Kiseiju: cronache dall’invasione, tra Spider-Man e Devilman

Supereroi, invasori, manga: Kiseiju - L'ospite indesiderato di Hitoshi Iwaaki è un fumetto horror/fantascientifico che ispira riflessioni e confronti.
Articolo aggiornato il 22/03/2017

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e DevilmanEdito inizialmente da Phoenix e in seguito da Magic Press, de L’ospite indesiderato, opera di , sono stati pubblicati in Italia otto volumi su dieci totali. La RW Edizioni con la linea Goen ne reinizia la serializzazione a inizio 2015.

Il fumetto racconta una misteriosa invasione da parte di una nuova specie di parassiti, capace di prendere possesso del cervello delle persone e sostituirsi a loro.
Una volta posseduta, la personalità originale viene sostituita dal parassita, il corpo ospite diviene capace di trasformarsi per creare armi, denti, tentacoli; l’istinto primario di queste creature è cibarsi di esseri umani.
Shinichi, un liceale giapponese, sopravvive all’assalto di uno di questi esseri confinandolo nel proprio braccio destro, ritrovandosi così a convivere con la creatura, scoprendo sulla propria pelle l’invasione in atto e impegnandosi per combatterla.

Il tratto dell’autore è grezzo, elementare in molti aspetti, pur mostrando una costante evoluzione e riuscendo, specie nelle copertine e nelle illustrazioni a colori, a nascondere i propri limiti; uno stile comunque volutamente semplice, anche per contrasto con una storia violenta che, altrimenti, svicolerebbe nello splatter in più punti, e che identifica l’autore come figura underground rispetto al panorama del fumetto popolare giapponese.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e Devilman

L’opera, pur con qualche momento di stanca nella parte centrale, è appassionante e coinvolgente, scritta con misura, con momenti drammatici e altri profondi appena stemperati dalle pause tra gli uni e gli altri.
Uno dei piccoli gioiellini dimenticati dall’editoria italiana, vittima, oltre che dello scarso successo, di una visibilità compromessa anche dal cambio di editore e da una periodicità di conseguenza irregolare.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e DevilmanL’ospite indesiderato si inserisce perfettamente in quella tipologia di racconto classica, cara a tanti manga dai generi e dai toni più disparati, nella quale un ragazzo come tanti riceve un potere superiore al normale per combattere una minaccia verso l’umanità.
Tante le forme in cui queste due componenti sono state declinate nei fumetti giapponesi, dalle possessioni demoniache invocate per combattere il risveglio dei demoni a invincibili armi sotto forma di robot giganti chiamati a distruggere alieni ostili.
Ma l’impianto di base dell’uomo comune che riceve una forza altra, da cui trae la possibilità di fare del bene al prossimo, ma da cui riceve anche conseguenze drammatiche e pericolose, è in fondo lo stesso che ha fatto la fortuna del supereroe a la Marvel, da Spider-Man in poi: il tema tanto caro a Stan Lee del “supereroe con superproblemi”.

È curioso notare come differisca nelle due scuole, quella giapponese e quella statunitense legata principalmente al supereroistico, la natura dell’elemento ostile contro cui lotta/no il/i protagonista/i.

Nella società giapponese, ancora vincolata a una tradizione sociale fortemente strutturata e unita da una figura una volta considerata di natura divina come l’imperatore, che ha subito l’onta della sconfitta nella Seconda Guerra Mondiale e quella ancor peggiore della conseguente invasione e assoggettamento agli stranieri, il nemico non può che venire da fuori, una minaccia sconosciuta, non può che essere l’alieno o il diavolo o esseri dagli abissi della terra.

Il supereroe americano si trova invece a difendere le persone a lui vicine da elementi della stessa comunità sociale, caratterizzati da avidità, crudeltà o follia vera e propria. Una società di stampo individualista e dal passato colonialista, senza una tradizione di invasori da respingere oltre i propri confini, non può che cercare il nemico al suo stesso interno, nella corruzione nata dalla propria stessa opulenza.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e DevilmanSpingendo a fondo questa visione, L’ospite indesiderato si presta allora a una ulteriore considerazione basata su questi concetti.
Si suggerisce infatti, pur senza approfondirlo, che la natura delle creature non sia aliena, ma che siano state create dalla scienza per ristabilire una sorta di giustizia nella catena alimentare, creando un predatore per l’essere umano e riequilibrando l’ecosistema terrestre con una terapia d’urto. Ma il non svelare mai con chiarezza chi, come, perché abbia dato vita a questi esseri li rende comunque alieni, altri, invasori. Invasori che entrano nella persone, ne assumono l’aspetto, le sostituiscono. I parassiti sono elementi di demarcazione dell’individuo tra un prima e un dopo, un cambiamento strisciante apparentemente invisibile all’esterno, ma profondo e irreversibile.

Tema quanto mai caro alla fantascienza classica, che richiama alla mente pellicole in bianco e nero e che fonda la sua efficacia sulla paura verso quel cambiamento che, dall’esterno, viene a corrompere, disgregare, portare disordine nell’ordine costituito. Quel cambiamento che nella società del Giappone del post-Seconda Guerra Mondiale è stato portato dall’apertura verso la cultura occidentale, verso nuovi modelli di vita, nuovi prodotti di consumo, nuovi idoli e mode.

Una metafora che porta forse all’estremo il messaggio del fumetto, ma che svela comunque la natura del meccanismo di orrore che ne sta alla base e come questo possa portare a suggestioni e interpretazioni forse ben lontane da quelle originarie dell’autore.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e Devilman

Un altro particolare da sottolineare si perde purtroppo nell’edizione italiana, che presenta le tavole ribaltate per una lettura all’occidentale. In questo caso infatti il parassita risulta insidiarsi nel braccio sinistro del protagonista, tanto da venire soprannominato Mancy, mentre in originale è il braccio destro a essere abitato dall’ospite indesiderato.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e DevilmanPer quanto sia personalmente favorevole ad adattare quanto più possibile un’opera per renderla più facilmente fruibile (1) , in questo caso ci troviamo di fronte a conseguenze ben precise nella percezione della storia da parte del lettore occidentale.
Per la maggior parte di questi (2) , la creatura ha infestato il braccio secondario, la mano che funge da sostegno alla destra, mentre nell’intenzione dell’autore è il braccio primario, quello con cui ci si ciba, si scrive, si entra maggiormente in contatto con gli altri, a esser controllato.

Vista nelle intenzioni dell’autore, quindi, l’entità della possessione è molto più forte di come percepibile al lettore italiano; una convivenza maggiormente debilitante e limitante, che rende di fatto in qualche modo il contatto con l’esterno vincolato dal parassita.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e DevilmanL’ospite indesiderato ha molte affinità con un classico del fumetto, Devilman di Go Nagai (3) .

In entrambi i casi l’invasione avviene attraverso la possessione della gente comune (possessione demoniaca per Nagai, infestante per Iwaaki), il protagonista è costretto a diventare in parte un mostro a propria volta per combatterla, andando così a perdere persone care e a subire gli effetti di un cambiamento non solo fisico ma anche mentale.  Non mancano altri elementi comuni, dalla scoperta di altre persone che condividono la stessa sorte, all’intervento tardivo dell’esercito, alla fobia del mostro nascosto nelle persone vicine.

Ciò che differenzia molto le due opere sono il tono con cui vengono affrontate queste basi, la portata degli avvenimenti e naturalmente la risoluzione.

Tanto è colmo di pessimismo, di senso dell’ineluttabile, di impotenza e di sfiducia verso la natura dell’essere umano il capolavoro di Go Nagai, tanto lascia spiazzati la deriva finale de L’ospite indesiderato, che suggerisce il raggiungimento di una sorta di equilibrio nel rapporto di forze tra gli uomini e i parassiti nascosti tra loro.

Con Iwaaki si assiste a una sorta di umanizzazione dell’invasore, capace di apprendere dagli esseri umani e di apprezzarne la natura sociale tanto da cercare di imitarla; Nagai nega invece qualunque possibilità di interazione tra uomini e demoni, portando all’estrema conseguenza la guerra tra le due specie e ponendo il dubbio che l’essere umano non sia meno crudele e folle dei diavoli.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e Devilman

Segno probabilmente, oltre che di una diversa sensibilità degli autori, del contesto storico-sociale in cui queste opere sono nate, caratterizzato da una incertezza e da un pessimismo di fondo Devilman, legato a una visione quasi new age L’ospite indesiderato.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e DevilmanAl termine di questa analisi, mi preme sottolineare come da un’opera, un prodotto definibile di “evasione”, possano nascere riflessioni capaci di andare ben oltre il fumetto stesso.

Poco importa, dal mio punto di vista, se quanto analizzato fosse effettivamente nella mente degli autori o se possa essere una interpretazione valida in assoluto. La cosa più interessante secondo me è come, guardandolo da un punto di vista laterale, cercando di leggere tra le vignette, sia possibile trovare in un fumetto spunti di discussione, associazioni curiose, stimoli mentali.

Caratteristica di un buon fumetto popolare dev’essere infatti la possibilità di offrire molteplici livelli di lettura e la possibilità di trovare riflessi del reale, del contesto in cui sono nati, al di sotto della loro superficie di prodotto di intrattenimento e svago; e riuscire a essere efficace in entrambi questi aspetti.

Kiseiju: cronache dall'invasione, tra Spider-Man e Devilman


Note:
  1. In merito al ribaltamento delle tavole dei manga si può leggere l’opinione di Daniele Barbieri in: www.guardareleggere.net/2011/10/25/dei-manga-pubblicati-in-edizione-ribaltata-e-dei-mali-del-fumetto ; per un approfondimento invece sull’adattamento delle onomatopee, un interessante reportage su www.animeclick.it/news/27836-asuka-ozumi-j-pop-le-onomatopee-nei-manga-in-italia-ac-report  

  2. Nel 1998, secondo uno studio, solo il 7-10% della popolazione adulta era mancina fonte: it.wikipedia.org/wiki/Mancinismo  

  3. Sul quale non possiamo non segnalare il nostro speciale con approfondimenti e omaggi di disegnatori italiani, che potete leggere qua: www.lospaziobianco.it/54831-speciale-devilman-40-anni-orrore 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio