Quebrada: Seconda Caduta – La religione delle maschere

Torna Quebrada, il “Sin City in salsa guacamole” di Matteo Casali, coadiuvato da Michele Bertilorenzi alle matite per il Progetto Radium.
Articolo aggiornato il 18/01/2017

Quebrada: Seconda Caduta - La religione delle maschereDopo circa 17 anni torna nelle librerie nostrane la città di nella quale i Luchadores, oltre a essere figure idolatrate dal pubblico, gestiscono anche la malavita organizzata. Creata nel 1999 da e da Giuseppe Camuncoli per la Innocent Victim, la serie dedicata alla “Sin City in salsa guacamole” torna grazie ai tipi del , in collaborazione con che ha già ripubblicato una versione extended della prima miniserie.

Nel mondo degli appassionati di questo sport-spettacolo si dice che: “negli USA il wrestling è una buffonata, nel Regno Unito è tradizione, in Giappone è uno sport e in Messico una religione”. È probabile che Matteo Casali avesse in mente tale massima al momento della creazione di questa miniserie nella quale La Cruz, wrestler dal piglio messianico, sembra avere un ruolo sempre più importante.

Il titolo è infatti un gioco di parole tra la “segunda caida” del wrestling messicano, il secondo dei tre round dei match, e il concetto cristiano del “secondo avvento”.

Seconda Caduta però non è concepito come sequel de La città delle Maschere, ma come un altro tassello che completa il mosaico di questo racconto corale che è Quebrada. Come succedeva anche nella prima miniserie manca, ovviamente per scelta, un protagonista che spicchi su tutti: Rey Negro, Pasión, Ultra Sombra e gli altri luchadores non sono altro che singoli elementi di un affresco più grande: quello della città di Quebrada.

Quebrada: Seconda Caduta - La religione delle maschereVolendo proporre una storia legata alla prima miniserie ma leggibile a sé stante, Casali utilizza questo primo albo per reintrodurre i personaggi e i rapporti che intercorrono tra questi. In tal senso risultano ben congegnate le pagine d’apertura che, oltre a presentare sei dei protagonisti, riescono a delineare in maniera efficace l’ambientazione in cui si muovono.

Convincente la prova del duo “americano” (sia Casali che Bertilorenzi hanno lavorato parecchio con editori USA), che imposta il racconto sul formato – 22 pagine a colori – e sui ritmi tipici del fumetto statunitense.
Proprio grazie a questa formazione le pagine che sembrano funzionare meglio sono quelle maggiormente destrutturate, più affini all’impostazione comic-book, di quelle più strettamente ingabbiate, segno che gli autori hanno fatto propri determinati stilemi narrativi: interessante anche l’uso insistito delle didascalie nella gestione delle transizioni tra le diverse scene.

Quebrada: Seconda Caduta - La religione delle maschereMichele Bertilorenzi (coadiuvato ai disegni da Stefano Landini) opta per un tratto essenziale, sebbene realistico, che dà il giusto spazio ai colori di Claudia Palescandolo; in alcune tavole però esagera nella sintesi, lasciando alla colorista l’incombenza di riempire gli sfondi altrimenti troppo scarni.

Rispetto alla prima miniserie, Seconda Caduta sembra presentarsi come un racconto unico più coeso, laddove La città delle maschere aveva una struttura più episodica e maggiormente slegata. Dalle ultime pagine di questo primo capitolo introduttivo si direbbe che le intenzioni siano quelle di realizzare un racconto hard boiled dal ritmo serrato, sulla falsariga del 100 Bullets di Azzarello/Risso.

Abbiamo parlato di:
Quebrada: Seconda Caduta #1
Matteo Casali, Michele Bertilorenzi, Stefano Landini
Radium, Aprile 2016
22 pagine, colore

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio