I ricordi di tutta la vita: Le memorie di Emanon

"Le memorie di Emanon" di Shinji Kajio e Kenji Tsuruta; il breve amore di un giovane uomo e di una ragazza, metafora della storia del genere umano

I ricordi di tutta la vita: Le memorie di EmanonIl 24 febbraio del 1967 un giovane studente incontra una misteriosa ragazza su una nave diretta a Kochi.
La giovane donna, che si fa chiamare Emanon, racconta al ragazzo di incarnare la memoria del genere umano: ricorda ogni attimo della storia dell’uomo, dal primo stadio dell’evoluzione unicellulare fino alle più grandi catastrofi compiute scientemente durante le guerre. La vagabonda ha talvolta provato a rivelare la sua anomalia ad altre persone, ma ciò l’ha resa oggetto di curiosità spiacevoli e l’ha indotta a tacere per secoli, senza potersi giovare del sollievo della perdita dei ricordi e senza riuscire a comprendere lo scopo della sua esistenza.

Tratto da un romanzo di grande successo di Shinji Kajio Le memorie di Emanon sviluppa una profonda riflessione sul peso della memoria storica nella vita di ciascuna persona e sulle conseguenze dell’oblio degli errori commessi.

L’identificazione dei lettori con i protagonisti è immediata e spontanea, facilitata dalla mancanza dei nomi dei personaggi, che l’autore omette volontariamente, creando per la vagabonda un soprannome fittizio, “Emanon”, inversione dell’espressione inglese “no name”: senza nome.
I ricordi di tutta la vita: Le memorie di EmanonNonostante la natura eccezionale dell’anomalia di Emanon il lettore è comunque indotto a provare nei suoi confronti un forte senso di empatia, a guardarla con gli stessi occhi innamorati del protagonista. Questo è reso possibile sia dalla libertà che l’autore, Shinji Kajio, concede al protagonista e a chi legge di credere o meno alla sua storia.

Alla credibilità di Emanon contribuiscono anche la forza di seduzione della ragazza e il potere consolatorio della sua esistenza grazie alle quali nessuna vita umana, nemmeno la più breve o anonima, sarà mai dimenticata. Qualunque essere umano infatti desidererebbe che la propria singola vita, un semplice anello della catena evolutiva, fosse ricordato per sempre.
Immerso nella sospensione del tempo e dello spazio suscitato dal viaggio per mare, il lettore è messo a suo agio, avvolto dal calore emanato dalla nascita di un rapporto sincero, ma al tempo stesso viene condotto dall’autore a fare considerazioni complesse sulla natura e il destino dell’umanità.

I ricordi di tutta la vita: Le memorie di EmanonShinji Kajio infatti pur mettendo in scena una tenera storia d’amore racconta in realtà il rapporto tra ogni essere umano e la propria essenza profonda, tra il ricordo individuale e finito e la memoria collettiva e infinita dell’evoluzione iscritta nei geni, di cui ciascuna persona è, pur se inconsapevolmente, concreta e diretta espressione.

L’abbondanza dei primi piani e l’intensità di espressione di sguardi e ritratti dei personaggi a opera del disegnatore Kenji Tsuruta costituisce l’ideale realizzazione grafica della trama, il realismo della rappresentazione delle strutture della nave, anonima, uguale a innumerevoli imbarcazioni simili e facilmente riconoscibili dall’esperienza dal lettore, si affianca altresì efficacemente alla riproduzione delle figure umane idealizzate, che sembrano talora galleggiare negli spazi del traghetto.

Sceneggiatura e disegno si combinano così perfettamente, e riescono a infondere nel lettore la sensazione di trovarsi in un ambiente reale con Emanon, un personaggio la cui improbabile esistenza è credibile, profondamente seducente e rassicurante.
Lo spazio che il viaggio concede alla riflessione induce a soffermarsi sull’importanza della consapevole custodia sia della memoria personale destinata alla dissoluzione che di quella collettiva che resiste alla morte, garanzie del senso dell’esistenza del protagonista e di Emanon nel reciproco ricordo l’uno dell’altra.

Abbiamo parlato di:
Le memorie di Emanon
Shinji Kajio, Kenji Tsuruta
Traduzione di Federica Lippi
, 2015
184 pagine, brossurato, b/n e colori – 12,90 €
ISBN: 9788891258540

 

 

2 Commenti

2 Comments

  1. Francesco

    16 febbraio 2016 a 15:44

    un capolavoro, questo fumetto!

    • Simone Brusca

      Simone Brusca

      21 febbraio 2016 a 19:54

      Sono contento che ti sia piaciuto ;)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio