Rat-Man #108 – Il trionfo dei morti viventi (Leo Ortolani)

Si conclude senza infamie e senza lode, sulle pagine di Rat-Man, la saga di The Walking Rat realizzata da Leo Ortolani.

Rat-Man #108 – Il trionfo dei morti viventi (Leo Ortolani)Il gran finale che confeziona per la sua parodia di The Walking Dead non può dirsi inefficace, ma manca di qualcosa per essere veramente riuscito. Dopo l’imprevedibile numero precedente, nel quale la storia prendeva una piega intelligente grazie alla divertente satira sui lettori di fumetti, ben integrata nella trama generale, era forse lecito aspettarsi di più da una conclusione che invece non sorprende particolarmente e offre uno sviluppo piuttosto convenzionale. Non mancano i guizzi narrativi, come l’immagine dei morti che seppelliscono i vivi o l’introduzione all’albo in cui si immagina la resurrezione di Lazzaro in salsa zombie, ma nel complesso la contesa tra il protagonista e il villain Anubi si risolve senza particolari sorprese. L’unica eccezione si trova nel piano messo in pratica da Fetoardo, il feto non-nato che accompagna TopoMan fin dall’inizio della storia, che effettivamente si rivela ben orchestrato.
Cionondimeno, l’epica della narrazione è ben presente e anche senza particolari sorprese la storia è piacevole, anche grazie ai bei disegni di Ortolani che rappresenta le scene più drammatiche con un tratto deciso e sensazionalistico, che colpisce l’occhio del lettore.

Abbiamo parlato di:
#108 – Il trionfo dei morti viventi
Leo Ortolani
, maggio 2015
64 pagine, brossurato, bianco e nero – 2,50 €
ISSN: 9 771828 890005 50108

Rat-Man #108 – Il trionfo dei morti viventi (Leo Ortolani)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio