Il rustico cavallerizzo – Topolino #3125 (Radice, Turconi)

Su Topolino l’ultimo episodio di Pippo Reporter, una storia in due atti che chiude il ciclo di Radice/Turconi.
Articolo aggiornato il 20/12/2016

Il rustico cavallerizzo – Topolino #3125 (Radice, Turconi)Da tempo e avevano affermato di non voler protrarre all’infinito Pippo Reporter, il ciclo di storie ambientato negli anni ’30 da loro creato nel 2009.
Con Il rustico cavallerizzo la coppia tiene fede alle proprie parole, scrivendo un racconto che chiude le sottotrame sviluppate nel corso degli episodi senza rinunciare a raccontare una storia valida di per sé, incentrata sull’opera lirica e che omaggia La cavalleria rusticana in particolare, con un fine gioco di simmetrie tra le vicende della rappresentazione e quelle dei protagonisti.
Non solo: la Radice approfitta di questo capitolo finale per inserire alcune citazioni a Walt , all’abbigliamento originale di Topolino e Pippo e in generale alla pluridecennale storia dei due personaggi e delle loro avventure, trasformando così il commiato in un commosso omaggio ai due personaggi.
Lo sviluppo in due parti consente alla sceneggiatrice la gestione ottimale degli elementi narrativi, ma non dei personaggi secondari, come gli attori della rappresentazione e il gruppo di criminali locali, che non riescono ad emergere nonostante le buone caratterizzazioni di base e un character design sempre diverso ed elaborato ad opera di Turconi.
Il disegnatore riconferma ancora una volta l’eccellente qualità del suo lavoro, con vignette ricche di dettagli che invitano il lettore a soffermarsi su ogni singola tavola – anche grazie ad alcuni inside jokes presenti – e con personaggi vivi e dinamici che sono espressione dello stile Disney più puro.

Abbiamo parlato di:
Pippo Reporter: Il rustico cavallerizzo
Teresa Radice, Stefano Turconi
Disney-Panini Comics – Topolino #3125, 14 ottobre 2015
41 pagine, brossurato, colori – 2,50 €
ISSN: 9 771120 611001 53125

Il rustico cavallerizzo – Topolino #3125 (Radice, Turconi)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio