serie è partita benissimo con due capolavori, un applauso a tutti e quattro gli autori, ora avrà uno sprofondamento qualitativo grazie a me e a Peppe! Spero che si riprenda con i volumi successivi…

Le Storie: intervista a Bruno Brindisi, ai disegni de "La rivolta dei Sepoy"
Tavola 98 (c) SBE

Qui potete trovare alcune tavole con a fronte la sceneggiatura originale dell’albo


Note:
  1. un numero celebrativo dei 50 anni 

  2. il numero 302 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio