“Pensavo fosse amore invece era Matteo Renzi” di Mario Natangelo

L'ultimo libro di Mario Natangelo: “Pensavo fosse amore invece era Matteo Renzi”.

Comunicato Stampa

“Pensavo fosse amore invece era Matteo Renzi” di Mario Natangelo

Cosa c’entra MATTEO RENZI con l’AMORE?

Una coppia nasce, cresce e muore ai tempi di Matteo Renzi. Lui è un disegnatore disilluso, lei una militante infervorata. Si troveranno – loro malgrado – a vivere una “House of Cards” all’italiana, alle prese con l’ascesa al trono della politica italiana – Palazzo Chigi – di uno spregiudicato e ambizioso politico di provincia, Matteo Renzi: i duelli per la presa del Partito, l’assassinio politico di un presidente del consiglio, la scia di sangue e tradimenti che porteranno alla nascita non solo di un nuovo governo, ma di una nuova epoca. Tutto ciò che questo Nuovo Mondo trova di traverso sulla sua strada viene distrutto. Anche l’amore. O forse no?

Una parodia sui trentenni di oggi e sull’intimismo autoreferenziale della facebook generation, in cui politica e vita quotidiana si mescolano senza soluzione di continuità. I problemi e le paure della vita di ogni giorno si confondono con le nevrosi di Grillo e dei suoi grillini, con quel che resta di Berlusconi, con il lavoro quotidiano in un grande giornale, con un Travaglio grillino sfegatato, con il processo a Zerocalcare, con psicologi berlusconiani e con i lettori che vogliono ridere ogni giorno, ad ogni costo. Senza tralasciare Casaleggio, il Pd e l’Italia di oggi, fino a varcare le Alpi e arrivare a Charlie Hebdo e ai fantasmi neri dei suoi morti ammazzati. Lo scontro fra il vignettista e la sua creatura diventa una riflessione sulla satira post “je suis Charlie”, con una narcisistica ed egotica caricatura di Matteo Renzi che – come il mostro di Frankenstein – sfugge completamente al controllo del suo creatore in un finale tutt’altro che scontato.

Con la prefazione di MARCO TRAVAGLIO.

MARIO NATANGELO

Nato a Napoli nel dicembre 1985, è giornalista professionista. Dal settembre 2009 disegna ogni giorno una vignetta per Il Fatto Quotidiano, oltre a reportage grafici e strisce. Laureando in giurisprudenza, esordisce come disegnatore nel 2007 con L’Unità e, dopo un anno di studio all’estero, si trasferisce a Roma dove attualmente vive e lavora. Ha disegnato per Linus, collabora con Smemoranda e ha realizzato copertine e illustrazioni per molte riviste e case editrici. Ha all’attivo due libri: “Napolitano! Sesso, moniti e Rock’n’roll” (Aliberti editore) e “2012 con Loden” – insieme a Vauro – per Il Fatto Quotidiano. Ha ricevuto il 40° Premio per la satira politica di Forte dei Marmi.

Titolo: Pensavo fosse amore invece era Matteo Renzi
Autore: Mario Natangelo
Formato: 15×21 cm; 144 pp.; Bross. con bandelle; Col.
Prezzo: € 14,00

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio