Salone del Libro di Torino 2016: cifre e considerazioni

Pochi avrebbero scommesso sul successo del XXIX Salone Internazionale del Libro di Torino, invece l'anno della crisi si è trasformato in quello della rinascita.

Salone del Libro di Torino 2016: cifre e considerazioni

Un’edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino questa del 2016 che non ti aspetti, con i biglietti staccati dopo cinque giorni di fiera che hanno registrato un incremento del 4,04% rispetto al 2015: un ottimo segnale di ripresa che sa di rivincita per la città e l’organizzazione che rischiavano seriamente di perdere questo importante evento.

Salone del Libro di Torino 2016: cifre e considerazioniA detta di molti, questa doveva considerarsi l’ultima edizione del Salone a Torino, viste le ultime difficoltà che però sono state superate egregiamente, registrando oltre all’incremento dei visitatori anche l’aumento degli editori presenti in fiera, il relativo aumento delle vendite di libri e i numerosi eventi organizzati. L’inserimento del biglietto serale, al suo debutto a € 5,00 nella fascia oraria dalle 18:00 alle 22:00 (il giovedì, domenica e lunedì) e 23:00 (il venerdì e sabato) ha quasi triplicato il numero di ingressi con 18.084 biglietti staccati contro i 6.143 dell’edizione precedente, il 294% in più.

Salone del Libro di Torino 2016: cifre e considerazioni

Ottime le vendite nei vari stand che, con picchi positivi fino al 40% rispetto all’anno passato, reagiscono all’avvento del digitale sempre più a portata di tutti e che avrebbe dovuto decretare un lento declino della carta stampata a discapito di tablet e eReader.

Anche la Nona Arte si è ritagliata un importante spazio all’interno del Salone, con l’immancabile Libreria del Fumetto, gestita da PopStore all’interno del Bookstock Village, che ha incrementato del 10% le vendite con circa settemila volumi totali venduti, ospitando anche sessioni di firme e disegni presso lo stand e organizzando vari laboratori per ragazzi.

Salone del Libro di Torino 2016: cifre e considerazioni

Il Boockstock Village, sede protagonista degli eventi ospitati nell’omonima Arena per le presentazioni degli ultimi volumi e gli incontri con i lettori, ha registrato affluenze record per Zerocalcare, Sio, Leo Ortolani e Silver, testimonianza di quanto il fumetto italiano stia vivendo un grande momento di interesse anche da parte dei media che sempre più ne parlano e lo valorizzano.

Salone del Libro di Torino 2016: cifre e considerazioniNumerose infatti sono le case editrici presenti al Salone: Bao Publishing, e SBE, Shockdom, Tunuè, Rw Edizioni, Magic Press e Manicomix. Scelta giustamente premiata dall’apprezzamento del pubblico, vista l’affluenza numerosa negli stand durante le sessioni firme e disegni che creavano anche ingorghi nei corridoi costringendo l’organizzazione ad arginare e limitarne l’accesso nelle ore di punta.

L’unica nota negativa riguarda la gestione dell’accesso del pubblico alle sale conferenze. Non sempre tutti hanno potuto partecipare agli incontri e presentazioni, in quanto determinati eventi forse sono stati “sottovalutati” dall’organizzazione provocando malcontento generale. Il Centro Espositivo del Lingotto Fiere di Torino con i suoi tre padiglioni dedicati al ha la possibilità di dedicare molto più spazio per le sale “minori”, vittime di code estenuanti che ne hanno bloccato l’accesso da parte del pubblico: episodio che serva da esempio per le edizioni future.

Salone del Libro di Torino 2016: cifre e considerazioniPossiamo dunque parlare di un vero e proprio successo di pubblico e visibilità, con un’ottima organizzazione dell’accesso alle biglietterie, filtrato precedentemente dalle postazioni di controllo per la sicurezza, con inoltre la possibilità di effettuare l’acquisto del biglietto online – il cosiddetto Print at H@me – che consentiva di accedere direttamente ai padiglioni da un ingresso privilegiato, saltando la coda.

Ci auguriamo che anche la prossima edizione del Salone Internazionale del Libro possa essere organizzata a Torino e che le cifre positive di questa annata vengano ancora migliorate.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio