A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’Avena

Il parco divertimenti di Miragica ha ospitato l’annuale raduno cosplay, chiudendo la giornata con uno strepitoso concerto di Cristina D’Avena.

Il Parco divertimenti di Miragica a Molfetta ha archiviato con palese soddisfazione degli organizzatori la quinta edizione del Miragica .

A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’Avena

Definito non senza qualche eccesso dalla dirigenza del parco come “il più grande raduno cosplay della Puglia”, l’evento può vantare il primato di precursore del genere nella regione. Era il settembre 2010 quando Molfetta ospitò per la prima volta i cosplayer e il loro colorato e ancora sconosciuto mondo: il Parcosplay – questo il nome che gli venne dato – fu salutato dagli appassionati del genere come una sorta di miracolo nell’allora desolante panorama pugliese a riguardo, oltre a suscitare l’ilarità di qualcuno e l’interesse di molti altri. È da ricordare anche il tentativo di allestire una versione a tema horror in occasione della festa di Halloween del 2011, che evidentemente per lo scarso successo riscosso non è più stata replicata. Solo anni più tardi sarebbero arrivati fiere come il B-Geek di Bari e piccoli raduni dagli alterni successi poi sorti in diverse città e paesotti nelle sei province pugliesi.

A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’AvenaQuello che è parso evidente in questa quinta edizione è che il fenomeno cosplay, almeno in un contesto come quello di Miragica, sembrerebbe in calo. L’affluenza di cosplay registrata nella giornata del 22 agosto è stata nettamente inferiore rispetto alle prime tre edizioni, e la qualità dei costumi sempre più artigianale, là dove l’aggettivo ‘artigianalé non è sinonimo di aderenza alla tradizione del cosplaying che vorrebbe i costumi realizzati a mano da chi li indossa. Molti personaggi sono sembrati interpretati in modo sciatto, approssimativo, per nulla fedele agli originali fumettistici o cinematografici e pochi sono stati i cosplayer che hanno spiccato in originalità, creatività e cura dei dettagli.

Fra questi da segnalare alcuni partecipanti al contest svoltosi nel pomeriggio all’interno del teatro di Miragica. In particolare una giovane Mulan (Stefania Ghio) che ha impersonato con grazia e misura l’eroina cinese del lungometraggio Disney, cantando (se pur in playback) la commovente canzone Riflesso. A lei il Premio per il miglior costume femminile.

A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’AvenaParticolare simpatia hanno suscitato nel pubblico le giovanissime cosplayer di Lara Croft (Eleonora D’Aquino) e di Emi e Mai. La prima ha raccontato, dopo la sua convincente esibizione, di aver scoperto i cosplay proprio a Miragica lo scorso anno e di aver deciso di impersonare il personaggio deivideogames cui ha visto giocare sua sorella maggiore. Le altre bambine, rispettivamente di 10 e 11 anni, si sono invece calate nei panni dei due volti di una delle protagoniste storiche dei cartoni degli anni Ottanta, meravigliando per la loro conoscenza del personaggio pur nonostante la loro età: «L’abbiamo scoperta su YouTube!», hanno ammesso candidamente, prendendosi un applauso scrosciante dalla nutrita platea. Le tre ragazzine hanno portato a casa, ex-aequo, un meritato Premio speciale per l’esibizione.

Ben riuscito anche il mash-up di madre, padre e figlioletta, che hanno incarnato rispettivamente laCatwoman di Tim Burton, Freddy Krueger e la Bambina dei Sogni, in uno scontro che ha coinvolto i due adulti per la salvezza o il possesso – a seconda dei punti di vista – della bambina, per nulla spaventata dall’aspetto terrificante del proprio papà. Alla particolarissima famiglia De Gennaro è andato il Premio per il miglior gruppo.

A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’Avena

Il Premio simpatia è stato assegnato a Francesco Zonno, interprete di Steve, il protagonista del videogame Minecraft, che ha realizzato il proprio costume in appena una settimana e con del semplice cartone, ma che già tre anni fa si era fatto notare per la sua prima esperienza in cosplay nei panni del maghetto Harry Potter. Anchequesta volta ha divertito e convinto pubblico e giuriadimostrando grande impegno e capacità di mettersi in gioco, come nel più puro spirito del cosplaying.

A essere premiati anche Giuseppe Visaggi con il cosplay di Jack Sparrow, e Antonio Campeggio e CeciliaMesto nelle vesti di Lucy Heartfilia e Midnight.

A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’AvenaUn plauso va rivolto alla conduzione della gara, affidata alla cosplayer Monica Shizuka, che si è presentata nei panni di Sana Kurata, e a Jimmy, speaker di Radio Selene, media partner da sempre di Miragica. In particolare Jimmy si è distinto per la professionalità e la notevole conoscenza dei personaggi interpretati dai concorrenti e dei videogame, dei film e gli anime da cui erano tratti, come non era invece accaduto durante le scorse edizioni del contest.

Alcuni cambiamenti rispetto al passato nell’organizzazione dell’evento si sono riverberati anche sulla scelta della giuria, presieduta dal volto televisivo di Metis De Meo e composta dal direttore del Parco e dai rappresentati di altri eventi pugliesi legati all’universo del cosplay e del fumetto: Wondercon, nato a giugno da una costola del B-Geek, Hobbit Village, clone nel più longevo e celebre Hobbiton organizzato dalla Società Tolkieniana Italiana, e Daunia Comics alla prima edizione nel prossimo mese di settembre.

Accanto ai partecipanti alla gara cosplay – che però non è propedeutica ad alcuna competizione su scala nazionale – si sono fatti notare in giro per il parco un ottimo Spider-Man, il cui costume era però chiaramente acquistato, un bello Spaventapasseri dal Mago di Oz, un’attraente Wonder Woman in inedita versione bionda, un curatissimo Ghostbuster, e due seducenti Vedova Nera e Donna Invisibile dai Fantastici 4 in compagnia di tre adorabili e biondissimi bambini in costume da Spider-Man.

A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’AvenaCome dicevamo, i cosplayer hanno apparentemente impattato in misura minore sull’affluenza a Miragica, che pure è stata incredibilmente alta per una sola giornata (si è parlato di oltre 6.000 visitatori), probabilmente perché un parco divertimenti non appare come il luogo ideale per un raduno. Nonostante le belle scenografie adatte alle foto, il costo del biglietto d’ingresso – almeno a giudicare dai commenti raccolti tra la gente – appare alto rispetto alle poche attrazioni offerte e i cosplayer sembrano poco interessati a fruire di montagne russe, tronchi sull’acqua e torri a discesa rapida, tanto più che un costume ingombrante o delicato è poco funzionale per questo genere di attività, ma realizzato per essere ammirato e fotografato.

A conclusione della giornata l’evento più atteso: a distanza di un anno dal suo primo concerto molfettese si è esibita per una folla in delirio Cristina D’Avena, icona indiscussa di almeno tre generazioni di teledipendenti e appassionati di cartoni giapponesi, come li chiamavamo una volta. Cristina ha incantato il pubblico con alcune delle più note canzoni del suo repertorio, dai Puffi, con cui ha aperto il concerto, a Occhi di gatto, da Memole dolce Memole a Mila e Shiro due cuori nella pallavolo, da C’era una volta… Pollon a Doraemon, fino alla sua canzone d’esordio Il Valzer del moscerino che la vide protagonista dello Zecchino d’oro del 1968. Per non scontentare il pubblico ha anche interpretato quattro brani fuori scaletta, cantando a cappella con il coro di centinaia di persone perfettamente all’unisono: David Gnomo amico mio, Magica magica Emi, Una spada per Lady Oscar e Il mistero della Pietra Azzurra. Ad accompagnarla nella sua esibizione anche alcuni cosplayer e i bravi ballerini del corpo di ballo di Miragica, che hanno interpretato i protagonisti di alcune delle sigle più amate e cantate di sempre.

A Miragica, tra cosplay e canzoni di Cristina D’Avena

I più coinvolti naturalmente gli adulti, trentenni e quarantenni figli di una televisione per ragazzi che è andata impoverendosi e guastandosi nel corso degli anni, fino a scomparire del tutto. Ma Cristina si è congedata dal suo pubblico con un monito, valido per i molteplici mondi di fantasia che ciascuno di noi ha voglia di costruirsi, dai fumetti ai cartoni al cosplaying: «Non permettete a nessuno di togliervi questo bellissimo sorriso!».

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio