Zio Paperone e il satellite bomba (Chendi, Cavazzano)

Arriva negli Stati Uniti la seconda avventura con OK Quack come coprotagonista: il classico di Carlo Chendi e Giorgio Cavazzano su Uncle Scrooge #33.

Zio Paperone e il satellite bomba (Chendi, Cavazzano)Dopo la pubblicazione della sua prima avventura su Uncle Scrooge #30, Ok Quack, il papero alieno ideato da e , torna sul #33 del mensile IDW con una spettacolare copertina di Jonathan Gray nella sua seconda avventura, Zio Paperone e il satellite bomba. Uscita originariamente su Topolino #1354 (1981), viene tradotta sempre da Gray come Scare of the Sky Satellite! e vede il simpatico alieno ospite di Paperone nel suo deposito delle monete, messo a rischio da un satellite artificiale difettoso che sta per cadere esattamente sulla Collina Ammazzamotori.
Tra una gag e l’altra, sarà proprio OK Quack a salvare denaro e cassaforte, grazie ai suoi poteri di telecinesi, prima dal satellite e poi dai Bassotti, che cercheranno di non lasciarsi sfuggire l’occasione del deposito in pericolo per mettere le mani sulle sostanze di Paperone. L’ottimo Cavazzano dell’epoca, che sta sempre più raffinando il tratto del decennio precedente, spicca soprattutto in alcune quadruple spettacolari, in particolare quelle in cui OK Quack solleva il deposito.
La storia dinamica di Chendi, ricolorata dai Digikore Studios in maniera più coerente con la tradizione statunitense, non perde efficacia nella traduzione di Gray; in alcuni casi utilizza espressioni gergali che, però, risultano più che comprensibili anche non conoscendo la storia italiana.

Abbiamo parlato di:
Scare of the Sky Satellite! su Uncle Scrooge #33
Carlo Chendi, Giorgio Cavazzano
Traduzione di Jonathan Gray
#33, dicembre 2017
32 pagine, spillato, colori – 3,99 $
Prima edizione italiana su Topolino #1354, 8 novembre 1981
Ultima ristampa italiana su Topolino Extra Edition, Speciale #79, 27 ottobre 2017

Zio Paperone e il satellite bomba (Chendi, Cavazzano)
Confronto tra la nuova colorazione USA (a sinistra) e quella italiana (a destra)
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio