Un “Punto di rottura” per Diabolik ed Eva Kant

Un conflitto di coppia tra Eva e Diabolik fa da sfondo a una storia intricata e dal buon ritmo sceneggiata da Roberto Altariva e disegnata da Emanuele Barison.

L’ispirata copertina di stampo escheriano di Matteo Buffagni ben sintetizza la storia contenuta nel secondo Grande del 2017: la divergenza di opinioni fra i due protagonisti, e pure il loro differente approcciarsi al conflitto, sono ben rappresentati dalle figure disegnate su piani distanti, con la mano protesa di Eva a tentare di fermare un impassibile Diabolik.

Un "Punto di rottura" per Diabolik ed Eva KantLa storia prende le mosse dal momento in cui Eva Kant mette a rischio la riuscita di un colpo a causa del suo amore per gli animali, anteponendo la sua morale alla riuscita dei piani criminosi della coppia.
Il sabotaggio della compagna, seppure involontario, non viene accettato da Diabolik, che considera la sensibilità di Eva come una vera e propria debolezza. Ne segue un litigio, preludio al punto di rottura del titolo, che a sua volta è “solo” il volano che dà impulso allo svolgersi di una trama molto articolata.

Come abbiamo scoperto nella nostra intervista,  il soggetto originale di Roberto Altariva è rimasto nel cassetto per diversi anni prima di ricevere l’imprimatur da parte di Mario Gomboli e venire revisionato da , per poi tornare nelle mani di Altariva per la sceneggiatura. Curiosamente, l’ultimo Grande Diabolik non sceneggiato da Faraci è stato Diabolik contro Eva, il secondo del 2007 scritto da Patricia Martinelli, anch’esso incentrato su un conflitto fra i due eterni innamorati.

La peculiarità delle storie di Diabolik risiede certamente nella non linearità del racconto: accade sempre che il flusso narrativo si interrompa affinché i protagonisti si fermino a rievocare eventi, in modo da permettere al lettore di ricomporre la cronologia degli accadimenti in modo inequivocabile.

In Punto di rottura, Altariva sublima con mestiere l’applicazione di questo canovaccio, sfruttando appieno l’ampio respiro concesso dalla foliazione dello speciale per dipanare interamente l’intreccio.
Sono diversi i rimandi all’indietro nella trama, il lettore si ritrova a rivivere diverse scene fino a quel momento del tutto coerenti con la storia, ma la cui reale valenza narrativa si palesa solamente grazie alla rivelazione di particolari decisivi per lo sviluppo, custoditi gelosamente dall’autore sino alla lunga sequenza che conduce al finale.

Un "Punto di rottura" per Diabolik ed Eva Kant

Lo stile del decano degli speciali estivi , fra i più personali dell’intera scuderia di disegnatori di Diabolik, ben si sposa con il grande formato, che permette maggiore libertà nella composizione delle tavole.

Un "Punto di rottura" per Diabolik ed Eva KantBuoni gli equilibri tra i soggetti, le campiture di nero e i retini (opera di Leonardo Vasco), particolarmente azzeccate le scene in notturna, soprattutto la lunga sequenza che si svolge nella villa (pp. 26-55) in cui sono ottimamente descritte le dinamiche degli assalti alla sorveglianza da parte di un Re del Terrore particolarmente risoluto.

La rappresentazione dello scontro fra Eva e Diabolik, stante la glaciale imperturbabilità di quest’ultimo, che vacilla solo in un’occasione, è rappresentata principalmente attraverso i diversi primissimi piani sul volto di Eva, la cui mimica facciale ben sottolinea la diversa natura degli stati d’animo della protagonista lungo il corso della lite, dalla rabbia alla delusione.

In fin dei conti, alla chiusura dell’albo, la crisi di coppia passa decisamente in secondo piano, lasciando il campo a una storia ben costruita, che però perde un po’ di smalto in considerazione delle aspettative venutesi a creare, non solo all’interno del mondo del fumetto.

Abbiamo parlato di:
Il Grande Diabolik 2/2017 – Punto di rottura
Tito Faraci, Roberto Altariva, Emanuele Barison
, luglio 2017
196 pagine, brossurato, bianco e nero – 4,90€
ISBN 97771127102007

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio