The Shadow Planet (Blasteroid Bros)

Una fine peggiore della morte: l’horror spaziale tra Alien e Lovecraft.

The Shadow Planet (Blasteroid Bros)

The Shadow Planet è il quarto progetto dell’etichetta Radium, dopo Rim City, Quebrada e Zeroi L’incipit è il più classico possibile della fantascienza  cosmica: una missione spaziale si avventura per caso in un pianeta dove qualcosa – o meglio tutto – è andato storto. Tuttavia, lo sceneggiatore si muove in un buon equilibrio tra gusto retrò, citazioni (si rintracciano elementi da Alien contaminati con Lovecraft, ma anche qualcosa del Ray Bradbury di certe Cronache Marziane) e soluzioni originali,  presenti sempre come variazioni di una partitura nel complesso abbastanza fissa. 
I disegni di col loro design raffinatamente antiquato  contribuiscono all’effetto nostalgia, mentre le scelte cromatiche del colorista Alan D’Amico accentuano la sottile somiglianza  con il segno di Moebius. L’impostazione delle tavole segue questa linea, dinamica ma non troppo, quasi a ricordare a tratti certo horror spaziale d’antan, certi fumetti EC Comics anni ’40, bistrattati ma debitori della science fiction dell’età dell’oro, caricata a fosche tinte. Si tratta di un fumetto godibile, un’ennesima variazione nell’immaginario di uno spazio profondo che non perde mai il suo fascino.

Abbiamo parlato di:
The Shadow Planet
Giovanni Barbieri, Gianluca Pagliarani, Alan D’Amico
Saldapress, 2017
96 pagine a colori, brossurato – 12,90 €
ISBN: 9788869192241

The Shadow Planet (Blasteroid Bros)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio