In ricordo di Guido Crepax: “In arte… Valentina”

In ricordo di Guido Crepax: "In arte... Valentina"
Comunicato stampa: per ricordare Guido Crepax la Galleria-Libreria d’Arte Babele inizia in grande stile il nuovo anno con la mostra “In arte... Valentina”.
Articolo aggiornato il 10/06/2015

Comunicato Stampa

Per ricordare GUIDO CREPAX, uno tra i più importanti artisti internazionali del mondo dei comics, scomparso dieci anni fa, la Galleria-Libreria d’Arte In ricordo di Guido Crepax: "In arte... Valentina"Babele inizia in grande stile il nuovo anno con la mostra “IN ARTE… VALENTINA”.

In programma dal 16 Febbraio al 30 Marzo 2013, questa raffinata e inedita rassegna, curata con gusto impeccabile da Laura Accordi, si pone all’attenzione del pubblico quale citazione dell’arte autorevole nella particolare forma artistica del fumetto.

Inaugurazione: sabato 16 febbraio, alle ore 17.30, alla Galleria-Libreria d’Arte Babele (Firenze, via delle Belle Donne 41/r).

Tra le opere in mostra, si potranno ammirare 22 tavole originali realizzate a inchiostro di china e 6 preziose litografie, provenienti dall’archivio Crepax, tratte da storie che raccontano la passione di Valentina per l’arte raccolte nel bel volume In arte… Valentina (2001, Lizard Edizioni): testimoni di una cultura profonda, di una radicata e intima passione per le arti figurative e di un’abilità tecnica certo non comune.

 “In questa esposizione – afferma Laura Accordi – ho voluto rendere ogni tavola un unicum, distanziandola dalle altre, affinché il pubblico, potendo leggerne i particolari, potesse intraprendere un viaggio immaginario attraverso stili e tendenze artistiche diverse”.

“Si tratta di una quadreria – spiega Accordi – in cui emerge la personalità di un disegnatore veramente appassionato d’arte, che dialoga con i grandi maestri del Novecento e che sente l’esigenza di avvicinare il pubblico al mondo dell’estetica in maniera più delicata e più spontanea”.

Ecco dunque che la sua eterea e sensuale creatura di carta, Valentina, non a caso fotografa di professione, con il suo compagno di vita Philip Rembrandt, non a caso critico d’arte, ci conducono, fra vernissage, feste e visite nei diversi atelier a “dare del tu” a personalità del calibro di Moore e di Kandisnsky. Sono questi gli elementi reali che si mescolano a una dimensione onirica, fra sogno e realtà: una Valentina mondana, erotica, ludica, ma sempre collocabile in un contesto tangibile, che comunica con sculture che parlano, rendendo possibile il sogno di Michelangelo di dare voce e movimento alle opere plastiche.

“Crepax si è sempre preoccupato di costruire intorno a Valentina un mondo credibile. – ricorda il figlio Antonio – Dalla data di nascita, alla carta d’identità, al suo naturale e costante invecchiamento (unico caso nel mondo dei fumetti): tutto è una fedele riproduzione di un quotidiano possibile, che fornisce ulteriore spessore al personaggio di Valentina, avvicinandolo alla psicologia di una donna reale”.

La mostra propone inoltre due delle numerose tavole originali realizzate per la Salomè di Oscar Wilde (relative a un allestimento teatrale andato in scena a Milano nel 2000 e pubblicate tutte nel volume Eroine alla fine edito da Lizard), oltre a un consistente numero di stampe e a due teatrini, ispirati al lavoro del padre, realizzati in cartone e collaggio dalla figlia Caterina. A corredo, le Chinediferro: piccole silhouette tagliate su lamiera d’acciaio da Giulio Pellegrini, geniale artigiano-illustratore, che con le sue riproduzioni seriali è riuscito a dare tridimensionalità ai personaggi del fumetto.

Vasta anche la selezione di pubblicazioni dedicate all’artista e ai suoi personaggi più famosi: dai preziosi volumi in seta nera, l’Histoire d’O e Casanova, che Crepax realizzò in un numero limitato di copie per l’editore Franco Maria Ricci, con le tavole stampate in serigrafia; alla raccolta di storie della Black Velvet o della Salani, che ha arricchito la scelta con divertenti piccoli gadget. Alla Valentina bambina è invece dedicato il Cd-libro Bonne Nuit: una raccolta di ninne nanne in chiave jazzistico-acustica, un meraviglioso viaggio fra sogno e realtà raccontato da Antonio Crepax in omaggio alla grande passione del padre per il jazz.

Realizzata nell’ambito di una retrospettiva dedicata a anche in altri eventi espositivi a tema – La Milano di Valentina (Milano, Galleria Nuages), Valentina e il mare (Napoli, Galleria HDE), Valentina e il cinema (Roma, Galleria Cart) – la mostra “IN ARTE VALENTINA” seguirà il seguente orario: dal martedì alla domenica, dalle ore 10.30 alle 19.30. L’ingresso è gratuito.

per informazioni: www.babelefirenze.com

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio