Il creativo indipendente [3/3] – il conto vendita

contratto conto vendita mani puzzle officina meningi

IL CONTRATTO DI CONTO VENDITA

Negli scorsi appuntamento abbiamo scoperto come vendere le vostre opere creative a fiere ed eventi [con l’atto di notorietà] e come lavorare da professionisti per periodi limitati [con la ritenuta d’accontosenza aprire partita IVA; oggi vi forniremo l’ultimo strumento di questa breve guida per poter vendere il frutto del vostro ingegno nei negozi: il contratto estimatorio (o, più comunemente, di conto vendita)

Si tratta di una formula contrattuale dove un rivenditore ha la possibilità di pagare a un fornitore solo ciò che riuscirà a vendere di un dato quantitativo di merce (guadagnando sulla differenza fra prezzo di acquisto e prezzo di vendita), per poi restituire al medesimo l’invenduto dopo un determinato periodo di tempo.

° PER IL RIVENDITORE: a fronte di un numero maggiore di fornitori da gestire, il vantaggio sta nella possibilità di disporre di un assortimento maggiore senza doversi fare carico del costo d’acquisto.

(E, nel caso di merce fornita da creativi indipendenti, si aggiunge un indubbio fattore di esclusività del prodotto)

° PER IL FORNITORE: a fronte del rischio dell’invenduto, il vantaggio sta nella possibilità di garantirsi una distribuzione e, quindi, un canale alternativo alla sola vendita on-line.

(Ma attenzione, il creativo indipendente senza partita IVA può vendere solo nei marketplace!)

[SCARICA QUI IL MODELLO DI CONTRATTO DI CONTO VENDITA]

In sintesi, all’atto della consegna il rivenditore ottiene la disponibilità dei beni, ma la proprietà rimane del fornitore fino alla vendita.

Il rivenditore, da parte sua, ha la facoltà di liberarsi dall’impegno restituendo la merce al fornitore anche prima del termine pattuito, ma in caso di smarrimento o danneggiamento dei prodotti (anche per cause non imputabili direttamente al rivenditore), quest’ultimo resta comunque obbligato al pagamento del prezzo [nello specifico vedi l’art. 1557 del Codice Civile sull’impossibilità di restituzione] e al versamento della ritenuta d’acconto sulla sua percentuale di guadagno.

Nel documento disponibile in download ogni punto del contratto è stato esteso per rendere chiari gli obblighi di ambo le parti.

Se avete dubbi, domande o suggerimenti per i prossimi articoli lasciateci pure un commento, altrimenti venite a trovarci su Officina Meningisulla nostra pagina facebook.

Se te lo sei perso, ti potrebbe interessare anche:
° Il creativo indipendente [1/3] – L’atto di notorietà
° Il creativo indipendente [2/3] – La ritenuta d’acconto


EHI, NON PERDERTI IL PROSSIMO ARTICOLO!