SmartComix, il ritorno del fumetto formato smartphone

SmartComix, da una idea di Fabio Celoni, presenta una seconda serie di uscite, tra albi antologici e seriali, frutto di collaborazioni con autori di primo piano.

SmartComix, il ritorno del fumetto formato smartphoneAlla Lucca Comics & Games 2014 avevamo assistito al debutto dell’etichetta SmartComix con dei caratteristici albetti nel formato 13×8, creato appositamente dal deus ex machina .

Dopo le prime uscite, presto esaurite, un lungo periodo di stasi aveva fatto da preludio all’annuncio – circa un anno fa – dell’acquisto da parte della casa editrice  dei diritti di riproduzione dei prodotti SmartComix.

Alla Lucca del 2015, invece, abbiamo finalmente avuto modo di vedere una seconda tranche di proposte, questa volta sotto l’egida Shockdom.

Lucca Comics & Games 2015

Le uscite presentate con un tourbillon di autori presenti hanno riguardato due testate: l’antologica SmartcoMIX, con i numeri 3, 4 e 5 e la nuova testata SmartComix Serial con il numero 1, disponibili anche in versione digitale tramite l’App SmartComix.

Va detto subito che rispetto alle edizioni precedenti la carta utilizzata, non più lucida, la stampa, la rilegatura e l’impaginazione degli albi sono decisamente migliorate e la resa grafica dei diversi tipi di disegno e colorazione è quasi ottimale, a parte alcune pagine un po’ scure. Perfetta, ovviamente, la resa dei disegnatori come Luigi Siniscalchi che realizzano le loro tavole in digitale in bianco e nero.

La testata SmartcoMIX presenta racconti brevi autoconclusivi di circa due dozzine di pagine ognuno; va ricordato però che ogni tavola consta di una singola vignetta. Le storie, tre o quattro a seconda della lunghezza, riempiono gli albetti unitamente alle biografie dei molti e stilisticamente diversi autori.

I nomi degli autori da soli bastano a far capire l’eterogeneità del progetto così come la qualità dei realizzatori: Luigi Siniscalchi, Pino Rinaldi, Mauro Padovani, Fabio Celoni, Maurizio Rosenzweig, Mario Alberti, Francesco Dimitri, Bruno Brindisi, Riccardo Pieruccini, Adriana Coppe, Giuliano Piccininno, Francesca Zambon, Marco Turini, Luca Blenigno, Mauro Uzzeo, Mattia Surroz.

SmartComix, il ritorno del fumetto formato smartphoneMancano solo i copertinisti d’eccezione Claudio Villa, Carmine di Giandomenico e Corrado Mastantuono e il Roberto De Angelis che (dopo Villa e Di Giandomenico) ha prestato la sua opera per le tre tavole dell’haiku a fumetti iniziale (denominato Smart Haiku, struttura particolare fissa di tre tavole di solo testo/poesia e tre tavole disegnate). Se ci viene passato il termine, in pratica una vera e propria orgia di autori nella quale non si fa fatica a volersi immergere.

Vista la quantità delle storie è ovviamente impossibile recensirle singolarmente. Va detto che si tratta di progetti che gli autori hanno portato avanti in totale autonomia e senza alcuna limitazione o indicazione di genere e tipo di realizzazione grafica e che pertanto rientrano generalmente in due tipi di fumetto: quello che avrebbero voluto realizzare di diverso rispetto a quello che abitualmente fanno – come, a titolo di esempio, la storia Uzzeo/Surroz –, oppure quello che abitualmente realizzano, svincolato però dai personaggi che abitualmente realizzano come, ad esempio, la storia di Celoni/Brindisi.

In ogni caso, per essere sintetici, si tratta di prodotti godibilissimi e molto curati. La vignetta singola, per intenderci, gode di una grande attenzione (in alcuni casi parliamo di piccoli dipinti) e la narrazione scorre rapida nel volgere di poche pagine. Proprio questo risulta essere al tempo stesso qualità e criticità del prodotto.

Cosa e perché

Nelle idee iniziali concepito per la leggibilità attraverso lo smartphone (da qui le dimensioni 13×8) il fumetto tipico di una storia SmartComix è il frutto del lavoro di un grande professionista del settore che viene realizzato a latere dei suoi lavori usuali. Portare avanti un progetto di 20 vignette, che corrisponde a 3 o 4 tavole di fumetto, di per sé non è un impegno gravoso e gli autori vi si possono dedicare nei ritagli di tempo con entusiasmo, addirittura riposandosi dal lavoro seriale che talvolta diventa pesante nella sua routine.

SmartComix, il ritorno del fumetto formato smartphoneIl prodotto finale, però, consta in albi di tre storie da venti vignette, che viene apprezzato e goduto ma divorato nel breve volgere di pochissimo tempo. A conti fatti è questa, vista la palese qualità delle piccole storie pubblicate, la scommessa delle edizioni cartacee degli SmartComix: riuscire a convincere il lettore italiano, abituato a tomi poderosi come un albo Bonelli (600 vignette…) o come una raccolta di albi francesi (tre tomi in un unico volume, per un totale di oltre 1000 vignette) ad acquistare storie brevi di qualità ad un prezzo comunque non economicissimo, per un totale di meno di 70 vignette.

Può sembrare un discorso molto ancorato ai numeri e materialistico, ma il fumetto è anche entertainment e quindi deve tener conto – al di fuori delle qualità artistiche che in questo caso sono facilmente riconoscibili ed attribuibili al prodotto – anche di chi di questo entertainment deve fruire e quindi deve scegliere cosa comprare con il proprio budget. E se appassionati lettori senza grossi problemi economici non vorranno privarsi di una storia inedita di Claudio Villa o di Fabio Celoni, magari dipinta, discorso diverso è quello relativo a chi compra fumetti mensilmente districandosi fra uscite da edicola seguite regolarmente e volumi da libreria presi saltuariamente.

SmartCOmix Serial, lo smart è seriale

Discorso simile ma leggermente diverso per l’antologico seriale SmartComix Serial #1. Le tre serie presentate dividono la copertina e hanno un respiro diverso, prevedono un seguito e hanno più tavole a disposizione. Progetti più articolati e pensati quindi, che presuppongono un lavoro di preparazione e progettualità diverso e maggiore rispetto agli one shot della serie precedentemente analizzata.

SmartComix, il ritorno del fumetto formato smartphoneLa prima serie è una rivisitazione del lavoro già realizzato nel 2011 da Giorgio Salati con disegni di Donald Soffritti e con i personaggi di Bookbugs. Per un disguido tecnico un bambino si trova catapultato nella realtà dei personaggi del mondo di fantasia più famosi, da Amleto a Pinocchio, dal capitano Achab a Don Chiscotte. Il suo compito è cercare di risolvere il “bug” rimettendo i personaggi nei loro contesti. Veloce divertissment che gioca con la nostra cultura e i personaggi più famosi della letteratura, disegnato con il giusto tratto cartoonesco da Soffritti, lascia un po’ con l’amaro in bocca vista la velocità con cui conclude il suo primo episodio.

Nel secondo l’autrice Paola Barbato esplora un’altra volta, dopo la serie Davvero e in parte anche dopo aver co-creato la serie Real Life della Panini Comics, il mondo dei teenager, questa volta con una spruzzata di superpoteri. Anche se, come dice lo strillo pubblicitario, Alter Ego non è una storia di supereroi. Ai disegni e colori il tratto pulitissimo e plastico del debuttante Emilio Pilliu, a suo agio sia con le forme femminili che con la resa delle espressioni dei personaggi, il tutto in salsa lievemente aromatizzata al manga. Anche qui siamo appena all’inizio anche se la trama appare abbastanza chiara; ma non è facile in una trentina di vignette riuscire a imbastire un racconto, spiegare al meglio il come dove quando, e riuscire a lanciare ami e agganci per la seconda puntata.

SmartComix, il ritorno del fumetto formato smartphoneUltima, in chiusura di questo excursus cumulativo di quattro albi, la storia di Max Bertolini. Copertinista di gran classe, il disegnatore milanese ci regala il primo capitolo, interamente dipinto, della saga di Comet, conturbante astronauta diciannovenne nella serie Star Cry. Attingendo alle sue passioni (la fantascienza e quanto di più utilizzato in essa, viaggi, colonie, distanze da coprire in decenni, astronavi con intelligenze quasi umane…) e al suo bagaglio artistico, che gli permette di realizzare con la stessa maestria sia galassie che interni di una stanza di adolescente che la stessa provocante ragazza, Bartolini ci consegna, senza far torto a nessuno degli altri autori una delle storie più belle lette su questi volumetti. Un classico della fantascienza, si diceva, che rimanda a tanti e tanti fumetti già visti e storie già lette ma che non smette di affascinare sia per la semplicità degli spunti di partenza che per la qualità del racconto stesso.

Abbiamo parlato di:
SmartComix Serial n.1
Paola Barbato, Giorgio Salati, Emanuele Soffritti, Emilio Pilliu, Massimiliano Bertolini
Shockdom, novembre 2015
176 pagine, brossurato, colori – 10,00 €
ISBN: 9788896275818

Abbiamo parlato di:
SmartComiMIX nn.3 – 4 – 5
AA. VV.
Shockdom, ottobre 2015
144 pagine, brossurato, colori, – 7,00 €
ISBN: 9788896275788 – 9788896275795 – 9788896275801

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio