Il nuovo lavoro di Ratigher è “La notte è dei fantasmi”

Ratigher, al secolo Francesco D'Ermino, ha annunciato il suo nuovo progetto: "La notte è dei fantasmi".

, al secolo Francesco D’Erminio, ha annunciato il suo nuovo progetto dopo il grande successo di pubblico e critica ottenuto con il libro “Le Ragazzine“. Annunciando l’uscita de “La notte è dei fantasmi“, il geniale e simpatico autore, che questo mese esordisce anche come sceneggiatore di Dylan Dog nella testata principale, sembra volere continuare a raccontare e sviluppare lo scenario che ha iniziato a prendere forma  nel precedente volume.

Il nuovo lavoro di Ratigher è "La notte è dei fantasmi"

Per capire meglio di cosa si tratta, abbiamo contattato direttamente l’autore che ci ha gentilmente spiegato cosa aspettarci da “La notte è dei fantasmi” .

“La notte è dei fantasmi” è uno spin off de “le Ragazzine“, si ambienta cioè nello stesso mondo ma i protagonisti della storia sono altri studenti della stessa classe. Anche il genere di racconto sarà diverso, sarà infatti una sorta di teen thriller: ritmo convulso e molti colpi di scena. Per la prima volta userò dei riferimenti diretti alla contemporaneità e al rapporto con la rete. Non sarà esattamente un libro, ma un racconto di 48 pagine, più simile ad un albo americano che a un graphic novel. I formati brevi, come per le Ragazzine, hanno grandi potenzialità e vorrei continuare a scrivere e disegnare storie di questo tipo. Fondamentalmente sono molto veloci da realizzare ed è possibile sperimentare una forma di scrittura iper compressa, nessuna vignetta superflua. L’albo uscirà per la , che ha da poco ristampato in edizione economica “Trama“, il mio primo libro. Motta e Castracani prenderanno parte alla festa.  – Ratigher

LEGGI LA RECENSIONE DE “LE RAGAZZINE” A CURA DE LO SPAZIO BIANCO: Il colore dell’adolescenza: “Le ragazzine stanno perdendo il controllo” di Ratigher 

LEGGI LA RECENSIONE DI “TRAMA” A CURA DE LO SPAZIO BIANCO: Il colore dell’adolescenza: “Le ragazzine stanno perdendo il controllo” di Ratigher 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio