Lo Spazio Bianco: Top Ten 2013, i vincitori

Torna l'annuale appuntamento della Top Ten: il meglio del fumetto in Italia per l'anno 2013. Da quest'anno viene istituita anche la categoria speciale dedicata ai webcomics.
Articolo aggiornato il 03/11/2015

Lo Spazio Bianco: Top Ten 2013, i vincitori

È stata una lunga e faticosa corsa quella verso questa edizione 2013 della nostra Top Ten. Costellata da ritardi, incomprensioni, slittamenti, incastratasi durante il cambio di grafica e i conseguenti problemi che per settimane ci hanno funestato, risucchiando via tutto il tempo a disposizione e, sostanzialmente, portando questa selezione del meglio dell’anno precedente a vedere la luce solamente adesso. Eppure non per questo teniamo meno a questo appuntamento, che proprio quest’anno ha visto qualche piccolo ma sostanziale cambiamento.

Intanto, prima e più evidente differenza con gli anni passati, il battesimo di una terza menzione speciale. Dalle prime Top Ten abbiamo sentito mano a mano il bisogno di sottolineare realtà sempre più importanti del mercato e della proposta fumettistica in Italia; per questo sono nate le menzioni per le riproposte storiche (siano esse ristampe o classici mai apparsi prima in Italia) e quella per la saggistica, settore quanto mai importante per formare non solo critici o storici, ma lettori attenti e consapevoli.

Quest’anno, ad affiancare queste due classifiche accessorie alla Top Ten, una terza menzione speciale, dedicata ai . Una realtà ancora forse apparentemente marginale, ma che occupa già una buona fetta delle letture a fumetti in Italia e che sicuramente sta crescendo e crescerà ancora, a dispetto di chi non la considera ancora rilevante.

La seconda novità riguarda la composizione dei votanti, che d’ora in avanti seguirà uno schema più rigido per garantire una maggiore turnazione dei giurati e una maggiore influenza del voto dei nostri collaboratori. Ecco che la giuria da quest’anno sarà formata da dieci tra esperti e critici del fumetto (anche se quest’anno per problemi tecnici, sono nove), cinque rappresentanti di altrettante realtà web (siano essi siti o blog personali) e cinque rappresentanti de Lo Spazio Bianco.

Ma abbiamo parlato abbastanza, veniamo alla Top Ten vera e propria!

TOP TEN: I DIECI MIGLIORI FUMETTI DEL 2013

TITOLI

TOT

UNASTORIA (Gipi – Coconino)102
L’INTERVISTA (Manuele Fior – Coconino)72
CORPICINO (Tuono Pettinato – Grrrzetic)54
IL NAO DI BROWN (Glyn Dillon – BAO)50
LA PROPRIETA’ (Rutu Modan – Rizzoli)29
TROPPO NON È MAI ABBASTANZA (Ulli Lust – Coconino)28
BLAST VOL.2 (Manu Larcenet – Coconino)21
FREEWAY (Mark Kalesniko – Panini)20
I SOLCHI DEL DESTINO (Paco Roca – Tunué)19
SAILOR TWAIN (Mark Siegel – BAO)18

LEGGI LA CLASSIFICA COMPLETA E LE CLASSIFICHE PARZIALI

Ogni votante poteva indicare fino a 10 posizioni; al primo segnalato si assegnavano 10 punti, quindi giù fino al decimo posto che valeva 1 punto.

Il ritorno di Gipi al fumetto e il nuovo lavoro di Manuele Fior erano probabilmente fin dall’inizio i due candidati principali al primo posto. Lavori che confermano due autori maturi, con una poetica riconoscibile, uno stile personale e capaci di rivolgersi anche ai lettori meno addentro al fumetto. Tuono Pettinato completa un podio tutto italiano con un’opera che è stata una piacevole sorpresa, da un autore capace di rinnovarsi pur mantenendo intatte le sue caratteristiche principali. Dietro questi tre, sette titoli invece da autori stranieri, tra nomi ben noti al lettore italiano (Modan, Larcenet, Roca) e altri invece proposti per la prima volta nel nostro paese.

Coconino Press domina la top ten con quattro titoli su dieci, segno di una annata di ottimo fumetto per la casa editrice di Igort. Seguono Bao Publishing con due fumetti, casa editrice che migliora di uscita in uscita quanto a proposte e varietà, e con un titolo ciascuna Grrrzetic, Rizzoli, Panini e Tunué.

Il distacco tra le prime posizioni è netto; dopo la quarta posizione c’è un altro scalino a cui segue una grande varietà di titoli nello spazio di pochi punti. Una dispersione di preferenze figlia probabilmente (anche) della vasta offerta di qualità che ha contraddistinto l’annata scorsa, che ha visto crescere le già citate Bao e Rizzoli, entrare in campo Panini con la linea 9L e Mondadori, come pure il rilancio di nuove serie e miniserie dalla Bonelli. Questa aumentata concorrenza, questa rincorsa al lettore da libreria e alla diversificazione per raggiungere nuovi target, si porta dietro quindi una corsa per proporre il titolo migliore che, da una parte, permette al lettore di poter scegliere tra una quantità di fumetti validi sempre maggiore, dall’altra rischia di far passare sotto traccia opere di qualità.

A questo proposito si nota anche quest’anno un risultato che ha portato spesso critiche alla nostra Top Ten, ovvero il distacco tra fumetti autoconclusivi in edizione da libreria (tu chiamale, se vuoi, graphic novel) e il fumetto seriale da edicola (tu chiamalo, se vuoi, popolare): il primo titolo Bonelli è al ventiduesimo posto. Il problema, se di problema si tratta, sta anche nella difficoltà di scegliere un albo su dodici mesi di uscite, o nel valutare una serie nel suo complesso, soggetta ad alti e bassi fisiologici. Fa comunque piacere trovare sia titoli della nuova collana de Le Storie, sia serie come Julia e Tex, due “classici” in via Buonarruoti, sia novità come Dragonero, come pure Long Wei, serie ormai in dirittura di arrivo ma da recuperare se l’avete persa, e il sempre attuale Diabolik nella sua incarnazione DK.

MENZIONE SPECIALE: MENZIONE STORICA E RISTAMPE

TITOLI

TOT

SINFONIA A BOMBAY (Igort – Coconino)9
TUTTOZANARDI (Pazienza – Fandango)8
VERSO UNA NOBILE MORTE (Shigeru Mizuki – Rizzoli)7

LEGGI LA CLASSIFICA COMPLETA E LE CLASSIFICHE PARZIALI

Ogni votante poteva indicare fino a 3 posizioni; al primo segnalato si assegnavano 3 punti, al secondo posto 2 e al terzo 1.

Due ristampe in testa alla classifica premiano la “riscoperta” di una serie di racconti di Igort e la riproposta in maniera degna di Andrea Pazienza. Al terzo posto, un fumetto giapponese che ha lasciato il segno e conferma quanto ancora ci sia da scoprire tra i classici del manga.

MENZIONE SPECIALE: SAGGISTICA

TITOLI

TOT

WILL EISNER – UNA VITA PER IL FUMETTO (Bob Andelman – Double Shot)9
LA STORIA DEI MIEI FUMETTI (Antonio Faeti – Donzelli)6
TEX. FIUMI DI CHINA ITALIANA IN DESERTI AMERICANI (Raffaele De Falco – NPE)6
MARVEL COMICS. UNA STORIA DI EROI E SUPEREROI (Sean Howe – Panini)6

LEGGI LA CLASSIFICA COMPLETA E LE CLASSIFICHE PARZIALI

Ogni votante poteva indicare fino a 3 posizioni; al primo segnalato si assegnavano 3 punti, al secondo posto 2 e al terzo 1.

Quattro titoli molto diversi tra loro, con tre titoli a pari merito dietro alla bella biografia su uno dei più grandi maestri che il fumetto contemporaneo abbia avuto, Will Eisner: una sorta di autobiografia attraverso i fumetti di Antonio Faeti, un esaustivo excursus nella storia editoriale del ranger Bonelli (e qui non nascondiamo un pizzico d’orgoglio per il lavoro di Raffaele De Falco con cui possiamo vantare una collaborazione ormai di lunga data) e uno sulla Casa delle Idee, sempre più lanciata dal fumetto al cinema.

MENZIONE SPECIALE: WEBCOMICS

TITOLI

TOT

ZEROCALCARE.IT (Michele Rech)8
GUD.IT (Daniele Bonomo)4
RUSTY DOGS – rusty-dogs.blogspot.it (Emiliano Longobardi)4

LEGGI LA CLASSIFICA COMPLETA E LE CLASSIFICHE PARZIALI

Ogni votante poteva indicare fino a 3 posizioni; al primo segnalato si assegnavano 3 punti, al secondo posto 2 e al terzo 1.

La prima edizione di questa nostra menzione speciale forse non ha raccolto molte preferenze, ma siamo convinti che fosse doveroso dare visibilità al fumetto in rete.
Non è una grande sorpresa trovare Zerocalcare (autore del logo di questa edizione) al primo posto. Per quanto abbia diradato gli aggiornamenti del suo blog per gestire al meglio i prossimi volumi cartacei, può essere considerata la punta di diamante del webcomics italiano, o se non altro il più conosciuto e seguito. Dietro di lui, il blog personale di Daniele Bonomo, ottimo spazio dove l’autore si racconta, propone reportage a fumetti dei suoi viaggi per le manifestazioni italiane e non solo, e riesce a proporsi in maniera spigliata e accattivante, e il progetto di Emiliano Longobardi, Rusty Dogs, serie di racconti noir a cui si alternano tanti disegnatori, tra cui molti professionisti affermati, e che merita pienamente la citazione.

 

VOTANTI

Clicca sui nomi per vedere le singole classifiche.

Critici/esperti

Alfonso Amendola
Loris Cantarelli
Serena Di Virgilio
Michele Ginevra
Ferruccio Gironimi
Tiziana Lo Porto
Andrea Plazzi
Andrea Provinciali
Michele R. Serra

Web

L’antro atomico del Dr. Manhattan: Alessandro Apreda
ComicUs: Gennaro Costanzo
Fumetti di carta: Orlando Furioso
Fumettologica: Matteo Stefanelli
PostCardCult: Davide Occhicone

Lo Spazio Bianco

Michele Garofoli
Davide Grilli
Elena Orlandi
David Padovani
Vittorio Rainone

RINGRAZIAMENTI

Si ringrazia naturalmente Zerocalcare per averci fornito il logo di questa edizione, Davide Grilli, Michele Garofoli e David Padovani per il supporto al caricamento delle classifiche e dei conteggi, e naturalmente tutti i votanti che hanno partecipato con entusiasmo (e spesso molta pazienza nei nostri confronti) così come chi, per un motivo o per l’altro, non ha potuto far parte della giuria ma ci ha sostenuti e incoraggiati.

E grazie a voi lettori, che date un senso a tutto quel che facciamo.

 

Se avete commenti sul risultato o suggerimenti per la prossima edizione, siamo qui pronti ad ascoltarvi!

1 Commento

1 Commento

  1. Andrea

    11 giugno 2014 a 13:16

    Grazie a Bob Andelman, Andrea Plazzi, la famiglia Eisner e tutti coloro che hanno creduto in questo progetto. //Andrea publisher Double Shot

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio